Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Expo teatro Contemporaneo
Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Expo teatro Contemporaneo
HomeArticoliGli Omini. Il controllore dell'umanità in viaggio

Gli Omini. Il controllore dell’umanità in viaggio

Gli Omini portano in scena Il controllore, terzo episodio della trilogia ferroviaria “Progetto T” che ha debuttato per Vie Festival al Teatro delle Moline di Bologna. Recensione

Foto di Luca del Pia

Si parte e si arriva sempre da lì. Praticamente è il primo sguardo e l’ultimo di un luogo e di un luogo dovrebbe poter essere il migliore punto di vista. Alla stazione ci sono stati i piedi di tutti quanti: donne o uomini, matti, ricchi, gli handicappati, i froci, tu ed io che siamo tutte e nessuna categoria e camminiamo senza guardarci perché il passo è lungo e svelto, l’occhio vuole essere rapito dalla città sconosciuta o da cosa lo porterà via. Sui binari, interi blocchi umani che si spostano alla stessa velocità dentro una scatola di latta. Verso un’unica direzione, durante il tragitto si fermano in luoghi che non sono né arrivo né sosta ma una distrazione per consumare il tempo. La vita tua uguale a quella di tutti gli altri per un viaggio. E il controllore?

Foto di Luca del Pia

Il controllore è il terzo spettacolo di una trilogia ferroviaria, Progetto T, nata sulle rotaie della Porrettana che agganciano Pistoia a Bologna. Uno studio condotto da tre insoliti Omini (Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi e Luca Zacchini) assieme a una dramaturg (Giulia Zacchini), prodotto dall’Associazione Teatrale Pistoiese e che vede l’ingresso – per questo terzo esperimento soltanto – di Emilia Romagna Teatro. Per il debutto dei primi due episodi, Ci scusiamo per il disagio nel 2015 e La corsa speciale dell’anno successivo si è trattato di dare impulso alle idee a partire dal loro naturale luogo di nascita: un deposito ferroviario e il regionale Pistoia-Porretta, una delle prime linee ferroviarie a rigare l’Italia, inaugurata nel 1864. Due posti vivi e moventi, dove il particolare resiste al vaglio della regia per diritto d’appartenenza e sprigiona l’originalità del suo odore, un dettaglio che a teatro si costruisce con immagini e parole. Quest’ultimo capitolo, al contrario, ha debuttato in un Teatro, quello delle Moline di Bologna per Vie Festival 2017, prendendo al cuore la città senza rimanere sospeso negli istanti prima di arrivarci.

Foto di Luca del Pia

Allora, la scenografia è una cortina bucata da alcuni passaggi, vari e sproporzionati battenti, della misura di ogni cosa o persona che possa filtrare attraverso di essi direttamente sul palcoscenico. Questo banco tarlato di fessure è indispensabile a distinguere due dimensioni quasi psichiche: non si separano l’interno e l’esterno di una realtà topica ma di un ruolo. Il controllore, appunto, dicono che debba essere meno umano di ogni umano, ma è inevitabilmente scisso tra l’animo di un cristiano qualunque e la divisa di un incarico. Di là dal mascheramento scenografico, i tre controllori – che a turno sono anche passeggeri tra il ritratto e la caricatura – lavorano, indaffarati in ciò che rende degli stereotipi divertenti e tragici le stazioni e i convogli periferici, e di qua, scendono a patti coi viandanti, ascoltano e narrano bieche e favolose intimità, promettono favori e si lasciano corrompere dalla cedevolezza.

Esattamente come dev’essere stato per questa compagnia di teatro che la storia di Silvana – che “pulisce le tombe sotto il sole d’agosto”, cieca come Guido che tiene sottobraccio – del trans con gli stivali, della donna sposata all’abbandono e di tutte le altre carte umane, non se l’è inventate a tavolino ma l’ha conosciute davvero, passando in rassegna le vite e controllandone il viaggio. Dopotutto, dall’altra parte del palcoscenico, c’è chi per una stazione sembra essere passato mille volte senza sapere di stare in un teatro e bisogna pur dirlo a tutta questa umanità che è fatta di attori eccezionali.

Francesca Pierri

ideazione Gli Omini
con Francesco Rotelli, Francesca Sarteanesi, Luca Zacchini
dramaturg Giulia Zacchini
luci Alessandro Ricci

produzione Emilia Romagna Teatro Fondazione, Associazione Teatrale Pistoiese Centro di Produzione Teatrale

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Francesca Pierri
Francesca Pierri
Laureata in Filologia Classica e Moderna con una tesi magistrale in Letteratura Comparata all'Università degli Studi di Macerata, frequenta il master in Critica Giornalistica con specializzazione in Teatro, Cinema, Televisione e Musica presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" a Roma. Ufficio stampa e comunicazione, continua la sua attività redazionale collaborando con la Rai - Radiotelevisione Italiana. Vive a Roma e da gennaio 2017 è redattrice di Teatro e Critica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

La frangibilità è del fiore. Sottobosco di Chiara Bersani

Al Teatro Morlacchi di Perugia, all’interno della rassegna Perché non ballate?, è andato in scena Sottobosco di Chiara Bersani. Recensione La scena è scura, cosparsa...

Media Partnership

Prospero – Extended Theatre: il teatro europeo in video, già disponibile...

Raccontiamo con un articolo in media partnership gli sviluppi del progetto dedicato alla collaborazione internazionale che ha come obiettivo anche quello di raggiungere pubblici...