Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
HomeCordelia - le RecensioniRUMBA (di Ascanio Celestini)

RUMBA (di Ascanio Celestini)

Questa recensione fa parte di Cordelia di aprile 24

Questo racconto inizia dalla fine. E la fine, quasi sempre, è la morte. Ma se a morire è un personaggio esemplare come Francesco d’Assisi a un certo punto fatto santo, allora quella fine si estende oltre la morte, anzi quasi l’estensione ne fa un esempio ancora maggiore per chi ne raccoglie testimonianza. E allora ci vuole poco a far sì che il “poverello” d’Assisi, dalla propria ultima data in Terra vecchia di 800 anni o quasi, sopravviva in tutti i poverelli che oggi restano nelle intercapedini tra i negozi e l’asfalto, sui marciapiedi di ogni città. E, magari, nel parcheggio del luogo simbolo della modernità ipertrofica: il centro commerciale che condensa in un edificio gli effetti più roboanti del capitalismo. Ascanio Celestini, al Teatro Carcano di Milano e in tournée in tutta Italia, porta in scena Rumba. L’asino e il bue del presepe di San Francesco nel parcheggio del supermercato. Assieme al musicista Gianluca Casadei, referente del racconto e maschera muta come già nei precedenti capitoli della trilogia che comprende Laika e Pueblo, il racconto di Celestini nasce dal buio di un firmamento stellato, mescolando una proiezione lontana a un’osservazione da vicino della realtà, chiamando gli spettatori a un viaggio che magicamente comprime il tanto grande nel tanto piccolo e rivela così la profondità scoscesa e densa della memoria. Francesco, che a Greccio diede vita a un presepe simbolico per dire che ogni luogo è “terra santa”, ricorre nelle parole dei barboni del parcheggio, nella percezione del ritmo che si muove attorno, nell’identificazione della differenza tra i poveri e la povertà, ma allo stesso tempo rifrange nelle vetrine del supermercato, si specchia nei personaggi che osservano in negativo lo stesso paesaggio, come il facchino incattivito dalla sfortuna familiare che se la prende con i rom, compiendo così un’impresa di estrema difficoltà: come già in precedenti racconti, Celestini esprime pensieri scomodi nei personaggi, al punto di confondere gli spettatori che si trovano a un bivio, non sanno se indignarsi per la superficie delle parole, oppure in esse, con grande sforzo di accettazione, riconoscere le proprie. (Simone Nebbia)

Visto al Teatro Carcano, gennaio 24. Credits: di e con Ascanio Celestini; musiche di Gianluca Casadei; voce Agata Celestini; immagini dipinte Franco Biagioni; suono Andrea Pesce; luci Filip Marocchi

Cordelia, aprile 2024

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Simone Nebbia
Simone Nebbia
Professore di scuola media e scrittore. Animatore di Teatro e Critica fin dai primi mesi, collabora con Radio Onda Rossa e ha fatto parte parte della redazione de "I Quaderni del Teatro di Roma", periodico mensile diretto da Attilio Scarpellini. Nel 2013 è co-autore del volume "Il declino del teatro di regia" (Editoria & Spettacolo, di Franco Cordelli, a cura di Andrea Cortellessa); ha collaborato con il programma di "Rai Scuola Terza Pagina". Uscito a dicembre 2013 per l'editore Titivillus il volume "Teatro Studio Krypton. Trent'anni di solitudine". Suoi testi sono apparsi su numerosi periodici e raccolte saggistiche. È, quando può, un cantautore. Nel 2021 ha pubblicato il romanzo Rosso Antico (Giulio Perrone Editore)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

In-Box, tra espressione artistica e mercato

Un attraversamento della decima edizione di In-Box dal vivo, tenutasi a Siena dal 23 al 25 maggio 2024. La rassegna curata da Straligut Teatro...