Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
HomeComunicatiLa lettera di risposta dell'assessore Gotor sul futuro del Mattatoio

La lettera di risposta dell’assessore Gotor sul futuro del Mattatoio

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di risposta dell’assessore alla Cultura di Roma Capitale Miguel Gotor all’appello di numerosi artisti e operatori della cultura sul futuro delle attività culturali negli spazi della Pelanda all’ex Mattatoio

Cari tutte e tutti,

accolgo con attenzione la vostra lettera/appello che manifesta ulteriormente la vivacità del dibattito e l’utilità di un confronto tra noi.
Considero, infatti, un segnale positivo che una comunità di persone – artisti, intellettuali, osservatori e partecipanti d’eccellenza alla vita culturale di Roma – si trasformi in una voce collettiva in difesa dell’attività svoltasi negli anni trascorsi nell’area dell’ex Mattatoio. Non poteva esserci migliore testimonianza di quanto la nostra città sia un sistema sociale grande e stratificato, con una capacità di propulsione culturale in grado di generare senso di comunità e legami di solidarietà anche al di fuori dai circuiti ufficiali e accademici.
Provo a rispondere, quindi, con il massimo rispetto per le vostre osservazioni e critiche.
Sono consapevole che il merito principale dei progetti culturali che si sono svolti presso gli spazi del Mattatoio negli ultimi anni è stato quello di coniugare un’innegabile dimensione internazionale con l’esplorazione di linguaggi sperimentali originali e innovativi. Si è trattato di un lavoro ancora più meritevole se si considera il fatto che in parte è stato condotto in un periodo di emergenza sanitaria di una gravità inedita e anche per questo desidero ringraziare in questa sede e dopo averlo fatto di persona, tra i tanti, l’ex presidente del Palaexpo Cesare Pietroiusti e Ilaria Mancia.
Sono certo che i nuovi vertici del Palaexpo, nominati, come imposto dallo statuto, dopo le elezioni del 2021 abbiano ben chiaro che questo patrimonio culturale ereditato dai loro predecessori merita di essere preso in considerazione all’interno del percorso di elaborazione delle nuove linee dell’attività culturale che stanno definendo. A me spetta solo il compito di garantire la loro piena autonomia di lavoro e di programmazione e nella scelta di nuove figure cui affidare i progetti che stanno elaborando, a partire dalla convinzione che nessuno ha il monopolio della sperimentazione e dell’innovazione una volta e per sempre. Anzi, l’avvicendarsi di diverse personalità nella costruzione di un programma culturale è una buona base di partenza per provare a garantire risultati originali e innovativi, come è accaduto, ad esempio, durante la scorsa amministrazione al MACRO, dove al progetto Macroasilo ideato e curato da Giorgio De Finis subentrò il Museo per l’immaginazione preventiva ideato e curato da Luca Lo Pinto.
L’attuale direzione del Palaexpo ha deciso di chiudere una parte dei progetti collegati alle arti performative come era suo diritto fare. Ciò non significa che essi non siano stati ben condotti e non abbiano ricevuto una buona accoglienza da parte della comunità nazionale e internazionale e un discreto successo di pubblico, ma è prevalsa la volontà di sperimentare strade nuove e personalità diverse con l’obiettivo e la sfida di migliorare quei pur positivi risultati conseguiti.
Nel vostro appello c’è scritto che non esiste una programmazione per gli spazi della Pelanda e desidero rassicurarvi in merito.
Anzitutto perché alcuni di questi progetti, da voi stessi citati nella lettera, sono stati confermati in continuità con il passato. Mi riferisco alle attività promosse da Short Theatre (settembre 2023), da Roma Europa Festival (settembre-novembre 2023) e dal Festival di Nuova consonanza (dicembre 2023). Sono state inoltre riprese le collaborazioni con ARF Festival del fumetto (maggio 2023), un’esperienza che negli anni precedenti era stata allontanata dal Mattatoio, e con Spazio Griot (giugno-luglio 2023).
A queste iniziative se ne aggiungeranno di nuove: al Mattatoio si terrà Iperfestival, un appuntamento connesso alle attività del RIF-Museo delle periferie (giugno 2023) e, a partire dalla fine del mese scorso e a più riprese durante il 2023, si articolerà la collaborazione tra l’Azienda Speciale Palaexpo e l’Accademia Drammatica Silvio D’Amico mirata alla realizzazione di alcuni progetti didattici e di spettacoli (febbraio-aprile 2023) alla Pelanda, guidati rispettivamente da Giorgio Barberio Corsetti e Antonio Latella, su cui colgo l’occasione per fornirvi ulteriori informazioni. Il primo progetto «Non è il mio cuore a perdersi, ma il mondo che lascio» è volto allo studio di tre testi di Pier Paolo Pasolini, messi in scena dagli allievi registi del II anno: Studio su «Porcile» (allievo regista Sergio Biagi); Studio su «Histoire du soldat» (allieva regista Giulia Funiciello); Studio su «Pilade – Appunti da un’Orestiade pasoliniana» (allievo regista Mattia Spedicato). Il lavoro si concluderà con uno spettacolo itinerante aperto al pubblico pensato appositamente per gli spazi della Pelanda dal 17 al 19 marzo 2023. Il secondo progetto, che si svolgerà ad aprile, è dedicato alla messa in scena del «Male Sacro» di Massimo Binazzi, saggio del III anno di recitazione del Diploma Accademico di primo Livello, per la regia di Antonio Latella (Teatro 1), con apertura delle prove al pubblico a ingresso gratuito il 27-28 aprile 2023. Contemporaneamente nei due foyer della Pelanda, saranno in prova gli spettacoli vincitori del Premio Camilleri della scorsa edizione: «Il supermaschio», con la regia di Marco Corsucci e «Parole Morte Comunque», con la regia di Diego Parlanti, sempre sotto la guida di Latella quale tutor del progetto.
Si ribadisce, inoltre, l’obiettivo di sviluppare una visione aperta all’attivazione di residenze e alla produzione di nuove opere, anche di giovanissimi autori nell’ambito della performance e delle arti in genere, alimentando, proprio come avete scritto nella vostra lettera, e ne sono convinto anche io, una «formazione continua, diffusa e inter-generazionale, che ha permesso di ampliare, progressivamente e continuativamente, il bacino di utenza degli spazi e la ricaduta positiva sulla città».
Anche lo spazio delle mostre prevede una programmazione assai promettente. Si pensi alla rassegna «Vita Dulcis», co-curata dall’artista Francesco Vezzoli e dall’archeologo Stéphane Verger, in cui arte contemporanea e cinema dialogheranno con la statuaria proveniente dal Museo Nazionale Romano. Oppure a quanto è accaduto con la mostra appena conclusa «Plinio De Martiis Roma William Klein», allestita in uno dei Padiglioni del Mattatoio, dove sono state affrontate le immagini scattate a Roma negli anni Cinquanta da due fotografi: l’acclamato Klein e De Martiis, celeberrimo gallerista romano, ma anche straordinario e poco noto fotografo che questa iniziativa ha contribuito a far conoscere al grande pubblico.
La qualità di una iniziativa, come sappiamo, non può essere misurata solo con il metro del riscontro economico e tra i principali compiti di un’amministrazione pubblica vi è quello di gettare nuovi semi affinché il terreno continui a germogliare. Anche per questa ragione credo sia opportuno da parte dell’Assessorato alla Cultura di Roma e dell’istituzione Azienda Speciale Palaexpo continuare a confrontarsi senza pregiudizi con i firmatari dell’appello per capire insieme quali interlocuzioni ed eventuali collaborazioni potranno essere possibili nel comune interesse della città di Roma e della sua vita culturale.
Con viva cordialità e i migliori auguri di buon lavoro

Miguel Gotor
assessore alla Cultura
di Roma Capitale

Leggi anche:

Valle, Eliseo, Mattatoio. Roma tra promesse e chiusure

Tutti gli articoli sul Teatro Valle di Roma

Il caso del Teatro Eliseo

Mattatoio: la lettera alle istituzioni

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Braunschweig e Deflorian con Pirandello oltre la morte

Recensione. La vita che ti diedi di Luigi Pirandello, con la regia di Stéphane Braunschweig e l'interpretazione di Daria Deflorian nel ruolo da protagonista....

Media Partnership

Contemporaneo Futuro: nel tempo della nuova visione

Presentiamo con un articolo in media partnership la IV edizione del festival Contemporaneo Futuro dedicato ai nuovi autori e ai nuovi pubblici a cura di Fabrizio Pallara che si svolgerà al Teatro India - Teatro Torlonia dal 10 al 14 aprile .