Teatri in rivolta a Parigi: occupata la Comédie-Française

PARIGI: Occupata anche la Comédie Française dai lavoratori intermittenti dello spettacolo

Aggiornamento 28 aprile: in seguito al raggiungiomento degli accordi tra le parti sociali è finita pacificamente, alle ore 14, l’occupazione della Comédie-Française inizia la sera del 26 aprile. Info: http://www.franceinfo.fr/fil-info/article/fin-de-l-occupation-de-la-comedie-francaise-apres-l-accord-trouve-sur-l-assurance-chomage-des-785821

 
Un centinaio di lavoratori dello spettacolo sono entrati nella storica istituzione teatrale, la Comédie-Française, una delle più antiche e importanti del mondo, fondata nel 1680 e dal 1799 nel cuore del Palais-Royal. Dalle notizie che ci arrivano lo spettacolo in corso è stato bloccato. Come potete vedere dalle immagini postate su twitter sul palco ci sono attivisti e striscioni. In un breve video si vedono gli attivisti mentre appendono lo striscione della protesta sulla facciata esterna.

È il quinto teatro francese ad essere occupato dopo Montpellier, Bordeaux, Caen e l’Odéon. Quest’ultimo, sempre a Parigi, ha visto una cinquantina di manifestanti entrare nella serata del 24 aprile.

Bisogna ricordare che sono previste manifestazioni in più di 200 città contro il Jobs Act di Hollande/Valls. Nello specifico la protesta in questo caso è contro il taglio di 185 milioni di euro al fondo per disoccupati, precari e intermittenti. Queste occupazioni hanno come obiettivo quello di far pressione sui negoziati in corso al ministero del lavoro che riguardano il regime di assicurazione contro la disoccupazione dei lavoratori dello spettacolo.

Aggiornamento 28 aprile: in seguito al raggiungiomento degli accordi tra le parti sociali è finita pacificamente, alle ore 14, l’occupazione della Comédie-Française inizia la sera del 26 aprile. Info: http://www.franceinfo.fr/fil-info/article/fin-de-l-occupation-de-la-comedie-francaise-apres-l-accord-trouve-sur-l-assurance-chomage-des-785821

Aggiornamento 28 aprile: Libération riporta la notizia del raggiungimento di un accordo da parte del sindacato CGT Spectacle. Nell’accordo si parla di 507 ore di lavoro all’anno per avere accesso all’assicurazione. È attesa però la posizione degli intemittenti rispetto al risultato dei negoziati.Info articolo Libération

Aggiornamento 27 aprile: gli occupanti della Comédie Française emanano un comunicato con le motivazioni della lotta. Leggilo qui in italiano

Aggiornamento 26 aprile ore 23.10: il CIP idf (Coordinamento degli intermittenti e precari in lotta) pubblica l’elenco dei #Théâtresoccupés:

CDN de Montpellier
CDN de Bordeaux
CDN de Caen
Théâtre National de l’Odéon
Théâtre National Strasbourg
Comédie Française
Théâtre du Nord à Lille

Aggiornamento 26 aprile ore 22.30: il direttore e il personale de la Comédie Française sostengono les intermittents e i militanti di Nuit Debout.

Aggiornamento 26 aprile ore 21.40: Éric Ruf, amministratore generale de la Comédie Française, ha chiesto alla polizia di non intervenire.

Aggiornamento 26 aprile ore 21.30: Nuit Debout dal suo account twitter annuncia che dopo l’Odéon e la Comédie Française, anche il TNS di Strasburgo è stato occupato. Nel frattempo, Jean-Luc Nancy interviene ai microfoni di Radio Debout.

pagina in aggiornamento

 

su twitter #ComédieFrançaise

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here