banner NidPlatform 2024
banner Santarcangelo Festival
banner NidPlatform 2024
banner NidPlatform 2024
banner Santarcangelo Festival
HomeArticoliFestival: reportage e articoliFestival dei generi teatrali Operum Harmonia 2009: Rezza, Manifattura Scalza e Gruppo...

Festival dei generi teatrali Operum Harmonia 2009: Rezza, Manifattura Scalza e Gruppo Dire

festival-generi-teatrali-2009-operum-harmonia

Nella calda e vorticosa estate italiana dei festival teatrali c’è spazio per tutti: regioni città, province e piccoli comuni, ognuno col proprio evento. Dopo un rutilante susseguirsi di importanti e storiche manifestazioni, dalla mastodontica, benché giovane, macchina artistica del Napoli Teatro Festival, passando per Inequilibrio, Festival delle Colline Torinesi, arrivando poi a Volterra, Santarcangelo e Drodesera (per citarne solo alcuni), ci si è fermati solo per qualche giorno. Ed ecco che prima di un autunno all’insegna di Es.Terni 2009, l’imperdibile Romaeuropa Festival e poi Vie a Modena, assisteremo non solo al Festival Castel dei Mondi di Andria, ma anche alla due giorni del Festival Operum Harmonia, nella sacralità del parco dell’ abbazia medioevale di Farfa in provincia di Rieti.

La rassegna ideata dall’Associazione Estate97.Opzioni in collaborazione con il Comune di Fara in Sabina ( Assessorato alla Cultura), con il sostegno della Regione Lazio (Assessorato alla Cultura, Sport e Turismo) e i patrocini dell’ETI – Ente Teatrale Italiano, del gruppo Teatro91 e della Fondazione “Istituto Filippo Cremonesi”, con la direzione artistica di Mariana Giomi, presenta quest’anno Io , spettacolo del 1998 di Antonio Rezza e Flavia Mastrella, Gianna di Manifattura Scalza e Tempo di esposizione. La carovana dei racconti del Gruppo Dire.

Dalla presentazione dell’ideatrice e direttrice artistica Mariana Giomi:

C’è come un ribaltamento, il teatro non è più finzione rispetto alla realtà, al contrario serve a smascherare la finzione della realtà, lo fa nel modo più coraggioso, mettendosi davanti o in mezzo a qualcuno, comunicandoci, agendo.
Forse è proprio questo coraggio dei “giovani”, termine sempre più strumentalizzato, che mette in crisi tutto un sistema di politica culturale che, oltre a danneggiare l’artista, danneggia in primo luogo lo spettatore, dequalificandone una potenziale formazione.
I luoghi servono a questo, a far scendere il teatro dal suo palco.
“Democraticizzare” la cultura teatrale aiuta tutti a riavvicinarsi e riprendersi una realtà che ha bisogno di essere ascoltata meglio, osservata meglio, detta meglio e capita meglio.

29 e 30 agosto 2009
ingresso gratuito
Farfa (Ri) – www.estate97.it

Leggi il programma completo di orari e trame degli spettacoli

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Corpo, identità e politica. Rivelazioni della GenZ a Dominio Pubblico 24

Il bando New Breath 2024 del progetto Dominio Pubblico, l'esperienza decennale di direzione artistica partecipata under 25, ha selezionato per lo Young Fest di...