Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
HomeArticoli Non è vero ma ci credono, sul confine tra satira e...

[VIDEO] Non è vero ma ci credono, sul confine tra satira e fake news

Una conversazione con Gian Marco Saolini, creatore di personaggi protagonisti di celebri fake news sui social network.

Manipolazione della realtà e fake news non sono fenomeni nati con i social network ma hanno le loro radici nella funzione stessa dei media (mediatori, appunto, tra i fatti e l’opinione pubblica).

In un contesto mediatico segnato da costante manipolazione ‘all’origine’, in cui internet doveva essere il più grande strumento di democrazia e invece ha contribuito a modificare nell’immaginario collettivo il concetto di libertà di espressione, qual è la responsabilità che un artista dovrebbe assumersi quando si prende gioco della realtà?

Gian Marco Saolini è uno dei “bufalari” più celebri degli ultimi anni, per alcuni meriterebbe la censura, proprio perché in grado di creare personaggi talmente verosimili da diventare probabili e dunque in grado di essere virali; Enrico Mentana lo ha definito uno di quelli in grado di “avvelenare i pozzi”.

Saolini non è neanche un attore, o comunque non nel senso classico, non ha una formazione specifica, però ha il fiuto, l’intuito dell’attore/autore e agisce sulla massa e su quanto ritiene che voglia sentirsi dire, almeno su un mezzo come Facebook.
La sua performance aderisce completamente al mezzo e non potrebbe essere credibile su un palco, dove si rinuncia con un patto diretto con lo spettatore all’incredulità; però nella scrittura e nella recitazione vi è un’impostazione precisa che tende al realismo più immediato, nel quale è più facile rispecchiarsi.

Cosa spinge Saolini – oltre la consueta necessità di emergere – a creare falsi miti? Per quale motivo molti utenti non riescono a rompere la quarta parete della finzione e intuire che si trovano di fronte a un’azione recitativa? Sappiamo ancora cos’è un attore?

Francesca Pierri e Piercarlo Fabi (con la collaborazione di Andrea Pocosgnich di Teatro e Critica) hanno posto alcune di queste domande e riflessioni proprio a Gian Marco Saolini ospite di Babylon su Cusano Tv Italia.

Altri contenuti  servizi, reportage in video

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Francesca Pierri
Francesca Pierri
Laureata in Filologia Classica e Moderna con una tesi magistrale in Letteratura Comparata all'Università degli Studi di Macerata, frequenta il master in Critica Giornalistica con specializzazione in Teatro, Cinema, Televisione e Musica presso l'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" a Roma. Ufficio stampa e comunicazione, continua la sua attività redazionale collaborando con la Rai - Radiotelevisione Italiana. Vive a Roma e da gennaio 2017 è redattrice di Teatro e Critica.

2 COMMENTS

  1. Io mi chiedo come sia possibile fare delle affermazioni su una persona che si sta intervistando o addirittura ripetere un qualcosa che è stato appena detto da quest’ultimo. Mi sembra girare intorno senza riuscire a proporre una chiacchierata interessante. “boomer” è un pregio a questo punto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Estasi e dismisura nella trilogia di Zappalà al Maggio Fiorentino

Al Maggio Musicale Fiorentino è andato in scena con grande successo di pubblico un trittico musicale tutto modernista ma catturato nella rete di una...