Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
banner Veleia Teatro Festival 24
Homeno home pageGli Omini all'Angelo Mai con 7 Novembre 2008, un gradevole spettacolo pacchiano

Gli Omini all’Angelo Mai con 7 Novembre 2008, un gradevole spettacolo pacchiano

Questo spettacolo è andato in scena, leggi la recensione

gli-omini-7-novembreE’ una settimana piena di debutti quella che si appresta a venire, e non parlo solo dei grandi nomi, quelli più attesi come Latella all’Argentina con Aristofane oppure Turturro a Torino, largo dunque anche ai giovani, a coloro che sgomitano per uno spazio nel quale poter mostrare il risultato di una faticosa ricerca artistica. Puntando i nostri riflettori su Roma questo è proprio il caso degli Omini, la compagnia toscana sarà nella capitale per una due giorni all’Angelo Mai.

Per chi non lo sapesse l’Angelo Mai ha riaperto e lentamente sta tornando ad essere cruciale nei rapporti culturali ed artistici della città. Parlo chiaramente di un progetto terminato 3 anni fa e che ebbe la forza di captare le migliori forze artistiche della città (ovvero quando la gente faceva la fila per andare a teatro o a un concerto), poi sappiamo come è andata a finire: la cecità dell’amministrazione comunale, gli interessi dei borghesucci romani e lo sgombero. Ora quel collettivo di persone ha ottenuto e riqualificato un altro spazio in via delle Terme di Caracalla, confidiamo che anche questo sarà lo spazio dell’ arte e dell’immaginazione come lo era il vecchio Anelo Mai nel Rione Monti.

Mi scuseranno gli Omini se ho sottratto qualche riga a questo articolo destinato a presentare un loro spettacolo, ma era doveroso. Gli Omini d’altronde sarebbero dovuti andare in scena al Rialto, altro spazio autogestito, troppo intelligente per rimanere aperto. Ma quando una cosa è nell’aria non la fermi e allora il “Rialto” diventa organismo distributivo e sfruttando gli spazi amici riesce comunque a portare in scena gli artisti che aveva invitato nella sua stagione. Così è successo per spettacoli come Metrocubo di Roberto Caccavo al Furio Camillo e così succederà per gli Omini che porteranno la loro ultima fatica 7 Novembre proprio all’Angelo Mai.

In questo spettacolo (vincitore del premio della giuria popolare all’ultimo Festival Visioni) che sarà in scena il 23 e 24 gennaio, gli Omini per un attimo abbandonano il solito metodo di lavoro, quello con cui hanno costruito spettacoli come CRisiKo per intenderci, ovvero la ricerca socio-antropologica. Gli Omini se ne andavano in giro per i piccoli comuni dell’Italia per intervistare, documentare e raccontare così il nostro paese distorto. Con 7 Novembre, il gruppo nato nel 2006 a Pistoia, cambia registro e inizia a collezionare il maggior numero di informazioni possibili su ciò che è accaduto proprio in quel giorno: il 7 novembre 2008. A pensarci bene è una soluzione nettamente contraria: partire dalla gente che abita comuni sconosciuti del centro Italia condensa una sorta di verità inappellabile, costruire invece uno spettacolo da quello che i media hanno raccontato su un dato giorno a quali paradossi può portare? E anche per questo è un appuntamento imperdibile.

Dalle note di accompagnamento dello spettacolo:

Strappare a viva forza un giorno all’oblio. Un giorno solo, uno a caso. Sottrarlo dal finire nell’ingrato mucchio dei tanti giorni passati, per renderlo un giorno eternamente presente. Un giorno uguale a tutti gli altri, e per questo un unico, irripetibile giorno qualsiasi. Prendere un giorno e renderlo inutilmente, vanamente importante. Solitamente serve qualcosa di grosso ad un giorno per rendersi riconoscibile: Nascita del Signore, Resurrezione, Liberazione, Grande Esplosione, Immacolata Concezione. Si contano su una mano i giorni illustri: gli altri fanno numero. Danno Spessore. Giustificano i calendari, riempiono le settimane, cadenzano il ritmo vitale. Ripetitivamente ti accompagnano stordendoti alla fine dei giorni. I giorni infiniti finiscono per ognuno di noi una volta per tutte.

Questo spettacolo è andato in scena, leggi la recensione

Andrea Pocosgnich
redazione@teatroecritica.net

in scena
23 e 24 gennaio 2010
Angelo Mai
Roma

ore 21:00
biglietti: 7 euro

7 NOVEMBRE 2008 – UN GRADEVOLE SPETTACOLO PACCHIANO
Una coproduzione GLI OMINI/KILOWATT FESTIVAL
Scritto a ARMUNIA
Provato a L’ARBORETO – TEATRO DIMORA DI MONDAINO
Studiato, composto, diretto, interpretato e bestemmiato da RICCARDO GORETTI, FRANCESCO ROTELLI, FRANCESCA SARTEANESI, LUCA ZACCHINI.
Musiche ed elaborazioni sonore di MARCO CANACCINI
Elaborazioni grafiche di OBOSTUDIO
La faccia de “IL PIRULONE” è di ANTONIO CUGNETTO
L’abito femminile è di CLOTILDE

Leggi anche 7 Novembre 2008: Gli Omini a Kilowatt Festival

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

 | Cordelia | giugno 2024

Ecco il nuovo numero mensile di Cordelia, qui troverete le nuove recensioni da Milano, Vicenza, Napoli, Palermo... danza e teatro.