Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
HomeCordelia - le RecensioniCOME SE NIENTE FOSSE (di e con Davide Grillo)

COME SE NIENTE FOSSE (di e con Davide Grillo)

Questa recensione fa parte di Cordelia, febbraio 2023

Purtroppo per una sola data al Centrale Preneste Teatro, Davide Grillo ha presentato la sua nuova interrogazione sull’esistente dal titolo Come se niente fosse, con l’aggiunta del primo sottotitolo Bollettini da un paese che ha perso i sensi e del secondo sottotitolo, Monologo per un approccio meteorologico all’insignificanza. Ma è il titolo ad essere definitivo di uno stato d’animo a cui Grillo dà complessità senza pesantezza, ragionamento senza elucubrazione, emozione senza moralismo. I semafori sono perennemente gialli in questa città colpita da un’allerta meteo caratterizzata da un «generale senso di vacuità», dove «il senso delle cose verrà a mancare» e la cui percezione giunge perché «me ne resi conto dal discorso di lei». La similitudine poetica che sottende alla drammaturgia è racchiusa nella corrispondenza tra la questione meteorologica e quella nichilista. Il protagonista non si chiude però nel disfattismo ma – con comiche digressioni e trovate musicali, come la sigla del TG1 suonata al trombone, alcune più incisive di altre che l’attore “prova” e sbaglia, volutamente chissà, testando la reazione del pubblico – reagisce a quel che accade e ha bisogno di parlare con la società, dal fattorino di Amazon agli amici, per arrivare a parlare con lei, a quel caffè delle 15. «Il vuoto si riempie con gli altri o si allarga?» è la domanda della nostra generazione ancora stupita dalla fine dei sentimenti nonostante il reale sia manifestazione di cose che finiscono, e lo dirà bene la prof. di filosofia, siamo nel «divenire, che significa venir giù». Con esaltazione durante il monologo – scritto e interpretato da Grillo che non ha presunzione da filosofo ma sa far emergere la filosofia del presente – ridiamo incastrati tra la paura del “come se niente fosse” e la sua stoica accettazione e poi, al termine dello spettacolo, saliti in macchina, restiamo da soli «con forti ventilate di ipotesi a più di dieci nodi alla gola», e ci auguriamo davvero che «una brezza di spensieratezza soffierà via alcune nubi di dubbi sparse». (Lucia Medri)

Visto a Centrale Preneste Teatro: di e con Davide Grillo; produzione indipendente. Foto di Natalia Alana

Leggi altre recensioni su Cordelia, febbraio 2023

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Lucia Medri
Lucia Medri
Giornalista pubblicista iscritta all'ODG della Regione Lazio, laureata al DAMS presso l’Università degli Studi di Roma Tre con una tesi magistrale in Antropologia Sociale. Dopo la formazione editoriale in contesti quali agenzie letterarie e case editrici (Einaudi) si specializza in web editing e social media management svolgendo come freelance attività di redazione, ghostwriting e consulenza presso agenzie di comunicazione, testate giornalistiche, e per realtà promotrici in ambito culturale (Fondazione Cinema per Roma). Nel 2018, vince il Premio Nico Garrone come "critica sensibile al teatro che muta".

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

L’amore come caduta per i 30 anni di Spellbound

Il programma di danza di Amat per Pesaro Capitale della Cultura 2023/2024 si è chiuso con una importante celebrazione: il trentennale della compagnia romana...