Paolo Rossi. Arlecchino di conseguenza

Paolo Rossi e il suo Arlecchino visto al Teatro Biondo di Palermo. Recensione

 

Foto Valeria Palermo
Foto Valeria Palermo

Al posto del vestito di pezze colorate, Paolo Rossi ha una giacca di post-it per il suo Arlecchino. Come osserveremmo anche dalla sua camminata – di cui vediamo la naturalezza nell’artificio di un incedere sbilenco – egli non è il saltimbanco delle iconografie settecentesche, non ricalca la maschera di Ferruccio Soleri diretto da Strehler, ma conserva ancora qualcosa per così dire di animalesco: gamba leggermente tesa, tic di mano, sedere in fuori, parlata impastata. Non lo è, ma potrebbe esser benissimo un personaggio qualsiasi: è questo che lo rende così vicino. Nel bel mezzo di una tournée che avrà il suo seguito anche durante il 2015, lo ritroviamo al Teatro Biondo di Palermo, assieme a un pubblico di abbonati che non ha fatto fatica ad apprezzare il taglio satirico del comico milanese d’adozione ma con le radici proprio in terra sicula.

Non delude la promessa di un arlecchino dei nostri tempi, come voleva per lui proprio uno dei fondatori del Piccolo, prendendo in prestito vecchi e nuovi pezzi del repertorio a cui ci ha abituato Rossi nella forma che gli è congeniale, vicina a certa stand-up comedy (che finge l’eterna messa in prova) e soprattutto al teatro-canzone. Del resto, in scena assieme a lui ci sono tre grandi musicisti, Emanuele dell’Aquila (autore anche dei brani originali), Alex Orciari e Stefano Bembi, in grado di spaziare dal Volo del Calabrone in chiave slava alle gare virtuosistiche su Knockin’on heaven’s door fino a I giardini di Marzo (cantata in sala da tutti), dalle canzoni di Gianmaria Testa fino al sempiterno omaggio a Jannacci-Fo di Ho visto un re, a chiusura spettacolo.

Foto Valeria Palermo
Foto Valeria Palermo

Davanti a un fondale dipinto che ha i colori e quel piglio surreale à la Chagall, cosa fa questo Arlecchino scalzo, di che parla, cosa sostituisce alla satira politica («non posso più fare parodia della parodia» dichiarava nell’intervista rilasciata ad Andrea Pocosgnich)? Il suo è un viaggio che prende a prestito la vena sardonica della prima tradizione, quella non ancora fissata nei lazzi goldoniani ma che fonda sull’improvvisazione di un canovaccio e la adatta alle situazioni della vita che diventano comiche probabilmente soltanto di conseguenza, il suo è un atteggiamento “sulfureo” che dichiara di “non aver padroni”, ma che al massimo trova dei compagni di strada con cui condividere l’avventura. La situazione personale e intima, vuoi legata alla morte (presenza fortissima) o ai rapporti di coppia, vuoi legata alla riabilitazione per l’abuso di alcol o legata al “dramma” del comico, costretto oramai a spacciare la propria arte anche in battesimi matrimoni e addii al nubilato, trova spazio in una condivisione più grande: Rossi fa suo il personaggio in bilico tra finzione e verità, tra autobiografia e arlecchinata; come certi clown rimescola le sue carte, le fa cadere, forse apposta forse no; gioca su quei “venti minuti di storia” e continuerà a ripeterli, per tutta la vita, al fine di migliorarli.

Viviana Raciti
Twitter @viviana_raciti

Visto al Teatro Biondo di Palermo, dicembre 2014

ARLECCHINO
di e con Paolo Rossi
e con Emanuele Dell’Aquila, Alex Orciari e Stefano Bembi
impianto scenico Paolo Rossi e Andrea Stanisci
musiche originali Emanuele Dell’Aquila
canzoni Gianmaria Testa
scritto da Paolo Rossi e Riccardo Piferi
produzione CRT Milano| Centro Ricerche Teatrali

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
Previous articleBando Trasparenze Festival 2015
Next articleReportage Imitating the dog/Hemingway
Avatar
Viviana Raciti, siciliana d’origine, dopo gli studi classici si trasferisce a Roma, dove si avvicina al mondo dell’arte attoriale e all’animazione teatrale, per poi preferire la strada della critica. Nel 2015 consegue la laurea magistrale presso l’Università La Sapienza in ‘Saperi e Tecniche dello spettacolo teatrale’ con una tesi dal titolo La produzione drammaturgica di Franco Scaldati. Ordinamento, schedatura e analisi, mettendo per la prima volta in luce l’effettiva entità del corpus di opere dell’autore palermitano. Sempre sulla figura di Scaldati ottiene la borsa di dottorato presso l’Università di Tor Vergata. Dal 2012 è redattrice presso la testata online «Teatro e Critica» scrivendo di teatro, danza e teatro ragazzi, mentre dal 2015 fa parte della redazione della testata culturale «Move in Sicily».

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here