Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
Banner workshop di critica a inDivenire
HomeArticoliStratagemmi dello sguardo sul teatro di oggi

Stratagemmi dello sguardo sul teatro di oggi

Il nuovo numero di Stratagemmi Prospettive Teatrali è dedicato allo stato attuale del teatro, attraverso un’indagine riflessiva tra artisti e critici

stratagemmi

Stratagemmi Prospettive teatrali – data alle stampe dal marzo 2007 per volontà di Pontremoli Editore con Francesca Gambarini, Maddalena Giovannelli, Francesca Serrazanetti e Gioia Zenoni – è arrivata al numero 33, che si potrebbe definire come una sorta di “numero monografico anomalo”.
Da un lato c’è un caso di studio: il racconto del progetto De-generazioni, nato presso il Teatro i di Milano nella stagione 2014/2015 dietro iniziativa di Francesca Garolla e Oliviero Ponte di Pino e con il supporto di Stratagemmi; un calendario di programmazione affiancato da uno degli incontri pubblici con gli artisti nel tentativo, si legge nell’introduzione al volume, di «tracciare connessioni tra il singolo percorso e un panorama più ampio». Dall’altro c’è il salto dal particolare al generale: il focus sull’iniziativa milanese lascia invece spazio a una ben più ampia e accurata riflessione sullo stato dell’arte (o dovremmo dire lo “stato di salute”) del nostro teatro di oggi.

Agli artisti chiamati in causa in De-Generazioni (Fortebraccio Teatro, Maniaci d’Amore, Davide Iodice, Masque Teatro, Teatro delle Albe, Claudio Morganti, Teatro i, Fibre Parallele) è dedicata la seconda parte, il Taccuino, che si apre alle loro riflessioni; la prima parte di Studi propone come di consueto un mazzo di riflessioni coraggiose, a firma di Ponte di Pino, Roberta Ferraresi e Gerardo Guccini.
Il risultato è uno strenuo tentativo di andare più a fondo del solito refrain secondo cui «non esiste una storia del teatro, esistono le storie del teatro», provando a infilzare il presente con un’analisi partecipata che metta in luce i processi e le pratiche, seguendo anche quel monito di Claudio Meldolesi che invitava a non occuparsi soltanto degli apici della storia, ma anche delle «fasi di stagnazione, meno cariche di fermento».
Dov’è allora questo “nuovo” o “nuovissimo” teatro? Che lettera dobbiamo mettere accanto al termine “generazione”? Tra “prima, seconda, terza e quarta ondata”, tra “anni Zero” e “anni Dieci”, tra “post-” e “post-post-post-avanguardia”, tra “under” e “over 35”, tutte queste etichette identitarie, siano esse imposte o autocertificate, si fanno con i processi e con la consapevolezza della loro liquidità.
Roberta Ferraresi promuove una «biodiversità» estetica da preservare. Perché magari, a metterli in fila uno dietro l’altro, i linguaggi non si somigliano affatto, ma di certo condividono almeno in parte le stesse condizioni produttive e distributive. Almeno di regione in regione. Quel forte filo rosso materiale sono i conti da far tornare, quel sistema economico cui abbiamo dato tanto potere da renderlo distruttivo per tutti.

Che si sia o meno affezionati a questo desiderio compulsivo di storicizzazione, perché è importante leggere studi simili? Oltre ai preziosi contributi degli artisti, è curioso come nelle note al testo compaiano praticamente tutti i nomi di coloro che stanno provato a tracciare una linea delle evoluzioni e delle involuzioni del “nuovo” a teatro. Ma magicamente non c’è autoreferenzialità, se non quella necessaria a guardarsi allo specchio. Chi fosse interessato a capire meglio come e perché si è arrivati a questa situazione – non sempre disastrosa, anzi spesso incredibilmente vitale, soprattutto agli occhi di chi sta girando molto l’Europa – troverebbe in queste 150 pagine un sentiero molto ben attrezzato.

Sergio Lo Gatto

STRATAGEMMI- PROSPETTIVE TEATRALI
(redazione: Francesca Gambarini, Maddalena Giovannelli, Francesca Serrazanetti, Gioia Zenoni)
numero 33 / 2016
Interventi di : Oliviero Ponte di Pino, Roberta Ferraresi, Gerardo Guccini, Roberto Latini, Francesco d’Amore e Luciana Maniaci, Davide Iodice, Lorenzo Bazzocchi, Marco Martinelli, Claudio Morganti, Francesca Garolla, Licia Lanera e Riccardo Spagnulo.
Pagg: 150
ISSN: 2036-5233
Online su www.stratagemmi.it

Telegram

Iscriviti gratuitamente al nostro canale Telegram per ricevere articoli come questo

Sergio Lo Gatto
Sergio Lo Gatto
Sergio Lo Gatto è giornalista, critico teatrale e ricercatore. È stato consulente alla direzione artistica per Emilia Romagna Teatro ERT Teatro Nazionale dal 2019 al 2022. Attualmente è ricercatore presso l'Università degli Studi Link di Roma. Insegna anche all'Alma Mater Studiorum Università di Bologna, alla Sapienza Università di Roma e al Master di Critica giornalistica dell'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica "Silvio d'Amico" di Roma. Collabora alle attività culturali del Teatro di Roma Teatro Nazionale. Si occupa di arti performative su Teatro e Critica e collabora con La Falena. Ha fatto parte della redazione del mensile Quaderni del Teatro di Roma, ha scritto per Il Fatto Quotidiano e Pubblico Giornale, ha collaborato con Hystrio (IT), Critical Stages (Internazionale), Tanz (DE), collabora con il settimanale Left, con Plays International & Europe (UK) e Exeunt Magazine (UK). Ha collaborato nelle attività culturali e di formazione del Teatro di Roma, partecipato a diversi progetti europei di networking e mobilità sulla critica delle arti performative, è co-fondatore del progetto transnazionale di scrittura collettiva WritingShop. Ha partecipato al progetto triennale Conflict Zones promosso dall'Union des Théâtres de l'Europe, dove cura la rivista online Conflict Zones Reviews. Insieme a Debora Pietrobono, è curatore della collana LINEA per Luca Sossella Editore e ERT. Tra le pubblicazioni, ha firmato Abitare la battaglia. Critica teatrale e comunità virtuali (Bulzoni Editore, 2022); con Matteo Antonaci ha curato il volume Iperscene 3 (Editoria&Spettacolo, 2018), con Graziano Graziani La scena contemporanea a Roma (Provincia di Roma, 2013). [photo credit: Jennifer Ressel]

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Pubblica i tuoi comunicati

Il tuo comunicato su Teatro e Critica e sui nostri social

ULTIMI ARTICOLI

Braunschweig e Deflorian con Pirandello oltre la morte

Recensione. La vita che ti diedi di Luigi Pirandello, con la regia di Stéphane Braunschweig e l'interpretazione di Daria Deflorian nel ruolo da protagonista....

Media Partnership

Contemporaneo Futuro: nel tempo della nuova visione

Presentiamo con un articolo in media partnership la IV edizione del festival Contemporaneo Futuro dedicato ai nuovi autori e ai nuovi pubblici a cura di Fabrizio Pallara che si svolgerà al Teatro India - Teatro Torlonia dal 10 al 14 aprile .