Teatro dell’Argine, guardare la realtà non è mai stato tanto virtuale

Babylon ospita il direttore artistico Andrea Paolucci e l’attore Lorenzo Fietta per parlare di Labirinto, spettacolo in realtà virtuale di Teatro dell’Argine.

Si può parlare di spettacolo post teatrale? «La percezione dello spettatore all’interno dello spettacolo è davvero qualcosa di nuovo. È qualcosa che non è normalmente negli occhi di tutti noi. Non è teatro, ma forse lo è, c’è il lavoro artigianale di una compagnia di teatro che gestisce i processi nei modi tradizionali ma applicandoli alla nuova tecnologia. Però non ci sono corpi dal vivo. Perciò abbiamo inventato questa etichetta», così ha esordito Andrea Paolucci, direttore artistico di Teatro dell’Argine.

Labirinto è il tentativo di raccontare 14 storie che hanno come protagonisti gli adolescenti: «all’inizio ero sorpreso e contento, perché il teatro è la mia passione, poi ho scoperto che questo invece è un mondo più vicino al cinema.[…] Quando metti il visore in testa lo vivi come un videogioco», riflette uno dei giovanissimi attori, Lorenzo Fietta.

Babylon è un programma di Cusano Italia TV, curato da Francesca Pierri. Con la collaborazione di Teatro e Critica. Qui il video dell’intervista a Andrea Paolucci e Lorenzo Fietta e in anteprima alcune immagini dal Labirinto.

Altri contenuti  servizi, reportage in video

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here