Massimiliano Civica: un laboratorio di recitazione gratuito

PAROLE DI LEGNO Il mestiere di dire i versi è il titolo del laboratorio gratuito, per un massimo di 20 iscritti, che il regista Massimiliano Civica terrà al Castello Pasquini di Castiglioncello, dal 23 al 27 ottobre.

Il laboratorio, inserito nell’ambito delle Dimore d’Autunno/ Residenze artistiche di Armunia, intende familiarizzare i partecipanti sul lavoro sulla voce naturale, non accademicamente impostata (con lo studio del parametro della proiezione attraverso la recitazione in coro) e sulla lettura metrica e lo studio di testi poetici italiani. Gli allievi lavoreranno su poesie di Pascoli, Metastasio, Poliziano, Leopardi, e attraverseranno, “assaggiandole” in punta di lingua, strutture metriche diverse, dal senario all’endecasillabo, per poi toccare la versificazione libera del ‘900 italiano. Il lavoro sui versi metrici italiani, affrontato con la curiosità del bimbo che “smonta il giocattolo” per vedere come funziona, aiuta a comprendere e a praticare la necessità di conciliare forma e contenuto, schema e libertà di improvvisazione, un testo “dato per sempre” e qualcuno che lo “dice” qui ed ora. Il laboratorio si divide in due sezioni: una propedeutica che si terrà al castello Pasquini di Castiglioncello dal 23 al 27 ottobre, dalle ore 10 alle 12 e una sezione successiva avanzata, in cui si affronterà principalmente la versificazione libera del ‘900. Dimore d’Autunno raccoglie un fitto calendario di prove aperte, site specific, laboratori e fasi di ricerca con lo scopo di consolidare i progetti di Armunia attraverso un’offerta multidisciplinare che intercetti punti di vista, “convinti che – spiegano i due condirettori Angela Fumarola e Fabio Masi- l’arte dal vivo debba continuare ad avere la capacità di creare comunità e relazioni, apriamo le residenze alle persone, favorendo incontri, cambio di pratiche e di sguardi. Attraverso le residenze degli artisti è possibile quindi uscire dalla sfera produttiva ed entrare nella sfera dell’incontro e della creazione”. Massimiliano Civica Dopo aver conseguito la laurea in Metodologia della critica dello spettacolo presso l’Università La Sapienza di Roma, ha studiato con Eugenio Barba all’Odin Teatret  e successivamente è entrato a far parte del corso di regia presso l’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico. Nel 2007 ha vinto il Premio Lo Straniero e il Premio Hystrio per la sua attività teatrale. Nello stesso anno diventa direttore artistico del Teatro della Tosse, dando vita al progetto triennale Facciamo insieme teatro, che vince il Premio ETI. Nel 2008 con Il mercante di Venezia vince il Premio Ubu per la miglior regia, l’anno dopo ottiene il Premio Vittorio Mezzogiorno. Oltre a tenere laboratori di recitazione per le più importanti scuole teatrali d’Italia, Civica svolge il ruolo di docente universitario presso la cattedra di Metodologia della critica dello spettacolo dell’Università La Sapienza e quella di Regia presso l’Accademia di belle arti di Genova.
Nel 2015 ha diretto il saggio degli allievi del corso di Recitazione dell’Accademia nazionale d’arte drammatica: “Altamente volatile”, scritto da Armando Pirozzi. Sempre nel 2015 vince il Premio Ubu nella categoria Miglior regia per “Alcesti” di Euripide.

Il laboratorio è gratuito per iscrizioni e info Armunia tel. 0586754202 www.armunia.eu

Ufficio stampa elisabetta cosci elisabettacosci.stampa@gmail.com tel 0586753707 mob. 339 5711927

Leggi altri BANDI e OPPORTUNITÀ

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?