La liturgia dei sopravvissuti di Chiara Guidi

Inizia a Torino la ventiduesima edizione del Festival delle Colline Torinesi. In scena l’ultima regia firmata Chiara Guidi. Recensione

Foto Ufficio Stampa

Quasi una liturgia: nel buio, una luce a occhio di bue su un leggio e, verso il fondale, un musicista che distilla suoni al vibrafono. Dopo gli attimi di rarefazione, la presenza e il suono della voce di Chiara Guidi colmano lo spazio della Lavanderia a Vapore: le sue parole sono tratte dalla raccolta di testi di Nelly Sachs, poetessa ebrea, sfuggita all’Olocausto e dalla sua corrispondenza con l’amico e sodale Paul Celan.

Inizia così lo spettacolo di Societas Raffaello Sanzio Lettere dalla notte – tra i primi in scena per la 22esima edizione del Festival delle Colline Torinesi – Chiara Guidi, immersa in un’atmosfera densa, volge la sua vocalità potente alla lettura del verbo lirico di Nelly Sachs. Si tratta di missive senza destinatario, salvo quando indirizzate esplicitamente al poeta; meditazioni sulla morte e sull’esistenza, sulla caducità di un nomadismo imposto, sulla condizione di esule e di superstite. «Ma cosa tiene unita la nostra trama? / Noi, ormai senza respiro, / la nostra anima è volata a lui dalla mezzanotte / molto prima che il nostro corpo si salvasse / nell’arca dell’istante – Noi superstiti, / stringiamo la vostra mano, / riconosciamo i vostri occhi – / ma solo l’addio ci tiene ancora uniti, / l’addio nella polvere / ci tiene uniti a voi».
È una tessitura che si arricchisce dell’armonica polifonia di un coro sparso tra il pubblico. Levandosi in piedi uno per volta si compone l’insieme delle voci, mentre un controluce abbagliante alle spalle degli spettatori staglia le sagome delle loro ombre. Dai gradini della Lavanderia a Vapore l’ensemble contrappunta e accompagna le parole e le melodie di Chiara Guidi che, sul proscenio con il microfono, dirige l’articolarsi di una partitura in cui le parole si mescolano al suono, vero protagonista e soggetto. Non esiste una narrazione: questa drammaturgia di respiri e versi si dipana attraverso la molteplicità degli accenti vocali, orchestrati e diretti con precisione da Guidi. Un coro che cambia di data in data, un gruppo liquido formato in occasione di un workshop tenuto dalla regista per pochi giorni.
I versi di Nelly Sachs – che sembrano a tratti sfumare nella composizione musicale di vocalità – contengono immagini di dolore, nella pienezza metaforica del verso riproducono paesaggi di sofferenza. L’elemento della polvere affastella questo cammino poetico, rievoca i solchi degli esuli, la transitorietà dei popoli e i suoni della moltitudine. Adorno nel 1949 sentenzia che scrivere una poesia dopo Auschwitz non sia altro che un atto di barbarie; proseguirà lungo questa linea di discorso, focalizzando la necessità per ogni tipo di cultura di farsi carico di quanto accaduto e contemporaneamente l’impossibilità per ogni forma d’arte di sopravvivere nel «terreno vago», impresso dai drammatici eventi della storia. Il caso di Nelly Sachs esemplifica – tra tanti altri, invero – l’inesattezza di questa tragica profezia, e la scelta di Guidi di assumere questa prospettiva rivela un felice incontro di codici linguistici tra frammenti lirici e sonorità in accordo.

Giulia Muroni

Torino, Lavanderia a Vapore – Giugno 2017

Lettere dalla notte
di Nelly Sachs
regia Chiara Guidi
con Chiara Guidi e il coro della città
musica eseguita dal vivo dall’autore Natàn Santiago Lazala
cura del suono Andrea Scardovi
traduzione Anna Ruchat
produzione Socìetas in collaborazione con Liberty
in collaborazione con Fondazione Piemonte dal Vivo

Liberamente tratto dai testi di Nelly Sachs

Leggi qui una nostra intervista a Chiara Guidi

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
Previous articleBando Theatrical Mass. In stagione a Campo Teatrale
Next articleBando per registi al festival internazionale Fantasio
Avatar
Dottoressa magistrale in Filosofia con una tesi sul rapporto tra Walter Benjamin e Bertolt Brecht, collabora con Teatro e Critica da gennaio 2017. Dal 2015 frequenta il Seminario di Filosofia delle Arti Dinamiche, presieduto da Carlo Sini e Antonio Attisani. Ha coperto un ruolo di docenza in scrittura nelle scuole superiori, nell’ambito del progetto della Regione Autonoma della Sardegna, Tutti a Iscol@ nelle annualità 2016/2017 e 2015/2016. Ha svolto attività di consulenza drammaturgica in progetti promossi da Piemonte Live dal Vivo. Negli anni 2011-2013 ha partecipato a Siena al seminario di studi di genere “Presenti Differenti”, fondato da Maria Luisa Boccia e Michela Pereira. Dal giugno 2013 al dicembre 2016 ha collaborato con la webzine Pane Acqua Culture. Una recensione del 2014 è stata pubblicata nell’ambito del progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography anni Ottanta-Novanta) ideato da Marinella Guatterini, realizzato con la Fondazione Paolo Grassi. Ha seguito una formazione di danza classica e danza contemporanea e ha partecipato ad alcune produzioni presentate a festival e rassegne nazionali.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here