Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Expo teatro Contemporaneo
Banner Bando Trevi Teatro
Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Bando Teatro Spaccato
Banner Expo teatro Contemporaneo
Banner Bando Trevi Teatro
HomeArticoliSimone Carella. Padre senza patria

Simone Carella. Padre senza patria

Simone Carella muore. Artista e promotore culturale. Ha fatto diventare Roma una fabbrica di talenti.

Sopra Vitebsk,  Marc Chagall, 1914
Sopra Vitebsk, Marc Chagall, 1914

Scrivere di. Certe volte non si può, è impedito dal cuore e dall’emozione che si porta il conoscere. l’aver conosciuto. E allora ci sono quelle storie fatte di persone di cui non si può scrivere. Sono tuttavia, queste, le persone a cui si può scrivere, come una lettera da infilare in una bottiglia che tanto il mare non perde, ma nasconde. E in caso ruba, pensieri, parole, opere. Fino pure alle omissioni. Tante, troppe, quando si scrive a qualcuno.
Dentro quella lettera c’è la storia di Simone Carella, che non c’è più.
Ma questa non è una pipa. Figuriamoci un necrologio.
Su, siamo seri, non l’avrebbe mai voluto un necrologio.
È questo un tentativo rivoltoso di dire qualcosa oltre la morte.
E non si tratta di vita eterna.
Ma di vita nostra.

Simone Carella è stato un sacco di cose – artista e promotore, dal Teatro Dioniso al Beat ‘72, da Bene a de Berardinis passando per i poeti di Castelporziano – tante che adesso a raccontarle ci vorrebbe Wikipedia, se solo un’enciclopedia – la lapide di ogni artista – sapesse cogliere il fiato, le occasioni, le inadempienze all’ordine costituito che fanno dell’arte il motore di ogni rivoluzione. E Simone ha fatto di più, ha fatto rivoluzione anche della rivoluzione, l’ha ribaltata, come amava rispondere a chi gli chiedesse da dove cominciare… «E da dove, ma dalla fine, ovviamente!» Sempre controcorrente, renitente a qualunque briglia di potere, Carella ha fatto l’artista e come tale alla sua vita non ha posto limiti, l’ha trattata come un’opera e c’è riuscito proprio perché presto, all’arte come status symbol, si è sottratto.

Parole le mie, scomposte, di una corrispondenza sentimentale. Da un Simone all’altro. Quello che resta a quello che va via. Il compito di uscire fuori dall’emozione e capire cos’è che rimane, insieme a quello che se ne va. Ricordo di un poeta, Franco Fortini in Composita Solvantur, che traccia con il dito il volto di un amico scomparso, lo conosceva, si vedevano spesso; eppure gli pare che soltanto lì, nel riquadro di un addio, finalmente lo riconosce. Certe cose, si sanno sempre dopo. E in questo dopo c’è scritto che questa città è viva di una morte recente, perché chiunque sia passato per il teatro a Roma ha incontrato il suo sguardo, la sua curiosità, il rintocco di un’accoglienza irriverente. Perché oggi, quel giorno in cui chi scrive non ci riesce per l’eccesso di messaggi commenti e telefonate, quella città morente a colpi di algoritmi da un lato e indifferenza dall’altro si mostra sempre più comunità, si stringe attorno al suo cavaliere pieno di macchie, guida di una rivolta già fallita, come sempre è la poesia. Che dell’indifferenza del potere, fa un potere.

In cima a ogni ricordo, si scriva: a Simone, artista senza patria, capace di crearne una a mille altri, che ha preso il canone e l’ha mutato in cenere, da cui far crescere una pianta d’alto fusto. Quella pianta si stringe e si ritrova in quello che per sempre è un sottobosco. Dove crescono le primizie selvatiche e il muschio sulla pietra, le ninfe e i titani, la notte e il firmamento, le rivoluzioni e le opere d’arte.

Simone Nebbia

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Simone Nebbia
Simone Nebbia
Professore di scuola media e scrittore. Animatore di Teatro e Critica fin dai primi mesi, collabora con Radio Onda Rossa e ha fatto parte parte della redazione de "I Quaderni del Teatro di Roma", periodico mensile diretto da Attilio Scarpellini. Nel 2013 è co-autore del volume "Il declino del teatro di regia" (Editoria & Spettacolo, di Franco Cordelli, a cura di Andrea Cortellessa); ha collaborato con il programma di "Rai Scuola Terza Pagina". Uscito a dicembre 2013 per l'editore Titivillus il volume "Teatro Studio Krypton. Trent'anni di solitudine". Suoi testi sono apparsi su numerosi periodici e raccolte saggistiche. È, quando può, un cantautore. Nel 2021 ha pubblicato il romanzo Rosso Antico (Giulio Perrone Editore)

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

La frangibilità è del fiore. Sottobosco di Chiara Bersani

Al Teatro Morlacchi di Perugia, all’interno della rassegna Perché non ballate?, è andato in scena Sottobosco di Chiara Bersani. Recensione La scena è scura, cosparsa...

Media Partnership

Prospero – Extended Theatre: il teatro europeo in video, già disponibile...

Raccontiamo con un articolo in media partnership gli sviluppi del progetto dedicato alla collaborazione internazionale che ha come obiettivo anche quello di raggiungere pubblici...