Netherlands Theater Festival: dove le giurie selezionano il meglio del teatro olandese

Intervista a Tobias Kokkelmans direttore del Netherlands Theater Festival. Contenuto in media partnership

Foto Anna van Kooij

In collaborazione con l’Ambasciata e Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia proseguiamo il nostro ficus sulle arti performative in Olanda. Dopo il viaggio a ‘s-Hertogenbosch per il Boulevard Festival (leggi racconto e intervista) ci siamo messi in contatto con Tobias Kokkelmans, direttore di un altro storico festival. Il Netherlands Theater Festival (nella sua 34° edizione) si è appena svolto, dal 2 al 12 settembre, ad Amsterdam e come ogni anno ha visto una programmazione densa e varia organizzata da una serie di giurie preposte. Con il direttore del festival cerchiamo di capire modalità, obiettivi e funzionamento della manifestazione.

Qual è la responsabilità di un’istituzione così importante come il Netherlands Theatre Festival rispetto al sistema teatrale e al pubblico?

Il Netherlands Theatre Festival (NTF) si svolge nelle prime settimane di settembre, l’inizio della nuova stagione teatrale. Questo rende il festival un punto di marcatura, il fulcro nel tempo in cui guardiamo indietro con una selezione da parte delle giurie dei più belli o migliori spettacoli della stagione passata. La selezione è ampia: da spettacoli su larga scala al teatro black box e, dove possibile, anche al teatro locale. Con questa ampia impostazione, il festival mira a fornire uno spaccato temporaneo della scena teatrale olandese, coprendo tutti i tipi di scene e tradizioni, vecchie e nuove. Questo significa anche che ha un grande pubblico, o per essere più precisi, più pubblici. Perché qui si riuniscono infatti diversi pubblici.

Il NTF è anche un punto focale per i tempi a venire: il festival offre spazio a centinaia di professionisti che lavorano nel campo del teatro: dagli opinionisti agli attori, dai responsabili del marketing ai business leader, dalle iniziative di base alle associazioni di settore. Questi gruppi si riuniscono, discutono tra di loro, seguono workshop e lavorano insieme per arrivare spesso ad azioni innovative nel campo culturale e teatrale olandese.

Il NTF si chiude ogni anno con il Gala van het Nederlands theatre, dove gli attori e i creatori di vari spettacoli ricevono importanti premi.

Tradizionalmente il NTF ha anche una funzione internazionale: le produzioni olandesi vengono mostrate ai programmatori teatrali stranieri. Per il futuro stiamo studiando anche altre forme di scambio internazionale

Il Netherlands Theater Festival ha una giuria che seleziona gli spettacoli da programmare: come funziona? Chi sono i giurati e quali meccanismi muovono questa selezione?

Non meno di sei giurie sono al lavoro, la maggior parte delle quali istituite o co-fondate dalla VSCD (Associazione dei direttori di teatro e sale da concerto), il portavoce di molti teatri nei Paesi Bassi. Per esempio, c’è la Nederlandse Toneeljury (per il teatro testuale), la Jury BNG Bank Theaterprijs (rivolta a creatori talentuosi sotto i 35 anni), la Wijkjury Amsterdam (composta da visitatori e appassionati di vari quartieri di questa città), la Jury Theaterfotografie Prijs, la VSCD Jeugdtheaterjury e la VSCD Mimejury (rivolta al teatro senza parole e/o performance).

Le giurie vedono durante lanno molti spettacoli e si scambiano contendenti interessanti. Poiché ci sono spesso centinaia di spettacoli, iniziano a cercare in piccoli sottogruppi. In riunioni che si tengono regolarmente, richiamano l’attenzione l’uno sull’altro e compilano così una longlist. A poco a poco, si selezionano i dieci migliori spettacoli.

I membri della giuria sono un presidente (spesso qualcuno con una certa preparazione che vede molto teatro ma non lavora necessariamente nel settore teatrale), un critico, un programmatore, un drammaturgo, vari direttori teatrali affiliati alla VSCD, e così via.

Non c’è volutamente una definizione rigida di ciò che è “il migliore” o “la migliore”: il teatro si sviluppa dinamicamente. Ogni anno, la giuria discute cosa si può intendere con questi termini. È importante notare che le giurie sono composte da persone di diverse generazioni, background culturali e aree di competenza. Ognuno di loro ha la sua storia e può contribuire a formare il discorso su ciò che è bello o buono attraverso il dialogo.

Quali sono stati i fili conduttori della programmazione di questo anno dal punto di vista dei temi e delle estetiche?

I giurati non sono curatori. Pertanto, non devono nominare esplicitamente le linee tematiche. Il vantaggio è che le giurie non devono operare in modo esclusivo e possono quindi continuare a guardare le cose da una prospettiva ampia. Naturalmente, i visitatori possono scoprire da soli le affinità tematiche. Inoltre, è importante che le selezioni siano equilibrate. Per esempio, la Netherlands Drama Jury seleziona cinque spettacoli per l’auditorium principale, cinque spettacoli per l’auditorium piccolo ed eventualmente uno spettacolo in locale, in modo da formare una rappresentazione dell’intero campo.

Che tipo di spettatori e spettatrici seguono il vostro festival?

Il pubblico è molto ampio: il festival si rivolge agli appassionati di tutti i generi (dal tradizionale all’avanguardia) e a vari background culturali.

Come e in cosa è cambiato il festival nella sua storia, dalla fondazione fino a oggi?

Il Netherlands Theatre Festival ha avuto più o meno due fasi fino ad oggi. È stato fondato nel 1987 con l’obiettivo di selezionare “gli spettacoli più interessanti”. Intorno al 2005/2006, il festival è stato rilanciato ed è diventato il suo compito di stimolare “la promozione del teatro” in senso più ampio. Con questo cambiamento, il festival è diventato più inclusivo e di più ampio respiro. Tuttavia, la fase precedente è stata determinante per formare il fulcro della stagione teatrale.

Nei primi anni, il festival ha iniziato a scambiare spettacoli con il suo festival gemellato: il Flanders Theatre Festival in Belgio. Ancora oggi questo scambio fa parte del DNA del Netherlands Theatre Festival.

Il Covid-19 come ha influenzato questa edizione?

Non solo questa edizione, ma anche quella del 2020 è stata pesantemente influenzata dal Covid-19. Entrambe le stagioni sono state segnate da molte chiusure di teatri e da molte tournée teatrali cancellate. Questo ha reso molto più difficile il compito per le giurie di fare una selezione. Ciononostante, si è fatto molto teatro in queste stagioni, che, inoltre, hanno mostrato una grande urgenza dovuta proprio all’attualità del Covid.

La scorsa edizione ha seguito un rigido protocollo di 1,5 metri di distanza e un numero molto limitato di spettatori. A causa del gran numero di visitatori vaccinati, queste restrizioni non potevano essere eliminate completamente, ma potevano essere allentate per una gran parte. Per molti visitatori, era la prima volta in un anno e mezzo che rivedevano il teatro e si rivedevano tra loro. Questo l’ha resa un’edizione particolarmente festosa nonostante le restrizioni.

Allo stesso tempo, durante il festival c’è stata molta attenzione per la situazione precaria in cui si trovano molti professionisti del teatro. I freelance in particolare (attori, tecnici, produttori, ecc.) se la passano male. C’è stata anche molta attenzione per le azioni di solidarietà per i settori correlati dell’industria dello spettacolo, come i grandi festival musicali e le discoteche che non sono ancora ammessi.

Secondo voi esiste un teatro europeo? Ovvero un modo di creare e rappresentare influenzato da temi e radici specifiche del Vecchio Continente?

Il Festival d’Avignone, il Festival di Edimburgo, Romaeuropa, Wiener Festwochen, il Festival Internazionale del Teatro Dialog (Wroclaw) e l’Holland Festival hanno aperto le porte allo scambio culturale tra i paesi europei. Festival come questi sono ancora oggi importanti per lo stato attuale del teatro europeo.

Tuttavia, una forte tendenza al ribasso è stata notata negli ultimi decenni. A causa della perdita delle sovvenzioni, sempre meno teatri olandesi riescono a mostrare lavori internazionali. Di conseguenza, c’è sempre meno consapevolezza di altri teatri europei nei Paesi Bassi, soprattutto tra le ultime generazioni di pubblico e di autori teatrali.

Allo stesso tempo, c’è una nuova tendenza di produttori di teatro che intraprendono scambi internazionali a livello individuale, sotto forma di residenze e regie ospiti all’estero. Questi scambi sono di grande importanza perché i temi e gli argomenti del teatro di oggi – nel mezzo di una pandemia globale – hanno un carattere globale. Pensate alla crisi climatica, ai conflitti internazionali, al razzismo, alla disuguaglianza sociale. Lo scambio internazionale e la solidarietà internazionale sono di grande importanza ora per capire meglio come vogliamo e possiamo vivere insieme in futuro.

Inoltre, sempre più creatori con radici culturali al di fuori dell’Europa osano usare il teatro per creare spazio per storie alternative, accanto alle narrazioni più tradizionali. E questa è una buona cosa. L’Europa sta imparando, per tentativi ed errori, ad affrontare il proprio passato coloniale. Il continente ha smesso da tempo di essere il centro del mondo, ma in futuro avrà un ruolo importante per nuove forme reciproche di connessione intercontinentale.

Redazione

——–

In collaborazione con l’Ambasciata e Consolato Generale dei Paesi Bassi in Italia.

Link a (S)punti di vista 2021, programma di collaborazione culturale tra Italia e Paesi Bassi.

——–

--------------------
Questo contenuto appartiene alla sezione MEDIA PARTNERSHIP. In questa sezione vengono raccolti i contenuti prodotti dalla redazione in collaborazione con teatri, festival e realtà teatrali che scelgono la nostra associazione per accompagnare il loro lavoro attraverso storytelling, interviste e presentazioni. La presa in carico di eventuali proposte di media partnership è a totale discrezione della linea editoriale di Teatro e Critica. Per info e costi: redazione@teatroecritica.net

Leggi altri articoli della categoria Media partnerhip
--------------------

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here