L’incontro senza la presenza fisica? Da Udine il CSS va in scena su Zoom

Mi vedi? è uno spettacolo francese scritto non per il palcoscenico ma direttamente per la piattaforma Zoom, l’autore è Gullermo Pisanì. Una conversazione con Rita Maffei del Css che sta producendo la versione italiana.

Uno spettacolo scritto dall’autore franco-algerino Guillermo Pisani durante il primo lockdown, nel quale la piattaforma Zoom viene utilizzata all’interno della drammaturgia: Mi vedi, tradotto per la prima volta da Rita Maffei e diretto dallo stesso Pisani, prevede tre storie che si intrecciano tra di loro, attori e spettatori si spostano di sala in sala attraverso la funzione del software con cui vengono create delle stanze separate separate e in questo modo possono così incontrarsi in un luogo virtuale dal vivo. Allo stesso tempo la drammaturgia prevede una serie di momenti interattivi in cui il pubblico può esprimersi e votare alcune scelte legate alla storia.

Pisani afferma: «Se, come diceva Jerzy Grotowski, il cuore del teatro è l’incontro, a che punto l’incontro fisico è costitutivo di ogni incontro? Non è possibile esplorare l’incontro collettivo senza la compresenza fisica? Ma allora, che caratteristiche, che natura ha questo incontro, sul piano dell’esperienza, del vissuto, dell’affetto, della percezione degli altri, del sentimento di aver vissuto qualcosa insieme o anche di appartenere a una stessa comunità?»

Ne parliamo con Rita Maffei, coodirettrice del Css, Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia.

Babylon è un programma di Cusano Italia TV, curato e condotto da Francesca Pierri e Piercarlo Fabi. Con la collaborazione di Teatro e Critica. Qui il video della conversazione con Rita Maffei

Altri contenuti  servizi, reportage in video

Leggi articoli e riflessioni su Coronavirus e teatro

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here