Il corpo e l’ectoplasma nell’inquietudine di Masque Teatro

Rcensione. Kiva, ultima produzione di Masque Teatro con Eleonora Sedioli e la regia di Lorenzo Bazzocchi è stato ospitato e presentato nello spazio di Atelier Sì.

Foto Luca Del Pia

Sedersi in prima fila nella sala bolognese di Atelier Sì permette un contatto ravvicinato con la scenografia geometrica e scarna di Kiva, ultima produzione di Masque Teatro con Eleonora Sedioli e la regia/ingegneria di Lorenzo Bazzocchi. Un piano inclinato, una parete verticale, un cilindro; queste le direzioni in cui la scena si articola.

Lentamente, ancora immerso nella penombra un corpo livido e grigio e una testa rasata compaiono di fronte a noi, si arrampicano sulla pedana inclinata. Le membra si accartocciano, le dita delle mani e dei piedi – stravolte e tese – cercano un appiglio che non c’è. Un sottile fascio di luce mette in risalto tutte quelle linee, e solchi, e vene e ossa di cui è fatto essenzialmente un corpo. Un corpo che in fretta perde i propri contorni e le proprie geometrie per farsi figura; o ectoplasma, come si legge nella presentazione dello spettacolo, poetica e contorta, che richiama ancora una volta le teorie deleuziane tanto care al teatro del corpo e della modernità.

Un corpo che si scompone e ricompone di fronte a noi. Rimaniamo per un po’ concentrati a studiare ogni linea, ogni vuoto e pieno, ogni cambiamento, mentre un tappeto sonoro ci accompagna con un’inquietudine che si aggiunge alla curiosità e, insieme, a quella segreta e intima repulsione che sempre si prova nell’osservare davvero un corpo estraneo. Per un tempo che ci appare interminabile la figura scivola sulla pedana sempre più inclinata, si arrampica e scivola, tenta di ergersi e cade attirata da una forza più profonda della gravità, una forza interiore che non permette l’evolversi in qualcosa di più sensato di quel corpo. Ci guarda negli occhi, con occhi profondi e neri, con rabbia.

Foto Luca Del Pia

Scompare poi nel buio oltre la pedana e si muove verso la parete che avevamo intravisto sul lato destro del palco. Qui regna l’ombra, l’ombra proiettata dall’alto di una mano che si staglia ma di nuovo non trova a che aggrapparsi, soltanto il vuoto e il bianco, e quella forza che attrae verso il fondo. Lo spettacolo continua così, in un ritmo surreale, sul tappeto sonoro che non lascia mai la scena. L’ultima azione di questo corpo è dissolversi, così come era apparso, in una nuvola di fumo denso. La figura si appresta a scalare quel cilindro silenzioso in fondo alla scena, aiutata da meccanismi che forse vorrebbero trasmettere un senso di magia, ma che intravediamo salire e scendere nell’imperfezione della macchina teatrale. Non si sa se sia il cilindro fumante a divorare questo corpo, o esso a dissolversi nel vapore, in un’aspirazione totale verso qualcosa di oltre.

Fatica questo spettacolo a dirigere lo sguardo. Autonomamente scelgo quali vene osservare, quale parte sconnessa di questo corpo tinto di grigio dalla luce sapientemente orchestrata ma neutra, impassibile. Studio le vertebre in rilievo nella schiena, una per una, e poi passo a un piede, a una mano, una scapola. Pur nel movimento risulta un effetto statuario, di staticità. Contribuisce a questa sensazione il sonoro, una vibrazione profonda e lugubre che non cessa mai, tormentata. Contribuisce il fumo denso che, bellissimo, ipnotizzante, cola incessantemente dal cilindro di ferro che ora mi appare come un totem e mi ricorda il parallelepipedo di Kubrick. Un cilindro freddo che ribolle e vomita.

Foto masque.it

Mi sento costretta a guardare ancora e ancora quel corpo che ormai mi pare di sapere a memoria. Non rintraccio più il percorso compiuto fino a quel cilindro, il viaggio necessario per raggiungerlo. Anche i confini e le geometrie del mio ruolo di spettatore si confondono, e sentirei la necessità di aggiungere del movimento, il mio, a quella che ora mi sembra una virtuosa forma di installazione, ma non più di teatro; e che potrebbe durare per sempre, ma non qui. Immagino di potermi muovere tra le forme e le rovine di questa scenografia, di vagare nel fumo denso e poter ancora osservare quel corpo da prospettive diverse, scavalcando la visione frontale che percepisco come una limitazione nel rapporto intimo che quel corpo mi impone di stabilire con lui.

Accanto a me siede un filosofo che in questo momento invidio, poiché sicuramente intravede e comprende i riferimenti e le astrazioni che questo spettacolo dichiara di volere rielaborare e fare propri. Kiva rimane una visione affascinante, inquietante, dall’ingegneria forse ancora arrugginita ma anche dalla grande cura estetica. Tuttavia, entrambi ancora ci chiediamo da cosa derivi quell’assenza di vita che percepiamo alla fine dello spettacolo.

Angela Forti

Bologna, gennaio 2022

KIVA

con Eleonora Sedioli
tecnica Angelo Generali
costumi Mood Indigo_Bo
foto Cristian Filippelli
regia, ideazione, luci e macchine Lorenzo Bazzocchi
produzione Masque teatro
con il contributo di Comune di Forlì, Regione Emilia-Romagna, Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
Previous articleIl teatro popolare d’arte e i cul-de-sac
Next articleLavoro: Ferrara Off APS cerca figure da inserire nel proprio organico
Angela Forti
Angela Forti, di La Spezia, 1998. Dopo gli studi scientifici, è laureanda al corso di laurea di Arti e Scienze dello Spettacolo presso La Sapienza Università di Roma, con un attenzione particolare agli studi performativi contemporanei e allo specifico del Teatro di Figura. Nel 2019 consegue il diploma Animateria, corso di formazione per operatore esperto nelle tecniche e nei linguaggi del teatro di figura promosso da Teatro Gioco Vita - Teatro del Drago - Teatro delle Briciole e finanziato dalla Regione Emilia Romagna. Studia pianoforte e teoria musicale, prima al Conservatorio G. Puccini di La Spezia, poi al Santa Cecilia di Roma. Inizia a occuparsi di critica musicale per il Conservatorio Puccini, studiando con il Maestro Giovanni Tasso; all'università inizia il percorso nella critica teatrale con i laboratori tenuti da Sergio Lo Gatto e Simone Nebbia e scrivendo per le riviste Il Batocchio, Paneacquaculture, Le Nottole di Minerva. Collabora con Teatro e Critica da luglio 2019. Fa parte del Collettivo Hombre, con lo spettacolo Casa Nostra ha vinto l'°8 edizione del Premio Scenario Infanzia

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here