British Library Sounds. Un’idea del futuro che dà voce al passato

British Library Sounds è il progetto di digitalizzazione dell’archivio audio della British Library, che conta più di 3 milioni e mezzo di registrazioni. Dalla storia dei dialetti ai versi degli animali. Fino alle arti performative.

John Hurt in Krapp's Last Tape - foto Richard Perry / The New York Times
John Hurt in Krapp’s Last Tape – foto Richard Perry / The New York Times

Immaginate di attivare un registratore nel 1890 e di lasciarlo acceso per centoventi anni. Il vostro archivio sarà immenso e conterrà dalle conversazioni al mercato alle dichiarazioni che hanno fatto la Storia. E ora si può riascoltare attraverso una semplice applicazione online.
È già di qualche mese fa la notizia che, attraverso un complicato processo di acquisizione di copyright che è ancora in atto, la British Library di Londra ha archiviato, digitalizzato e messo a disposizione del pubblico circa 50.000 file audio. British Library Sounds è il nome del sito web che permette di navigare attraverso questo prezioso tesoro – che tuttavia costituisce solo una selezione di circa 3 milioni e mezzo di registrazioni raccolte fin dai primi esperimenti di fonografia (il cui catalogo è consultabile qui).
Si tratta di contributi riguardanti musica, teatro, letteratura, storia orale, registrazioni ambientali di ambienti naturali.
Come si legge sul sito, finanziata dal Joint Information System Committee (JISC) nel Programma di Digitalizzazione, tra il 2004 e il 2009 la British Library aveva già digitalizzato «decine di migliaia di registrazioni di musica, parola e suoni ambientali appartenenti al BL Sound Archive». Il progetto Archival Sound Recordings (ASR) acquisisce oggi il nome di British Library Sounds, che presenta anche una nuova piattaforma divisa per aree tematiche.

Orson Welles legge La Guerra dei Mondi - foto www.war-of-the-worlds.co.uk
Orson Welles legge La Guerra dei Mondi – foto www.war-of-the-worlds.co.uk

Di agile consultazione, l’archivio comincia con il documentare le innumerevoli forme della lingua inglese, ripercorrendo attraverso accenti e specifici dialetti l’intera evoluzione contemporanea di una lingua che, dall’epoca coloniale in poi, è rimasta quella veicolare di questa Europa che non conta più neppure la Gran Bretagna tra i propri membri. Dalla musica classica di maestri come Bach, Beethoven, Haydn e Mozart si passa alla storia orale del jazz britannico, al cabaret, alla musica popolare da tutto il mondo, fino all’intero podcast delle maggiori emittenti radiofoniche. Si può ascoltare i ruggiti dei leoni e degli orsi, gli ululati dei lupi e il canto di centinaia di specie di uccelli così come li avevano registrati i primi esploratori contemporanei, mentre la sezione di Storia Orale è ulteriormente suddivisa in 21 categorie come scienza, artigianato, architettura, arte e fotografia, cibo e una generosa overview degli anni Ottanta della grande isola. Non manca poi un’area di approfondimento sul sistema stesso di registrazione e sulla sua evoluzione.

Una delle sezioni più nutrite è proprio quella di arte, letteratura e spettacolo. In mezzo all’African Writers’ Club, alla fotografia, alla poesia e alla sua traduzione e all’archivio delle conferenze dell’Institute of Contemporary Arts (ICA) e dei dibattiti alla chiesa St. Mary-le-Bow di Londra, siamo andati a scorrere più da vicino la categoria Theatre Archive Project, realizzata in collaborazione con la De Monfort University. L’obiettivo è quello di «tornare a investigare la storia del teatro tra il 1945 e il 1968 dalla prospettiva sia dei professionisti che degli spettatori». Navigando le sottocategorie (Attori; Danzatori; Registi; Manager; Produttori; Scenografi; Spettatori; Performer di varietà; Scrittori e critici) si può incontrare la voce di Harold Pinter che parla del teatro britannico al microfono di Harry Burton; quella di Laurence Olivier in un’intervista del 1983; o decine di voci di spettatori che commentano titoli storici dei cartelloni del West End, tutti con tanto di trascrizione scaricabile.

Bertolt Brecht - foto www.openculture.com
Bertolt Brecht – foto www.openculture.com

Certo, stiamo parlando di una tradizione che non ci appartiene del tutto, confinata nelle latitudini britanniche, ma abbondano i riferimenti alla temperie culturale internazionale, così come percepita da professionisti e appassionati. E, a guardare i progetti futuri – che, grazie a partnership con enti pubblici e privati e scuole e università, mirano a digitalizzare entro il 2030 l’intero patrimonio acustico del paese salvandolo dalla minaccia del tempo – ci sarebbe da raccogliere l’esempio e farlo nostro. Sappiamo che gli archivi di audiovisivo (grazie al lavoro delle cineteche nazionali) e di storia orale in questo paese non mancano. Un ottimo esempio sullo specifico teatrale è il Progetto Ormete, ideato e diretto da Donatella Orecchia (Università degli Studi di Roma Tor Vergata) e Livia Cavaglieri (Università degli Studi di Genova), sostenuto dal Mibact e Ebraismo Culture Arti Drammatiche (ECAD).
Ma non si è ancora assistito a un così massivo intervento da parte dello Stato, in grado di unificare gli sforzi verso la conservazione di un patrimonio. Perché, si sa, la conoscenza del passato è il primo passo per l’invenzione del futuro.

Sergio Lo Gatto

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
Previous articlePaolo Panaro: “Io, mediatore tra il pubblico e la storia”
Next articleBiennale Teatro. Antonio Latella è il nuovo direttore
Avatar
Sergio Lo Gatto è giornalista, critico teatrale, ricercatore e dramaturg. Attualmente ricopre il ruolo di Responsabile delle Attività Culturali per Emilia Romagna Teatro Fondazione. È dottore di ricerca in Spettacolo, con una ricerca su critica teatrale e filosofie digitali e docente a contratto di Metodologie della Critica del Teatro e dello Spettacolo alla Sapienza Università di Roma. Si occupa di arti performative su Teatro e Critica. Ha fatto parte della redazione del mensile Quaderni del Teatro di Roma, ha scritto per Il Fatto Quotidiano e Pubblico Giornale, ha collaborato con Hystrio (IT), Critical Stages (Internazionale), Tanz (DE), collabora con il settimanale Left, con Plays International & Europe (UK) e Exeunt Magazine (UK). Ha collaborato nelle attività culturali e di formazione del Teatro di Roma, partecipato a diversi progetti europei di networking e mobilità sulla critica delle arti performative, è co-fondatore del progetto transnazionale di scrittura collettiva WritingShop. Ha partecipato al progetto triennale Conflict Zones promosso dall'Union des Théâtres de l'Europe, dove cura la rivista online Conflict Zones Reviews. Tra le pubblicazioni, con Matteo Antonaci ha curato il volume Iperscene 3, Editoria&Spettacolo 2017. con Graziano Graziani La scena contemporanea a Roma (Provincia di Roma, 2013).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here