Massimiliano Loizzi tra Kaufman e Pinelli

Massimiliano Loizzi a Torino con due spettacoli: il monologo Il matto. Ovvero io non sono Stato e la stand up comedy con Riccardo Goretti Men ond mun. Recensione

Foto Ufficio Stampa
Foto Ufficio Stampa

Basta poco. È sufficiente una sedia, qualche luce, una storia da raccontare ed è già teatro. Se però la questione è oltremodo nota – la vicenda giudiziaria relativa alla morte dell’anarchico Giuseppe Pinelli – è la modalità di rappresentazione (nonché ri-presentazione) dell’accaduto a fare la differenza. Massimiliano Loizzi, attore e autore della compagnia Mercanti di Storie, propone la propria personale riscrittura della questione nello spettacolo Il matto. Ovvero io non sono Stato. Lo abbiamo visto alla rassegna torinese Schegge, ideata e programmata in questa sua settima stagione da Silvia Limone e Girolamo Lucania, nello spazio de Il Cubo Teatro.

Foto Ufficio Stampa
Foto Ufficio Stampa

La scena è essenziale, una seduta campeggia centrale, Loizzi inserisce nel dato narrativo – ricostruendo le versioni ufficiali dei presenti – una fibra di surrealtà, così che la famosa versione del “malore attivo” che avrebbe determinato la caduta dell’anarchico Pinelli viene esasperata nel suo carattere già tragicamente farsesco, per diventare un “suicidio pinguinico”. La narrazione si sviluppa su registri differenti e l’attore si presta a scorrere tra una molteplicità di voci e prospettive, caratterizzando ciascun personaggio in modo grottesco – compreso l’avvocato difensore Sarcazzo. Tra trovate narrative acute, efficaci ribaltamenti di senso, un ritmo sempre serrato e incalzante, Loizzi si muove conturbante, intenso e sferzante.

Il pubblico lo conosce per la sua partecipazione ai video de Il Terzo Segreto di Satira, quindi si colloca in una postura ridanciana, godendo nel farsi bistrattare dall’attore che, ben consapevole di questo potere, lo usa con destrezza e a tratti gigioneggia. Conosce e padroneggia i meccanismi del comico, mutuando alcuni tratti da Paolo Rossi – con cui ha lavorato per Il signor Rossi e la Costituzione. È caustico mattatore di uno spettacolo che non si appiattisce sulla narrazione civile e si rivela capace con ironia, sarcasmo e qualche lirismo di riproporre in modo critico la questione delle stragi di stato in Italia.

Massimo Loizzi e Riccardo Goretti
Massimiliano Loizzi e Riccardo Goretti

Di altra fattura Men Ond Mun, stand-up comedy di Loizzi e Riccardo Goretti, visto al Circolo Arci Sud di Torino. Il titolo, italianizzato, si riferisce a una canzone dei R.E.M. e al film di Miloš Forman – Man on the Moon – e vuole, come queste due creazioni, proporsi quale tributo al performer Andy Kaufman. Definito un «susseguirsi di sketch a cazzo di cane» sull’ispirazione visionaria del comico americano, i due attori ricalcano la struttura sfrontata di un dialogo modulato su due timbri differenti: assurdo e vaneggiante Goretti, dove Loizzi è penetrante e corrosivo. I testi – favole improbabili, uno squilibrato alfabeto e il costante alternarsi di dialoghi e monologhi – sono prodotti degli attori, rimpolpati nell’atto dell’improvvisazione, agita come esercizio impertinente che si nutre del pubblico e lo rende interlocutore e componente stessa dello spettacolo.
Se il primo è un monologo puntuale, con trama fitta, cadenzata da una significativa presenza attorale, l’altro è una stand-up comedy a due velocità, giocata con irriverente disordine ed entrambi attestano Loizzi come istrione brillante, autore/improvvisatore di talento.

Giulia Muroni

Il Cubo Teatro (Rassegna Schegge) / Circolo Arci Sud, Torino – gennaio 2017

IL MATTO – OVVERO IO NON SONO STATO
Di e con Massimiliano Loizzi
Produzione Mercanti di Storie

MEN OND MUN. STAND-UP POLITICO SATIRICO
Di e con Riccardo Goretti e Massimiliano Loizzi

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
SHARE
Previous articleTrasparenze 2017 cerca artisti e spettacoli per spazi urbani
Next articleStrabismi: Call per il progetto di promozione e sostegno agli under 35
Dottoressa magistrale in Filosofia con una tesi sul rapporto tra Walter Benjamin e Bertolt Brecht, collabora con Teatro e Critica da gennaio 2017. Dal 2015 frequenta il Seminario di Filosofia delle Arti Dinamiche, presieduto da Carlo Sini e Antonio Attisani. Ha coperto un ruolo di docenza in scrittura nelle scuole superiori, nell’ambito del progetto della Regione Autonoma della Sardegna, Tutti a Iscol@ nelle annualità 2016/2017 e 2015/2016. Ha svolto attività di consulenza drammaturgica in progetti promossi da Piemonte Live dal Vivo. Negli anni 2011-2013 ha partecipato a Siena al seminario di studi di genere “Presenti Differenti”, fondato da Maria Luisa Boccia e Michela Pereira. Dal giugno 2013 al dicembre 2016 ha collaborato con la webzine Pane Acqua Culture. Una recensione del 2014 è stata pubblicata nell’ambito del progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography anni Ottanta-Novanta) ideato da Marinella Guatterini, realizzato con la Fondazione Paolo Grassi. Ha seguito una formazione di danza classica e danza contemporanea e ha partecipato ad alcune produzioni presentate a festival e rassegne nazionali.