Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Expo teatro Contemporaneo
Banner Bando Trevi Teatro
Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Expo teatro Contemporaneo
Banner Bando Trevi Teatro
HomeArticoliShe she pop e le cinquanta sfumature di pudore

She she pop e le cinquanta sfumature di pudore

Abbiamo visto in anteprima nazionale al Festival delle Colline Torinesi l’ultimo spettacolo del collettivo tedesco She She Pop. Recensione.

ph: Doro Tuch

Proiettato al centro della scena il viso di Lilli Biedermann, presente in piedi ai lati del palco. Lo sguardo – intenso, incorniciato da folte ciglia – è rivolto alla platea. Le sue labbra carnose sono pittate di uno rossetto marrone, che sborda dai contorni. Racconta di quando sua madre le ha parlato di sesso per la prima volta, dell’imbarazzo, dell’incapacità di superare i tabù.  Perché è così difficile – si domanda – raccontare un ambito così cruciale e formativo dell’esistenza? «Perché il potere ha bisogno d’istituire un sapere del sesso? […] In un dato tipo di discorso sul sesso, in una data forma di estorsione della verità che appare storicamente ed in luoghi determinati (intorno al corpo del bambino, a proposito del sesso della donna, in occasione di pratiche restrittive della natalità) quali sono le relazioni di potere più immediate, più locali che sono all’opera?»

Con questi interrogativi Michel Foucault compone La volontà di sapere, testo programmatico del 1976, in cui assembla la base teorica per analizzare, lungo le pagine della sua Storia della sessualità, i modi peculiari del potere di costruire discorsi intorno alla sessualità così da poter organizzare i corpi all’interno di un sistema di controllo, talvolta di repressione e sempre di finalizzazione di pratiche fisiche. La consapevolezza che l’esperienza del sesso sia non soltanto connotata culturalmente, ma anche oggetto nella produzione di discorsi, nel campo di relazioni mobili di potere sembrerebbe fare da sfondo all’ultimo lavoro del collettivo tedesco She She Pop.

ph: Doro Tuch

Nato da un ensemble di donne, per lo spettacolo 50 Grades of Shame – visto in anteprima nazionale al Teatro Astra di Torino per il Festival delle Colline Torinesi – il gruppo si avvale anche di performer maschili. La drammaturgia prende le mosse dall’originale commistione di Risveglio di primavera di Wedekind e il bestseller 50 Shades of Grey di E. L. James e si risolve in una sequela di lezioni frontali, acchittate nell’alveo di una sorta di dark room tecnologica, con giochi di ruolo, confessioni, interrogativi cocenti. Uno dei perni tematici da cui si dipana è il concetto di pudore: come la vergogna entra nel corpo? La scena presenta una struttura composita e, di rimbalzo, questa stessa mescolanza si riverbera nei corpi degli attori, proiettati live su alcuni teli centrali. Un articolato gioco di proiezioni e rifrazioni restituisce le figure ibridate: membra frammiste a busti e teste che non vi appartengono, voci fuori sincrono e atteggiamenti frutto d’innesti non codificabili in un’identità di genere.

Si parla di violenza, di masturbazione, di gusti e di paturnie: il campo semantico che ammanta la sessualità viene ispezionato con levità e ironia, ma anche schiettezza e radicalità. Non c’è approssimazione ma anzi sapienza scenica in questo ensemble disordinato e irrequieto, indisciplinato e irriverente che, accogliendo il pubblico a luce accesa, su di esso volge lo sguardo con insistenza e incalza: «Che cosa succederebbe se noi qui ora ci togliessimo i vestiti? E se facessimo sesso? Tutti con tutti?».  Senza intellettualismi, instaurando un rapporto straniato con la platea, She She Pop compone una mordace esortazione a concepire il sesso e l’identità sessuale fuori da cornici confortanti, condotta con impudenza e senza ammiccamenti, con rigore politico e una qualità performativa preziosa.

Giulia Muroni

Teatro Astra, Festival delle Colline Torinesi – Torino, Giugno 2017

50 GRADES OF SHAME
di Gundars Abolins, Sebastian Bark, Lilli Biedermann, Knut Berger, Jean Chaize, Anna Drexler, Jonas Maria Droste, Johanna Freiburg, Fanni Halmburger, Walter Hess, Christian Löber, Lisa Lucassen, Fee Aviv Marschall, Mieke Matzke, Ilia Papatheodorou, Florian Schafer
regia She She Pop
ideazione She She Pop
con Gundars Abolins, Sebastian Bark, Lilli Biedermann, Knut Berger, Jean Chaize, Anna Drexler, Jonas Maria Droste, Johanna Freiburg, Fanni Halmburger, Walter Hess, Christian Löber, Lisa Lucassen, Fee Aviv Marschall, Mieke Matzke, Florian Schäfer, Susanne Scholl, Berit Stumpf, Zelal Yesilyurt
video Benjamin Krieg
scene Sandra Fox
costumi Lea Søvsø
musiche Santiago Blaum
drammaturgia Tarun Kade
suono Manuel Horstmann.
luci Michael Lentner
tecnici Florian Fischer, Andreas Kröher, Sven Nichterlein
produzione/pr ehrliche arbeit – freelance office for culture
organizzazione tournée Tina Ebert
amministrazione Aminata Oelßner
manager di compagnia Elke Weber
produzione She She Pop e Münchner Kammerspiele
coproduzione HAU Hebbel am Ufer Berlin, Kampnagel Hamburg, FFT Düsseldorf, Künstlerhaus Mousonturm Frankfurt a.M. e Kyoto Experiment
versione originale con sottotitoli in italiano
matrice sottotitoli PANTHEA/Anna Kasten
traduzione Eloisa Perone per il Festival delle Colline Torinesi

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Giulia Muroni
Giulia Muroni
Giulia Muroni, giornalista pubblicista, lavora per Sardegna Teatro dal 2017. Per il TRIC cura la programmazione artistica del festival Giornate del Respiro, è referente di alcuni progetti europei larga scala, è direttrice responsabile del magazine anāgata, componente della giuria del Premio Scenario e è responsabile dell'ufficio stampa. Lavora inoltre per Fuorimargine – Centro di produzione di danza e delle arti performative della Sardegna, per il quale si occupa di programmazione artistica e ufficio stampa. Ha pubblicato su diverse testate giornalistiche e scientifiche, riguardo ai temi dell'arte performativa, della filosofia del corpo e del portato politico dei processi artistici nei territori e nelle marginalità. Nata a Cagliari, è laureata in filosofia all'Università di Siena, si è specializzata all'Università di Torino e ha conseguito all’Università di Roma3 un Master di II livello in Arti Performative e Spazi Comunitari. Ha effettuato un tirocinio alla DAS ARTS di Amsterdam, nel periodo della direzione di Silvia Bottiroli. Ha beneficiato del sostegno Assegni di Merito e Master&Back della Regione Autonoma della Sardegna per i risultati del percorso accademico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

La frangibilità è del fiore. Sottobosco di Chiara Bersani

Al Teatro Morlacchi di Perugia, all’interno della rassegna Perché non ballate?, è andato in scena Sottobosco di Chiara Bersani. Recensione La scena è scura, cosparsa...

Media Partnership

Prospero – Extended Theatre: il teatro europeo in video, già disponibile...

Raccontiamo con un articolo in media partnership gli sviluppi del progetto dedicato alla collaborazione internazionale che ha come obiettivo anche quello di raggiungere pubblici...