La solitudine della violenza di Tony Clifton Circus: Il ritorno di Hula Doll

La solitudine della violenza. Triste è la solitudine di un clown, perché a ridere sono gli altri. È questo a farli cattivi. Perché il loro ridere è espressione della più pura cattiveria, la loro vitalità si nutre dei sentimenti forti – il godimento e la paura – che si generano all’ascolto, davanti alla più truce e pure quieta, in apparenza, clownerie. Violenza repressa e manifesta, in simbiosi perfetta sul palco e dentro gli spettatori, è in questo datato e ancora bello Hula Doll, follia distruttiva dei Tony Clifton Circus.

La genialità passa anche per il titolo, che non è propriamente quello che ho appena scritto: il loro è un ritorno, Il ritorno di Hula Doll, ma non è un seguito, è proprio il ritorno di quello spettacolo già fatto. E in questa genialità sta il motivo per vederlo, questo spettacolo che si porta la furia affinata negli anni – e quindi funzionale e fondante ai loro obiettivi distruttivi della convenzione, distruttivi anche dell’anticonvenzionalità – e insieme si porta la stanchezza che si vede sul loro sguardo, stufi di questo spettacolo che conoscono a memoria, stufi di essere clown, stufi di sé e della sorpresa che devono, ogni volta, generare. È l’unico modo che ho, oggi a distanza di dieci anni dal debutto di Hula Doll, per dire quanto sia nobile e sincero il loro stare in scena e discutersi fino a contraddirsi.

Il loro obiettivo iniziale era l’azione (di Nicola Danesi de Luca e Iacopo Fulgi) come forma pura del teatro, era la partitura di gesti e musica (la cui drammaturgia a contrasto è di Enzo Palazzoni), lo stimolo come detonatore di cattiveria espressa; mentre invece l’obiettivo attuale è dunque andare oltre, scardinare la propria intima condiscendenza a quel che hanno fatto, quel che hanno ormai come scontato in tanti anni di palcoscenico, sconfiggersi viene da dire, trovarsi annidati e impolverati e tornare, nuovamente, a mettersi in discussione. Lo sanno bene, che questo spettacolo avrebbe bisogno di una cattiveria che non sentono più negli stessi termini di un tempo, ma se ne fanno una forza e sputano lo sfiato della loro disapprovazione a sé stessi. Maniera? Chissà, forse, forse un tentativo di salvare una mancanza di idee, ma quel che conta è la loro presa di coscienza che è l’unica via capace di illuminare gli artisti persi dentro il loro gioco a rincorrersi, troppo spesso, come capita ai gatti quando un monello invasivo gli appende una molletta sul pelo della coda. Irrimediabilmente girando su loro stessi. Quindi, per dirla in un modo che a loro piacerebbe: anche questa sera, a teatro, non è successo nulla.

Visto il 20 ottobre 2010
Teatro Gobetti (Torino)
Prospettiva 2010 [vai al programma]

Leggi le altre recensioni sugli spettacoli di prospettiva 2010

Leggi l’articolo di presentazione di prospettiva 2010

Critico teatrale, ha una formazione interamente letteraria. Animatore del quotidiano di informazione teatrale onlinewww.teatroecritica.net, collabora con Radio Onda Rossa e ha fatto parte parte della redazione de I "Quaderni del Teatro di Roma", periodico mensile diretto da Attilio Scarpellini. Nel 2013 è co-autore del volume "Il declino del teatro di regia" (Editoria & Spettacolo, di Franco Cordelli, a cura di Andrea Cortellessa) e collaboratore della rivista "Orlando" (Giulio Perrone Editore) diretta da Paolo Di Paolo. Ha collaborato con il programma di "Rai Scuola Terza Pagina". Uscito a dicembre 2013 per l'editore Titivillus il volume "Teatro Studio Krypton. Trent'anni di solitudine". Suoi testi sono apparsi su numerosi periodici e raccolte saggistiche. È, quando può, un cantautore.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here