Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
HomeArticoliTeatro in video. Il teatro di figura di Neville Tranter

Teatro in video. Il teatro di figura di Neville Tranter

Neville Tranter per Teatro in Video, 4° appuntamento

 

Che cosa significa teatro di figura? È quel teatro che, oltre alla presenza umana, utilizza una presenza altra, un medium ulteriore, presenta un corpo doppio. Fantocci, pupazzi, burattini, marionette, pupi, guarattelle, ombre, nominare queste diverse forme significa tornare alla vera origine del teatro, affondare la memoria di luoghi e linguaggi fino a un’epoca preistorica, prima ancora che l’idea di rappresentazione assumesse un senso dentro l’immaginario collettivo. Prima dei riti funebri, delle pubbliche celebrazioni, dei lutti di piazza, prima dell’orizzonte sacro, insieme alle iscrizioni murali c’erano già i prototipi di quelle bambole che sarebbero diventate l’espressione del doppio, condensata in quell’archetipo la potenza primordiale del concetto di personificazione, di sdoppiamento della realtà.

«Un pupazzo rappresenta l’essere umano in tutte le sue perfezioni e imperfezioni. Lavorare con il pupazzo significa lavorare con le radici di tutto il teatro». Anche per via di questa dichiarazione, per offrire un segno visivo tra le pagine di questa rubrica, proponiamo un esempio dichiaratamente contemporaneo, presentando un artista che ha scelto di unire l’arte della costruzione e della manipolazione a quella della recitazione pura, del teatro fisico, del ventriloquio. È l’australiano Neville Tranter, alla testa della compagnia Stuffed Puppet Theatre, che ha ridefinito il rapporto tra animatore e pupazzo, costruendo e dando vita a uno scambio vitale che non ha nulla da invidiare alla più intensa delle co-azioni sceniche tra esseri umani. Il lavoro di Tranter esplora le zone grigie tra animazione, illusione e racconto, sempre in lotta con il concetto di personaggio eppure catalizzando un discorso innanzitutto politico, nel senso più radicale del termine. Come se fosse davvero possibile pensare a qualcosa di inanimato come a un contenitore di complessità che neppure il migliore degli attori è in grado di ritrarre. In oltre trent’anni di lavoro i suoi “pupazzi farciti” (questo significa stuffed puppets) hanno trattenuto su sguardi increduli, buffi, terrificanti e grotteschi le espressioni di un’indefinibile ansia di vivere, alla ricerca di un ponte tra la meraviglia visuale e l’essenziale verbo della comunicazione emotiva.

Nella scena che proponiamo, tratta dallo spettacolo Underdog (1985) uno scheletro vestito di taffetà rosso sangue seduce un uomo con sussurri e carezze, questi si lascia andare a un momento di tenerezza; le labbra tremanti di lui incontrano i denti scoperti di lei; danzano, i due, su una suonata per pianoforte, come due novelli sposi, si abbandonano addirittura a un appassionato amplesso fino a che – con uno scatto fulmineo – le dita lunghe dello scheletro non si chiudono sulla gola dell’uomo.
«Se puoi farlo anche senza usare un pupazzo, allora non usare un pupazzo», diceva un altro grande artista del teatro di figura, Philippe Genty. Ecco messa in pratica, invece, quella necessità.

Sergio Lo Gatto
Twitter @silencio1982

Alcune parti di questo articolo, a firma dello stesso autore, sono comparse nel numero 3 (luglio-settembre) 2012 di Hystrio. Per gentile concessione.

Una traduzione del testo che si ascolta nel video:

“Perché mi hai ignorato così a lungo? Non aver paura, prendimi la mano. Sì…, Hai una mano così pesante. Troppa carne! I tuoi riflessi sono ancora vitali. Tuo padre sarebbe molto contento di saperlo. Oh, sì, vuole sapere cosa hai intenzione di fare. Provi qualcosa per me? Provi qualcosa per me? Tutta questa passione, tutto questo odio… Odi tuo padre così tanto? Se dici anche solo una parola, tuo padre si salverà. Che cosa scegli allora? Danza con me. Danza con me”. (S.L.G.)

Altri contenuti di TEATRO IN VIDEO

 

Teatro in video.

Grazie alla collaborazione di utenti e studiosi di tutto il mondo, YouTube sta diventando un grande archivio anche per le arti performative. Ogni domenica anticiperemo la visione di un filmato storico con un nostro breve testo di presentazione o accompagnamento. Lasciate i vostri commenti su questa nuova iniziativa e aiutateci a scovare preziose rarità.

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Sergio Lo Gatto
Sergio Lo Gatto
Sergio Lo Gatto è giornalista, critico teatrale e ricercatore. È stato consulente alla direzione artistica per Emilia Romagna Teatro ERT Teatro Nazionale dal 2019 al 2022. Attualmente è ricercatore presso l'Università degli Studi Link di Roma. Insegna anche all'Alma Mater Studiorum Università di Bologna, alla Sapienza Università di Roma e al Master di Critica giornalistica dell'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" di Roma. Collabora alle attività culturali del Teatro di Roma Teatro Nazionale. Si occupa di arti performative su Teatro e Critica e collabora con La Falena. Ha fatto parte della redazione del mensile Quaderni del Teatro di Roma, ha scritto per Il Fatto Quotidiano e Pubblico Giornale, ha collaborato con Hystrio (IT), Critical Stages (Internazionale), Tanz (DE), collabora con il settimanale Left, con Plays International & Europe (UK) e Exeunt Magazine (UK). Ha collaborato nelle attività culturali e di formazione del Teatro di Roma, partecipato a diversi progetti europei di networking e mobilità sulla critica delle arti performative, è co-fondatore del progetto transnazionale di scrittura collettiva WritingShop. Ha partecipato al progetto triennale Conflict Zones promosso dall'Union des Théâtres de l'Europe, dove cura la rivista online Conflict Zones Reviews. Insieme a Debora Pietrobono, è curatore della collana LINEA per Luca Sossella Editore e ERT. Tra le pubblicazioni, ha firmato Abitare la battaglia. Critica teatrale e comunità virtuali (Bulzoni Editore, 2022); con Matteo Antonaci ha curato il volume Iperscene 3 (Editoria&Spettacolo, 2018), con Graziano Graziani La scena contemporanea a Roma (Provincia di Roma, 2013). [photo credit: Jennifer Ressel]

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Braunschweig e Deflorian con Pirandello oltre la morte

Recensione. La vita che ti diedi di Luigi Pirandello, con la regia di Stéphane Braunschweig e l'interpretazione di Daria Deflorian nel ruolo da protagonista....

Media Partnership

Contemporaneo Futuro: nel tempo della nuova visione

Presentiamo con un articolo in media partnership la IV edizione del festival Contemporaneo Futuro dedicato ai nuovi autori e ai nuovi pubblici a cura di Fabrizio Pallara che si svolgerà al Teatro India - Teatro Torlonia dal 10 al 14 aprile .