Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
HomeArticoliPetitoblok: Punta Corsara dalla farsa alla farsa

Petitoblok: Punta Corsara dalla farsa alla farsa

Foto di Marina Dammacco

Punta Corsara sembra un nome di battaglia, e forse lo è, di quelli che mostrano il filo della lama in grado di colpire se e quando ce ne sia bisogno, una lama corsara che rifiuta la pirateria, combattente secondo un disegno ordinato e civile e non per il solo tornaconto di pochi assaltatori dei mari. Punta Corsara è un progetto teatrale e sociale che nasce nel 2007 con un lavoro laboratoriale (Arrevuoto) di Marco Martinelli e che, grazie all’aiuto continuativo di Debora Pietrobono, nel 2010 si afferma come associazione culturale indipendente, diretta da chi nel progetto è cresciuto come Emanuele Valenti (regista) e Marina Dammacco, giungendo nel 2011 a condurre Capusutta, un nuovo progetto di laboratorio insieme ancora al Teatro delle Albe a Lamezia Terme. Questo percorso puntualizza con estrema precisione un dato evidente: in soli quattro anni quello che pareva essere nel migliore dei casi un progetto di bonifica culturale di una zona degradata si è invece trasformato in un solido processo di crescita e affermazione professionale, fino al capovolgimento dei ruoli (Arrevuoto, Capusutta, appunto) che vede i vecchi adolescenti di una periferia campana, coinvolti in un’avventura di formazione artistica, diventare loro stessi elemento reagente di una nuova avventura.

Ma non è solo questa la loro maturazione. Anche in ambito artistico la crescita è stata formidabile, affinandosi per la coscienza del proprio fare e dei processi attorno: già dal loro Molière – Il signor de Pourceaugnac – si intuiva un talento effettivo di visione in grado di leggere e poi rileggere l’opera del commediografo francese, conservando nella farsa quella vena di irridente violenza che spesso si tende a tradire, ma anche confrontando la farsa stessa con i materiali di Commedia dell’Arte cui lo stesso Molière faceva riferimento. Da quando esiste la compagnia ha dovuto fare i conti con i discorsi della politica e con la sua retorica sulle aree periferiche: come non farne uno spettacolo? Ed ecco Il Convegno, una drammaturgia collettiva che con spirito e leggerezza irriverente affonda nei meccanismi del potere. Ma questo gusto della commistione (che è studio critico, analitico e poi progetto artistico) e questa dedizione alla farsa come espressione limpida del mondo contemporaneo proprio ora acquisiscono i gradi di un progetto di più ampio respiro: Petitoblok, intenzionato a coinvolgere lo storico attore (è dire poco…) napoletano Antonio Petito e il poeta simbolista russo Aleksander Blok, in un incontro capace di riunire assieme due tradizioni diversissime sperimentando la relazione del loro segno intimo.

Foto di Marina Dammacco

Petito è stato uno dei più grandi interpreti di Pulcinella, la maschera napoletana per eccellenza, mentre Blok, poeta e drammaturgo, è qui simbolo di quell’idea di teatro che oggi con leggerezza chiameremmo “accademica”, ma anche autore di un’opera come Balagancik – Il baraccone dei saltimbanchi, messo in scena da Mejerchol’d. Due visioni, dunque, che paiono antitetiche e contrastanti. Ma se dall’una e l’altra cerchiamo di tracciare una linea – ovvero la drammaturgia composta da Antonio Calone –, lungo di essa potremmo trovare interessanti spunti di relazione. Pulcinella e Felice Sciosciammocca (altra maschera celebre e rappresentativa) si trovano insieme a fuggire la Morte che vorrebbe impiccarli e privare così le marionette della maschera, del capo che pende da quel filo che intenderà strangolarli; sulla loro strada si pone Ciarlatano, un ex commediante in esilio a San Pietroburgo, di “lontana” origine napoletana e che riunisce in sé le convinzioni fondanti del teatro russo, deciso a eliminarli per imporre

Foto di Marina Dammacco

all’evoluzione del teatro la nuova perfetta marionetta meccanica, Colombina, di una bellezza che toglie il fiato, ma senz’anima e sentimenti.

Spettacolo importante per altezza di obiettivi e per interesse culturale, si misura con questioni su cui è bene porre attenzione: nella asportazione della maschera dialettale dalla storia del teatro è evidente un nuovo cedimento alla farsa, che si impone per le stesse colpe che la condannavano, come una risposta esplicita e vitale – attraverso un grande atto d’amore – all’affermazione del Ciarlatano che “tutto è finzione”, aggiungendo che se l’illusione si fa teatro alla finzione se ne moltiplica un’altra, e allora diventa verità. Tra semplici pali come delimitazioni modulari dello spazio, entra un sipario a fondo scena al fine di raggirare le marionette e prenderle in gabbia, ma quando il burattinaio chiuderà il sipario la sua verità non avrà superato la finzione, se ne è dovuto servire per renderla tale e proprio per questo ne uscirà sconfitto. Fuggono dalla farsa, tornando ad essa, dunque. Ma tornano rinnovati di un viaggio che ha saputo arricchirli, facendoli coscienti senza perdere di energia e desiderio, lasciando per noi il chiaro insegnamento che, quando i luoghi dell’arte si fanno luoghi dell’anima, il teatro dimentica la tecnica e si fa irriducibile, pura vita.

Simone Nebbia

Visto a Inequilibrio in luglio 2012

Leggi gli altri articoli da Inequilibrio 2012

 

PETITOBLOK

Il baraccone della morte ciarlatana
liberamente ispirato alle opere di Antonio Petito e Aleksandr Blok

drammaturgia Antonio Calone
regia Emanuele Valenti
con Giuseppina Cervizzi, Christian Giroso, Vincenzo Nemolato, Valeria Pollice, Giovanni Vastarella
costumi | Daniela Salernitano
spazio scenico| Emanuele Valenti, Daniela Salernitano
maschera di Pulcinella| Marialaura Buonocore
disegno luci | Antonio Gatto
aiuto regia | Antonio Calone
organizzazione| Marina Dammacco, Rosario Capasso
produzione| Punta Corsara | 369gradi | Armunia/Festival Inequilibrio

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Simone Nebbia
Simone Nebbia
Professore di scuola media e scrittore. Animatore di Teatro e Critica fin dai primi mesi, collabora con Radio Onda Rossa e ha fatto parte parte della redazione de "I Quaderni del Teatro di Roma", periodico mensile diretto da Attilio Scarpellini. Nel 2013 è co-autore del volume "Il declino del teatro di regia" (Editoria & Spettacolo, di Franco Cordelli, a cura di Andrea Cortellessa); ha collaborato con il programma di "Rai Scuola Terza Pagina". Uscito a dicembre 2013 per l'editore Titivillus il volume "Teatro Studio Krypton. Trent'anni di solitudine". Suoi testi sono apparsi su numerosi periodici e raccolte saggistiche. È, quando può, un cantautore. Nel 2021 ha pubblicato il romanzo Rosso Antico (Giulio Perrone Editore)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Danzare l’affresco umano. Intervista a Marta Ciappina

Intervista a Marta Ciappina, danzatrice, coach, pedagoga, Premio Ubu 2023 come miglior performer. Ci incontriamo nel giardino di un bar romano, un primo pomeriggio ormai...