Banner “Banner Danza in rete
Banner Bando Veleia Teatro
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner “Banner Danza in rete
Banner “Banner Danza in rete
Banner Bando Veleia Teatro
Banner workshop di critica a inDivenire
HomeArticoliElvira Frosini e Daniele Timpano in "Sì l’ammore no"

Elvira Frosini e Daniele Timpano in “Sì l’ammore no”

Daniele Timpano, Elvira Frosini - Si l'ammore no
Daniele Timpano, Elvira Frosini – Si l’ammore no

L’amore sì, l’amore no. È sfogliando l’abusata margherita che si risponde a questa domanda, ogni petalo uguale a sé stesso rifiorisce, in ogni distacco dalla corolla, la stessa contraddittoria verità: il sì o il no si alternano con incredibile leggerezza, quasi noncuranza del risultato finale: sì o no, non importa, quel che conta è l’amore, presente in ognuna delle due affermazioni. Questo il sentimento proposto da Daniele Timpano ed Elvira Frosini, amnesiA vivacE/Kataklisma, nel loro Sì l’ammore no: un ribaltamento continuo nell’una o nell’altra direzione, che tuttavia non si negano ma sono facciate di un unico tema, l’ammore appunto, la foglia ritratta nell’istante in cui sta decidendo se restare appesa al ramo oppure cadere, la condanna a felicità o un suicidio a orologeria, la vita che si complica e distende, liberata o in catene, decisa ogni volta, solo per un sì o per un no.

L’ammore, due emme. Perché è il loro, pronunciato alla maniera che preferiscono, forse scorretto di grammatica, ma perfettamente corretto nel loro sentimento. L’ammore è quel che li lega anche nella vita, sposati per metterlo in scena verrebbe da dire sorridendo, ma cosa c’è di più vero che prendersi gioco della propria felicità diversità e poi nevrosi ora anche di coppia? Questo teatro, che appartiene più al percorso di Daniele Timpano e in cui Elvira Frosini si inserisce alla perfezione, è l’arte di sbeffeggiare sé stessi, le proprie paure, ansie, tradimenti dell’individualità in questo caso, e di non sentirsene affatto gravati.

In scena i due non fanno nulla di straordinario: corrono, cantano, ballano, si sposano pure, ma tutto con la leggerezza che appartiene al tema, quella sensazione di poter fare tutto e che tutto andrà bene, nella vita come in scena: in fondo quando si è innamorati non ci si sente proprio così? La loro storia, raccontata da entrambi, è falsa, si contraddice, come è giusto che sia, e allora forse capisco che cos’è l’amore, nel momento finale: una radio che perde costantemente segnale e passa di stazione in stazione, una canzone ne soppianta un’altra di altro genere, magari le continua anche a suonare in sottofondo, ma non importa: in questo enorme, assordante frastuono, ci sono un uomo e una donna che non capiscono, ballano cantano si amano, e pure vanno avanti.

A fondamento dello spettacolo c’è la devianza cui siamo stati costretti, parlando d’amore, dalla cultura pop e dalla televisione, che li porta a giocare con la musica, tradire sentimenti con lo straniamento d’effetto, poter dire “noi facciamo l’amore così: in playback. Tutto il mondo lo fa”, e questo è vero accidenti, abbiamo imparato a canzonare noi stessi ripetendo frasi e gesti mutuati dalla tv, l’organo che ripetiamo e che ci ripete al punto da non capire più qual è l’origine delle cose o emozioni: il vero o il posticcio è la genesi? La confusione, frammentazione della verità ha portato fin qui, a non capire più se questi sentimenti ci appartengano veramente o siamo in una vorticosa balìa di oceano in cui la barca si muove ora verso il sì, ora verso il no, seguendo il dolce, ipnotico, sfuggente dondolare delle onde.

Simone Nebbia

Leggi anche la recensione di Andrea Pocosgnich su Si l’ammore no

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Simone Nebbia
Simone Nebbia
Professore di scuola media e scrittore. Animatore di Teatro e Critica fin dai primi mesi, collabora con Radio Onda Rossa e ha fatto parte parte della redazione de "I Quaderni del Teatro di Roma", periodico mensile diretto da Attilio Scarpellini. Nel 2013 è co-autore del volume "Il declino del teatro di regia" (Editoria & Spettacolo, di Franco Cordelli, a cura di Andrea Cortellessa); ha collaborato con il programma di "Rai Scuola Terza Pagina". Uscito a dicembre 2013 per l'editore Titivillus il volume "Teatro Studio Krypton. Trent'anni di solitudine". Suoi testi sono apparsi su numerosi periodici e raccolte saggistiche. È, quando può, un cantautore. Nel 2021 ha pubblicato il romanzo Rosso Antico (Giulio Perrone Editore)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Corvidae. E se non avessimo più paura di morire?

 Recensione. Al Teatro Nuovo di Napoli è andato in scena Corvidae. Sguardi di specie di Marta Cuscunà. Scritto nel 2022 per il programma televisivo...

Media Partnership

Contemporaneo Futuro: nel tempo della nuova visione

Presentiamo con un articolo in media partnership la IV edizione del festival Contemporaneo Futuro dedicato ai nuovi autori e ai nuovi pubblici a cura di Fabrizio Pallara che si svolgerà al Teatro India - Teatro Torlonia dal 10 al 14 aprile .