Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
HomeArticoliBen Moor e i Tre desideri: vivere felici o perdere tutto

Ben Moor e i Tre desideri: vivere felici o perdere tutto

Ben Moor e i Tre desideri (Three Wishes): la recensione dello spettacolo con Elisa Benedetta Marinoni e Mauro Parrinello.

foto Manuela Giusto
foto Manuela Giusto

Che avrà mai di speciale questa drammaturgia britannica rispetto alle scritture teatrali italiane del contemporaneo? Perché dedicarle addirittura una finestra in stagione, con tanto di pacchetto biglietti come ha fatto il Teatro dell’Orologio quest’anno? La risposta è apparentemente semplice e immediata: queste drammaturgie spesso si prestano a livelli di lettura multipli. Il discorso vale anche per un testo come Tre desideri, commedia a due che potrebbe sembrare l’ennesima riflessione sulla coppia e che invece di essa sopporta efficacemente il peso. Come spesso accade nelle più riuscite e recenti narrazioni seriali per la TV, è la cornice ad assumere un ruolo primario e a modificare nella sostanza anche il plot principale. Nella pièce del dramamturgo e attore inglese Ben Moor due trentenni si incontrano, cominciano a frequentarsi, si amano fin quando la loro relazione va in crisi, ma tutto ciò avviene mentre il pianeta Terra è avvolto da una nuvola gigantesca che ha lo sbalorditivo e apocalittico effetto di far avverare i primi tre desideri pronunciati in quei giorni. Il testo, scritto nel gennaio del 2000 e portato in scena con l’interpretazione dello stesso autore l’anno successivo al Fringe Festival di Edimburgo, alterna il racconto al dialogo; attraverso la consolidata formula postdrammatica (con cui ormai si misurano numerosi lavori teatrali) gli interpreti si fanno anche narratori svelando al pubblico il passato e il presente di un incubo collettivo che ha determinato scelte controverse. La nuvola infatti non solo sfalda la realtà con il caos determinato dai desideri di ognuno, ma mette anche alla prova la relazione dei due protagonisti proprio nel momento in cui stava per maturare verso il matrimonio, finendo così per accelerarne la crisi.

foto Manuela Giusto
foto Manuela Giusto

La metafora apocalittica immaginata dall’autore inglese è il luogo drammaturgico perfetto per una comicità capace di sfruttare la situazione, cosa che riesce agilmente alla messinscena semplice ma efficace di Mauro Parrinello; il resto lo fanno i due attori. Piacevoli da ascoltare, con due vocalità molto accattivanti, Elisa Benedetta Marinoni (anche traduttrice del testo) e lo stesso Parrinello catturano sguardo e attenzione del pubblico nella consapevolezza che la struttura teatrale è data dalla parola. L’equivoco, e dunque il comico, nascono facilmente dalla situazione apocalittica: la crisi di coppia porta lui a desiderare che la fidanzata sia una hostess tutta sorrisi, come d’altronde era la ex, qui Marinoni sfodera le armi migliori e non possiamo fare a meno di ridere quando ci accorgiamo che i gesti all’interno di una conversazione quotidiana vengono sostituiti dai movimenti geometrici tipici delle assistenti di volo.

Eppure fra i tre desideri ve n’è uno definitivo, quello che qualsiasi coppia lascerebbe come ultima spiaggia, doloroso, ma potenzialmente rigenerante, il classico periodo ipotetico: «E se ricominciassimo tutto da capo?». E Ben Moor non se lo lascia di certo scappare. Qualche taglio avrebbe giovato, non si può però negare la forza di uno spettacolo che nella sua semplicità risulta magnetico e pone lo spettatore di fronte a una prestazione attorale di livello – e nell’attuale appiattimento dei valori qualitativi di questo mestiere non è poco – ma soprattutto lo stimola alla riflessione rispetto a tematiche spesso trattate con una certa retorica.

Andrea Pocosgnich
Twitter @AndreaPox

visto ad Aprile 2015, Teatro dell’Orologio

TRE DESIDERI
di Ben Moor
Spettacolo vincitore del premio delle arti L. A. Petroni 2014
con Elisa Benedetta Marinoni e Mauro Parrinello
regia Mauro Parrinello con la supervisione artistica di Ben Moor
scene e costumi Chiara Piccardo
disegno luci Paolo Meglio
traduzione Elisa Benedetta Marinoni
produzione OffRome, Bottega Rosenguild, Pierfrancesco Pisani, Compagnia DeiDemoni
con il sostegno produttivo di Residenza Idra

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Andrea Pocosgnich
Andrea Pocosgnichhttp://www.poxmediacult.com
Andrea Pocosgnich è laureato in Storia del Teatro presso l’Università Tor Vergata di Roma con una tesi su Tadeusz Kantor. Ha frequentato il master dell’Accademia Silvio D’Amico dedicato alla critica giornalistica. Nel 2009 fonda Teatro e Critica, punto di riferimento nazionale per l’informazione e la critica teatrale, di cui attualmente è il direttore e uno degli animatori. Come critico teatrale e redattore culturale ha collaborato anche con Quaderni del Teatro di Roma, Doppiozero, Metromorfosi, To be, Hystrio, Il Garantista. Da alcuni anni insieme agli altri componenti della redazione di Teatro e Critica organizza una serie di attività formative rivolte al pubblico del teatro: workshop di visione, incontri, lezioni all’interno di festival, scuole, accademie, università e stagioni teatrali.   È docente di storia del teatro, drammaturgia, educazione alla visione e critica presso accademie e scuole.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Danzare l’affresco umano. Intervista a Marta Ciappina

Intervista a Marta Ciappina, danzatrice, coach, pedagoga, Premio Ubu 2023 come miglior performer. Ci incontriamo nel giardino di un bar romano, un primo pomeriggio ormai...