Emma Dante verso Medea, tra sangue e poesia

Emma Dante porta il suo Verso Medea al festival di Villa Adriana

emma dante medea
foto di Eleonora De Longis

431 anni prima della nascita di Cristo debuttava la leggendaria Medea di Euripide, destinata – se non a vincere le Grandi Dionisie (scavalcata da Sofocle) – a passare nei secoli come una delle tragedie simbolo dell’Atene di Pericle, in quel V secolo che avrebbe dato fondamento alla politica democratica e alle arti, una su tutte il teatro.
La storia della sposa rifiutata ed esule che punirà il marito adultero Giasone uccidendone la nuova moglie e i figli vanta centinaia di adattamenti; vi si aggiunge ora un secondo tentativo di Emma Dante (un primo fu prodotto nel 2003 dallo Stabile di Napoli), con Verso Medea, presentato al Festival di Villa Adriana a Tivoli. Le rovine della sontuosa residenza dell’imperatore suggestiva e prestigiosa – anche arena estiva dell’Auditorium Parco della Musica di Roma – non negano una cornice perfetta a rievocare il mito, ma su di esso si innesta un linguaggio forte come quello della Dante. Sulla scena vuota si fanno avanti i fratelli Enzo e Lorenzo Mancuso, musicisti e polistrumentisti tradizionali siciliani famosi in tutto il mondo che si occuperanno di realizzare dal vivo una colonna sonora bastante da sola a giustificare l’intero spettacolo. Fronte al pubblico, stretti in un abbraccio, regalano una sorta di prologo cantato, dividendo le voci in intervalli di terza e quinta, prima di posizionarsi a un attrezzatissimo angolo del palco, da dove accompagneranno il tutto con grazia e potenza, cellula di racconto esterna e però fondamentale.

emma dante medea
foto di Angelo Pitrone

Il codice della regista palermitana – arrotondato dalle belle luci di Marcello D’Agostino – non tarda a manifestarsi, raccogliendo cinque attori in gonna nera in una fila frontale e creando così il coro delle donne corinzie, che in realtà sono uomini. Uno di loro racconta il sogno ricorrente di essere in dolce attesa, ma l’evidenza è che solo Medea, a tutti gli effetti unica donna in scena, può dare una discendenza alla sterile Corinto. Sull’abito nero della protagonista, interpretata con energia non sempre costante da Elena Borgogni, si distinguono due macchie di colore all’altezza del seno, rotte in fili di ricamo che sembrano zampilli di sangue da una ferita. La sua è una Medea dal corpo esasperato, attraversato da scariche di energia elettrica come in una invincibile possessione demoniaca. Basta una cuffia nera in testa e un gilet di paillettes a far spuntare Creonte e Giasone dal coro delle donne, insieme al cambio repentino del parlato da uno stretto dialetto siculo e partenopeo a una soffiata impostazione della voce.

emma dante medea
foto di ufficio stampa

Se però nelle scene di gruppo, in cui il ritmo delle sillabe e la consueta tensione muscolare tempestata di gesti-chiave e accenti scandiscono la musica della narrazione oscillando con sapienza tra un’isterica vena ironica e svisate di racconto sanguigno, i dialoghi tra Medea e Giasone, dove si allarga il respiro del tono tragico, appaiono più scollati e meno carichi di inventiva. Quella di mandare i due attori a esplorare il registro lirico, che potrebbe sembrare una scelta volutamente ironica, non riesce tuttavia a imporre la sua potenza, rischiando di rallentare troppo alcuni passaggi e di creare un effetto di straniante separazione dal personaggio proprio in un lavoro così votato alla densità del gioco tra attore e maschera. Nonostante i consueti lampi di genio dati da un uso essenziale e carnale dello spazio e degli oggetti (la trapunta del parto che in un gesto repentino si trasforma nel neonato da cullare), in più di una sequenza il talento della Dante nel muovere i corpi in scena cede il passo a un’eccessiva fiducia nel fascino dell’ambientazione e delle musiche, mettendo in luce una generale debolezza nella drammaturgia. La scelta forte di rendere Medea madre di un solo figlio maschio, rinnovato accenno a questioni di genere e di potere già esplorate nel teatro di questa artista, non basta a rendere fluido il passaggio tra un materiale più puro – quello che proviene dall’attore, dalla sua biografia e dalla sua immaginazione – e il linguaggio tragico, che pure conterrebbe in sé l’ingrediente per far detonare la potenza poetica.

Sergio Lo Gatto
Twitter @silencio1982

Villa Adriana Festival, Tivoli, Giugno 2014

Teatro Roma SpettacoliVuoi qualche consiglio sugli spettacoli da vedere a Roma?

Teatro Roma – Spettacoli in Agenda

Ogni settimana gli spettacoli da non perdere, una guida per orientarsi fra i numerosi teatri di Roma

VERSO MEDEA
di Emma Dante
musiche dal vivo Fratelli Mancuso
luci Marcello D’Agostino
con Elena Borgogni, Carmine Maringola, Salvatore D’Onofrio, Sandro Maria Campagna, Giuliano Scarpinato, Davide Celona

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
SHARE
Previous articleLa MaMa Spoleto Open 2014 Programma
Next articleBando Teatro Tordinona e-performance 2015
Sergio Lo Gatto è giornalista, critico teatrale, ricercatore e traduttore. Alla Sapienza. Università di Roma svolge un dottorato di ricerca tra teorie della critica e filosofie del digitale. Si occupa di arti performative su Teatro e Critica. Ha fatto parte della redazione del mensile Quaderni del Teatro di Roma, ha scritto per Il Fatto Quotidiano e Pubblico Giornale, ha collaborato con Hystrio (IT), Critical Stages (Internazionale), Tanz (DE), collabora con Plays International & Europe (UK) e Exeunt Magazine (UK). Ha partecipato a diversi progetti europei di networking e mobilità sulla critica delle arti performative, è co-fondatore del progetto transnazionale di scrittura collettiva WritingShop. Ha partecipato al progetto triennale Conflict Zones promosso dall'Union des Théâtres de l'Europe, dove cura la rivista online Conflict Zones Reviews. Tra le pubblicazioni, con Graziano Graziani ha curato il volume La scena contemporanea a Roma (Provincia di Roma, 2013), con Matteo Antonaci Iperscene 3, Editoria&Spettacolo 2017.