Volver, ritornare in Sicilia. Spettatori Migranti intervista Giuseppe Provinzano

promo

Lo Spazio Franco, Amunì e Volver

Volver di Giuseppe Provinzano. Foto di Nayeli Salas

Dall’oblò dell’aereo, mentre si intravede la Sicilia, Alagie guarda il Mediterraneo; lo vede per la prima volta da così in alto. Siamo stati invitati a Palermo – come Spettatori Migranti – dal progetto Amunì, una di quelle realtà che grazie al bando MigrArti ’18 – Mibact stanno dando vita a una serie di esperimenti sociali, artistici, alla ricerca di un nuovo senso di comunità, partendo dall’arte.
Alagie la parola Sicilia la conosce bene, torna dopo quasi un anno e mezzo; tempo durante il quale ci siamo conosciuti in un centro d’accoglienza, abbiamo lentamente iniziato a parlarci in italiano, ci siamo avvicinati al teatro insieme da spettatori, come pratica sociale, di apprendimento linguistico, di scoperta di codici e confronto culturale, e poi anche da performer con il progetto Dance Across Border.
Ad aspettarci – in quel luogo virtuoso che risponde al nome di Cantieri Culturali alla Zisa – c’è il regista Giuseppe Provinzano. Da quest’anno la sua compagnia Babel e il progetto Amunì sono assegnatari di uno dei numerosi spazi gestiti dal Comune di Palermo nel quale dar vita ai propri percorsi artistici, all’interno dei Cantieri. È qui che partecipiamo a due delle giornate di teatro, incontri e cinema organizzate dal 4 al 7 luglio. È qui che assistiamo a Volver, nuova produzione della Compagnia dei Migranti Amunì dopo Il rispetto di una puttana. In scena e dietro le quinte le origini dei ragazzi, giovanissimi, sono Mali, Nigeria, Marocco, Tunisia, Sri Lanka Bangladesh, Isole Mauritius, Iraq e Italia. Dopo lo spettacolo incontriamo il regista e ci facciamo raccontare lo Spazio Franco, il progetto Amunì e il perché dello spettacolo Volver.

Continua a leggere l’articolo e a guardare la videointervista su Spettatori Migranti / Attori Sociali

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
SHARE
Previous articleWorkshop gratuito con Maria Grazia Cipriani
Next articleFuori dal teatro, il teatro. Com’è Asti per Emiliano Bronzino
Luca Lòtano è giornalista pubblicista e laureato in giurisprudenza con tesi sul giornalismo e sul diritto d’autore nel digitale. Si avvicina al teatro come attore e autore, concedendosi poi la costruzione di uno sguardo critico sulla scena contemporanea. Insegnante di italiano per stranieri (Università per Stranieri di Siena e di Perugia), lavora come docente di italiano L2 in centri di accoglienza per richiedenti asilo politico, all'interno dei quali sviluppa il progetto di sguardo critico e cittadinanza Spettatori Migranti/Attori Sociali; è impegnato in progetti di formazione e creazione scenica per migranti. Dal 2015 fa parte del progetto Radio Ghetto e sempre dal 2015 è redattore presso la testata online Teatro e Critica.