Il Valle Occupato? Solo per poche ore

Un gruppo composto da alcuni degli ex occupanti del Teatro Valle Occupato (e Fondazione Teatro Valle Bene Comune) ha tentato di occupare temporaneamente lo stabile romano. Ma questa volta le forze dell’ordine hanno messo in opera uno sgombero molto rapido.

foto www.facebook.com/teatrovalleoccupato
foto www.facebook.com/teatrovalleoccupato

La notizia è corsa direttamente sui social network stamattina. Al ritmo degli hashtag “Luci in sala” e “669 giorni”, un gruppo di artisti, lavoratori dello spettacolo e attivisti è entrato dalla porta secondaria e atteso poi l’arrivo di alcuni sostenitori, ostacolato tuttavia dall’arrivo immediato delle forze dell’ordine, subito pronte a isolare le vie d’accesso.
I funzionari hanno permesso lo svolgersi di una breve conferenza stampa nella sala, rimasta chiusa per 669 giorni, appunto, in seguito allo sgombero della triennale occupazione, avvenuto nell’agosto 2014. Ad oggi del Teatro Valle è agibile solo il foyer, utilizzato per qualche sporadica proiezione o presentazione di libri. Un risultato diverso da quello auspicato in quel lontano giugno 2011, che aveva dato vita a un precedente politico-culturale molto problematico ma di certo potente.

Al suono di un battito cardiaco emesso dagli altoparlanti, i giornalisti hanno attraversato la platea, che ospitava una suggestiva installazione di palloncini trasparenti con una luce all’interno.

Il comunicato stampa sottolinea che «per il restauro non esiste ancora un progetto; i fondi non sono mai arrivati; i lavori mai cominciati», nessuna manutenzione. Dell’azione è stata sottolineata la pura natura pacifica e simbolica: il programma era di tenere aperto il Valle per un giorno soltanto, il giorno in cui il centro di Roma è animato anche dalla parata del Gay Pride. «Oggi è la giornata dei corpi fuori norma e dei desideri. Oggi non ci accontentiamo», recita l’ultima riga del comunicato, che denuncia come Roma sia stata «la cavia del governo Renzi», in cui «la retorica del bando e la consuetudine delle nomine dall’alto sono strumenti di istituzioni che funzionano come soggetto privato».

Qualcuno, tra i giornalisti, ha chiesto espressamente se fosse casuale la decisione di realizzare quest’azione nella settimana precedente al ballottaggio delle elezioni amministrative, facendo il nome dell’assessore alla Cultura dell’eventuale giunta 5Stelle di Virginia Raggi, Tomaso Montanari, anche garante della Fondazione Teatro Valle Bene Comune.
Per smentire ogni endorsement, è stato risposto soltanto che «questo pare essere il periodo giusto per proporre delle soluzioni o rendere manifeste certe urgenze». Urgenze alle quali – e questo è un dato di fatto – il presidente del Teatro di Roma Marino Sinibaldi, accettando la sfida di inserire il Valle nella gestione del Nazionale romano, non ha saputo dare risposta.
Dunque certo è che, al di là del tentativo di scoprire se dietro a questa azione si cela uno schieramento politico del comitato degli attivisti, questi sono giorni in cui ogni azione simile accetta il rischio di stare in mezzo a un faccia a faccia elettorale. E forse c’è ancora chi spera che, oltre a inviare camionette di poliziotti in casco blu, ci sia la possibilità di un diverso dialogo.

Ma dunque che cosa è successo l’11 giugno 2016 al Teatro Valle? Lo abbiamo raccontato con una diretta Twitter e con qualche video tutt’altro che piacevole, al quale vi rimandiamo.

Sergio Lo Gatto

Leggi tutti gli articoli relativi al Teatro Valle Occupato

#teatrovalle aperto oggi #luciinsala #669giorni

Un video pubblicato da Teatro e Critica Webzine (@teatroecritica) in data:

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
Previous articleJulieta. Almodóvar dirige una cupa tragedia greca
Next articleArtisti in residenza al Rifugio Massimo Mila
Avatar
Sergio Lo Gatto è giornalista, critico teatrale, ricercatore e dramaturg. Attualmente ricopre il ruolo di Responsabile delle Attività Culturali per Emilia Romagna Teatro Fondazione. È dottore di ricerca in Spettacolo, con una ricerca su critica teatrale e filosofie digitali e docente a contratto di Metodologie della Critica del Teatro e dello Spettacolo alla Sapienza Università di Roma. Si occupa di arti performative su Teatro e Critica. Ha fatto parte della redazione del mensile Quaderni del Teatro di Roma, ha scritto per Il Fatto Quotidiano e Pubblico Giornale, ha collaborato con Hystrio (IT), Critical Stages (Internazionale), Tanz (DE), collabora con il settimanale Left, con Plays International & Europe (UK) e Exeunt Magazine (UK). Ha collaborato nelle attività culturali e di formazione del Teatro di Roma, partecipato a diversi progetti europei di networking e mobilità sulla critica delle arti performative, è co-fondatore del progetto transnazionale di scrittura collettiva WritingShop. Ha partecipato al progetto triennale Conflict Zones promosso dall'Union des Théâtres de l'Europe, dove cura la rivista online Conflict Zones Reviews. Tra le pubblicazioni, con Matteo Antonaci ha curato il volume Iperscene 3, Editoria&Spettacolo 2017. con Graziano Graziani La scena contemporanea a Roma (Provincia di Roma, 2013).

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here