Dal Globe Theatre occupato: la protesta e l’agorà

Un racconto video delle prime ore dell’occupazione del Globe Theatre a Roma

Lavoratrici e lavoratori dello spettacolo e della cultura sono entrati nello spazio teatrale di Villa Borghese, il Silvano Toti Globe Theatre che – secondo quello che ha affermato la sindaca Raggi – sarò intitolato a Gigi Proietti. Il gruppo di attivisti (qui il comunicato stampa dell’occupazione) ha da subito aperto alla cittadinanza un’assemblea quotidiana (nel pomeriggio) e per almeno una settimana ogni mattina dalle 10,00 verranno organizzati dei tavoli tematici. Rifare il mondo / Remake the Globe è il motto dell’azione del Globe Theatre occupato: durante la prima assemblea erano presenti anche il Ministro Franceschini (che alla Camera ha ribadito la necessità di riaprire con sicurezza) e l’assessora alla cultura di Roma Capitale Lorenza Fruci solidale con gli occupanti del Globe. Ma soprattutto nell’assemblea pubblica sono intervenuti e interverranno i rappresentanti di settori, movimenti e comparti anche lontani e non necessariamente contigui allo spettacolo dal vivo. Nel video il racconto della mattinata e le interviste alle attiviste e agli attivisti.

a cura di Francesca Pierri
realizzazione immagini e interviste di Lorenzo Capezzuoli Ranchi

GUARDA ANCHE l’intervista: Globe Theatre, prendere parola e rifare il mondo

 

 

GUARDA ANCHE l’intervista: Globe Theatre, prendere parola e rifare il mondo

 

Articoli e riflessioni su teatro, spettacolo e coronavirus

 

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here