Mamma Roma. Videointervista ai tempi dell’Ikea

In un venerdì d’agosto ci ritroviamo dal Gambia, dall’Italia, dagli Stati Uniti, dalla Guinea Conakry, dal Pakistan spettatori della periferia di Roma, zona Anagnina, fuori e dentro il magazzino di Ikea con Leonardo Delogu e Valerio Sirna del collettivo -DOM; alle nostre spalle, lo slogan campeggia beffardo: “Benvenuto, fai come se fossi a casa tua!” lasciando alle indicazioni in alto, nell’angolo sinistro, ogni possibile misura di adeguamento alla realtà. Travisando anche l’accezione dichiaratamente pubblicitaria, noi quell’invito lo prendiamo come un “abita lo spazio, trasformalo, insomma vivilo. Fanne parte”.

Che poi è quello che il progetto Mamma Roma, prodotto da PAV all’interno del programma Estate Romana  insieme a L’uomo che cammina, (qui un prezioso attraversamento di Sergio Lo Gatto) ci ha invitato a fare durante le esplorazioni urbana Anagnina – Ikea e Termini – Tiburtina. Qualche giorno dopo anche noi prendiamo alla lettera Mamma Roma e la società svedese: con una video-intervista nelle diverse stanze che ci invitano a fare nostre, ci fermiamo a parlare nella confusione di un soggiorno o di una sala da pranzo di Ikea con il collettivo -DOM per conoscerne meglio il progetto.

Continua a leggere l’articolo e a guardare la videointervista su Spettatori Migranti / Attori Sociali

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here