Banner tuoi comunicati
Banner Expo teatro Contemporaneo
Banner Ert Calderon Prospero
Banner tuoi comunicati
Banner tuoi comunicati
Banner Expo teatro Contemporaneo
Banner Ert Calderon Prospero
HomeArticoliVucciria Teatro con Battuage: una compagnia da seguire

Vucciria Teatro con Battuage: una compagnia da seguire

Recensione: Vucciria Teatro col nuovo Battuage, visto al Teatro dell’Orologio

 

Dalila Romeo
foto di Dalila Romeo

Vuccirìa Teatro appartiene a quella generazione di nuovissime compagnie che, nonostante l’assenza di una politica culturale e la chiusura degli spazi, è riuscita a mettersi in mostra a Roma negli ultimi due anni. Una generazione caratterizzata anche dal ritorno della tecnica attoriale come elemento imprescindibile del pensare e del fare teatro. Non a caso tra le migliori prove registrate di recente proprio su queste pagine ci sono soprattutto lavori che tornano alle forme basilari del teatro, senza però dimenticare le innovazioni formali, anzi cercando di farle proprie.
Se nel primo e già acclamato Io, mai niente con nessuno avevo fatto , scritto e diretto da Joele Anastasi, non potevamo non segnalare una notevole dose di ingenuità che andava anche a intaccare la forza emotiva del dramma con momenti retorici ed eccessivo pathos, in Battuage, la tematica sessuale e di genere (al centro anche del lavoro di esordio), passando attraverso un prisma di personaggi e situazioni, si esprime in modalità più mature e profonde e soprattutto arriva al pubblico come un discorso aperto e non interamente codificato.

Vucciria teatro Battuage
foto di Dalila Romeo

Nella sala Orfeo del Teatro Orologio (lo spettacolo ha debuttato nel cartellone di Dominio Pubblico dopo la partecipazione al Bando Nextwork dello scorso anno) troviamo una delle tante strade della capitale divenute supermercati dei piaceri a pagamento, spazio buio con sezioni di orinatoi sudici, palcoscenico per quattro vite sbandate, uomini e donne, giovani e meno giovani in attesa dei clienti. Anastasi interpreta un ragazzo venuto dalla Sicilia in cerca di successo nel mondo dello spettacolo, disposto a tutto, un personaggio che colpisce per la sincerità spietata con cui si racconta: lo fa per soldi e perché non può fare a meno di essere desiderato, è tragico, doloroso, per molti forse detestabile. Ma anche la prostituta venuta dalla Grecia, le due transessuali costrette a dividere lo stesso ciglio di strada e i clienti che sommessamente si avvicinano condividendo dolori e solitudini sono anime ricche di chiaroscuri; sopravvivono in una palude scura in cui ogni tanto qualcuno si perde.

Vucciria teatro Battuage
foto di Dalila Romeo

Alla compagnia già affiatata grazie al lavoro precedente (con Joele Anastasi, Enrico Sortino e Federica Carruba Toscano, questi ultimi due apprezzati anche in La distanza da qui) si affianca la prova incisiva, istrionica e mai gratuitamente sopra le righe di Simone Leonardi; è suo in coppia con Sortino il momento più toccante e forse il più alto della scrittura e della messinscena di Anastasi: un duetto lirico in proscenio, evocativo e straziante.

Il lavoro deve essere rodato e messo a punto nelle cuciture più sottili, come quelle che uniscono gli spazi di azione a quelli musicali, deve inoltre trovare un equilibrio drammaturgico tra i soliloqui e i dialoghi: questi ultimi risultano meno riusciti e sempre a rischio di aprire spiragli di realismo complessi da gestire in un’atmosfera rarefatta e quasi onirica come questa; è il caso del sub-plot dedicato ai due sposi, finito inspiegabilmente nel sangue quasi per un bisogno di concretezza narrativa. Ma la strada è pronta e Vuccirìa Teatro si dimostra un ensemble talentuoso e vitale.

Andrea Pocosgnich
Twitter @andreapox

visto al teatro dell’Orologio di Roma in Maggio 2014
Stagione Dominio Pubblico

Teatro Roma SpettacoliVuoi qualche consiglio sugli spettacoli da vedere a Roma?

 

Teatro Roma – Spettacoli in Agenda

Ogni settimana gli spettacoli da non perdere, una guida per orientarsi fra i numerosi teatri di Roma

BATTUAGE
drammaturgia e regia Joele Anastasi
con Joele Anastasi, Enrico Sortino, Federica Carruba Toscano e Simone Leonardi
aiuto regia Enrico Sortino, Nicole Calligaris
disegno luci Davide Manca
scene e costumi Giulio Villaggio
musica originale Alberto Guarrasi
organizzazione e distribuzione RAZMATAZ ufficio stampa leStaffette
spettacolo finalista NeXtwork 2013

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Andrea Pocosgnich
Andrea Pocosgnichhttp://www.poxmediacult.com
Andrea Pocosgnich è laureato in Storia del Teatro presso l’Università Tor Vergata di Roma con una tesi su Tadeusz Kantor. Ha frequentato il master dell’Accademia Silvio D’Amico dedicato alla critica giornalistica. Nel 2009 fonda Teatro e Critica, punto di riferimento nazionale per l’informazione e la critica teatrale, di cui attualmente è il direttore e uno degli animatori. Come critico teatrale e redattore culturale ha collaborato anche con Quaderni del Teatro di Roma, Doppiozero, Metromorfosi, To be, Hystrio, Il Garantista. Da alcuni anni insieme agli altri componenti della redazione di Teatro e Critica organizza una serie di attività formative rivolte al pubblico del teatro: workshop di visione, incontri, lezioni all’interno di festival, scuole, accademie, università e stagioni teatrali.   È docente di storia del teatro, drammaturgia, educazione alla visione e critica presso accademie e scuole.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

The Interrogation. Finalmente, la vita

 Recensione. Al Teatro Mercadante è andato in scena in prima nazionale The Interrogation di Édouard Louis e Milo Rau. Le altre date italiane sono...

Media Partnership

Prospero – Extended Theatre: il teatro europeo in video, già disponibile...

Raccontiamo con un articolo in media partnership gli sviluppi del progetto dedicato alla collaborazione internazionale che ha come obiettivo anche quello di raggiungere pubblici...