martedì 29Novembre 2022

Recensioni

Recensioni spettacoli teatrali, danza, arti performative.
La recensione è il formato classico, forse il più rappresentativo del giornalismo culturale e della critica teatrale. Qui trovate le cronache degli spettacoli più interessanti, le critiche aspre, le analisi e le stroncature in grado di creare dibattito e far riflettere.

Anima: Triangolo Scaleno Teatro alla ricerca di Brecht

L'atmosfera visiva creata dalla Nicolai, ovvero gli abiti (che poi cadranno tutti insieme di colpo) illuminati dal basso e il tappeto sonoro, funziona; come d'altronde è molto interessante una certa interpretazione del testo di Brecht che sposta l'accento sulla relazione uomo-unico Dio, sostituisce la presenza dei tre Dei brechtiani con un conseguente grido a un unico Dio incapace di ascoltare; e poi colpisce anche la disgregazione dei personaggi nella coralità della compagnia, dove, come in una girandola si cambia personaggio ad ogni scena.

Sequestro all’italiana: la crudeltà del reale e la finzione di Teatro...

La recensione dello spettacolo in scena al Teatro Orologio fino al 20 dicembre. In Teatro Minimo, compagnia del vivace panorama teatrale pugliese, nata nel 2001, messa in scena e testualità vanno di pari passo, ed ecco che la regia di Michele Sinisi (protagonista con Vittorio Continelli) visivamente si costruisce sull'astrazione. Nella sala grande del Teatro Orologio è stato ricostruito un pavimento in mattonelle...

Being Hamlet, ovvero follia e coraggio di CK Teatro

Poco mi interessa un impatto drammaturgico, una trama riconoscibile che tanto di sé sappia raccontare, e non mi interessa perché non interessa neanche loro. Per un mio vizio di forma dirò che accostare il dubbio di Adamo di fronte alla mela all’amletismo del famoso monologo è scelta che ho apprezzato molto; dirò del testo di Carvelli, assetato, scritto interamente in sesta rima; dirò dell’uso estremo del video in una sala di teatro, come oscurità travestita da rivelazione, e per questo la dirò più pura...

Ascanio Celestini: Il razzismo è una brutta storia

La recensione dell'ultimo lavoro di Ascanio Celestini. Sul suo teatro si è detto molto. La sua voce fatta di cadenze ritmiche e quasi rimiche, la sua misurata complicità con la fantasia, mai debordante ma di rara incisività, poi la tecnica strutturale a cellula concentrica, cui stavolta concede qualche apertura in più nella scansione di solito estremamente puntuale, qualche lucido inciampo in cui far passare, dall’esterno, la musica che lo accompagna.

Babilonia Teatri “Pornobboy” : siamo schiavi di un’informazione di plastica

La recensione dello spettacolo in scena fino al 29 novembre al Teatro India Si attaccano manifesti del proprio spettacolo, megalomania, senso della grandezza, moltiplicazione del proprio ego e della propria immagine. L'importante è esserci, non fa niente se il manifesto è messo per storto, non dipende dal motivo o dal movente...

Nella carne il silenzio. L’ Amleto di Roberto Bacci in un...

La recensione dell'ultimo lavoro della Compagnia Laboratorio di Pontedera sul dramma shakespeariano. La Compagnia Laboratorio di Pontedera ha creato un Amleto esemplare. In scena, fino al 29 novembre al Teatro India di Roma, i sette attori non si prendono un attimo di pausa, la loro è una prova soprattutto fisica, sin dall'inizio combattono, volteggiano, si arrampicano...

“Si l’ammore no” di Elvira Frosini e Daniele Timpano: in gioco...

La recensione dello spettacolo visto al Teatro Colosseo di Roma. In scena ci sono loro stessi e non due personaggi di fantasia, ci sono i loro corpi, i loro nomi, la loro vita, c'è il loro matrimonio stilizzato, c'è la loro forza, ma anche la loro personale fragilità. Poi però, fortunatamente, c'è anche il teatro...

La Madeleine di Muta Imago imprigionata in un incubo senza uscita

La recensione dell'ultimo spettacolo del gruppo formato da Riccardo Fazi, Claudia Sorace, Massimo Troncanetti e Glen Blackhall. In scena al Palladium fino al 22 novembre grazie al Romaeuropa Festival, il lavoro ha un carattere barocco dato dalla presenza e dall'animarsi di una struttura costituita da pannelli in plexiglass.

A cena con amici: al Vascello Zuccari mette in scena Margulies

La recensione dello spettacolo in scena fino al 22 novembre. Ci sono due coppie: Gabry e Chiara, Betta e Tommy, sono amici da sempre. Fu grazie a un appuntamento organizzato dai primi che i secondi si conobbero. Ora entrambe le coppie sono arrivate al fatidico giro di boa: i quarant'anni.

Autobiografia della vergogna (Magick) : tra le piaghe della memoria di...

La vergogna. Cosa di più caratterizza una caduta nella propria intimità, nella biografia che ha il compito di raccontarla? Di questa vergogna si nutre ogni racconto in prima persona, o dovrebbe qualora onesto: ognuno di noi ha una vergogna da stemperare, un pudore essenziale di ingenuità fatta coscienza, il suono che lasciano, appena dopo averle pronunciate, le parole di un’offesa.

Zio Vanja: Gabriele Vacis al Teatro Valle ci riavvicina a Cechov

La recensione dello spettacolo in scena nella sala romana dell'Eti fino al 23 novembre. La bravura degli attori è evidente, ma lo è anche il lavoro fatto da Gabriele Vacis su di essi e sul testo che nell'adattamento realizzato insieme a Federico Perrone trova un piglio di modernità molto efficace. Sin da quando gli spettatori devono finire di prendere posto nella platea tutti gli attori sono già sul palco, parlano tra loro, si vestono, guardano tra il pubblico e questa sarà una costante della scrittura scenica di Vacis per tutto lo spettacolo.

Synagosyty: Aram Kian si racconta con la regia di Gabriele Vacis

Aram Kian in scena è trascinante, sa creare immagini e un piccolo mondo davanti agli occhi di chi ascolta, e da fermo raggiunge ogni angolo del suo microcosmo: io cammino con lui nel freddo di Sinago, con lui vado a scuola, con gli amici, all’università, gli cammino accanto e non è pregio di molti saper tirare in una storia con tanta facilità. Il testo ha un ottimo ritmo, non lascia mai passare spifferi, in questo la regia di Vacis si conferma particolarmente sapiente nel gestire una narrazione, davvero il suo campo più consono. È poi uno spettacolo anche divertente, che lascia al sorriso un fondo amaro, e che non lesina in immagini e caratterizzazione.

Libera nos: al Valle un omaggio per i vent’anni dello spettacolo

La coesione col testo lo rende uno dei più adatti ad agire sulla narrazione, il lavoro sulla lingua, sulla caratterizzazione, per quanto ormai non proprio sorprendente ne segna i tratti distintivi con una certa potenza. Artuso e Balasso una coppia classica, il lungo un po’ tocco e il bassetto furbo, ma creano un tessuto di strade, colline, case, coltivi, osterie, tale che manca soltanto il cartello con scritto “Benvenuti a Malo”

Orgy of Tolerance: il mondo secondo Jan Fabre

La recensione dell'ultimo lavoro dell'artista belga. E' stato due giorni a Roma, ora si sposterà l'8 novembre a Torino. Lo spettacolo annunciato da molti come l’ennesima prova della capacità dell’arte contemporanea di scandalizzare, è in realtà molto più ironico di quello che si potesse pensare, anche se come spesso succede nelle vere opere d’arte, alzando il velo dell’ironia la tristezza e l’amarezza della realtà sono tremende.

ULTIMI ARTICOLI

Sulle frequenze della realtà. Prima Onda a Palermo

A Palermo si è tenuta, tra la fine di ottobre e l’inizio di novembre, la terza edizione di Prima Onda Fest. Diretto da Sabino...

BANDI e NEWS

​CapoTrave/Kilowatt cerca un/a responsabile di produzione

CapoTrave/Kilowatt intende selezionare un/a responsabile di produzione che - seguendo le indicazioni della direzione generale, artistica e amministrativa - si occuperà di pianificare, organizzare,...

Da marzo 2020, subito dopo la serrata di tutti i teatri d’Italia, in pieno lockdown, abbiamo cercato di utilizzare le nostre energie editoriali per creare una mappa del pensiero sulla crisi dello spettacolo dal vivo causata dalla pandemia.

Qui trovate una serie di articoli, riflessioni, editoriali, interviste delle redattrici e dei redattori di Teatro e Critica oppure interventi esterni accolti come spunti e importanti ragionamenti.