Beppe Severgnini a teatro. La vita da viaggio

Beppe Severgnini sbarca in teatro con un adattamento del suo romanzo La vita è un viaggio. Lo abbiamo visto al Teatro Vittoria di Roma. Recensione

 

foto ufficio stampa
foto ufficio stampa

Beppe Severgnini è un personaggio popolare. Un intellettuale, un giornalista, uno scrittore, ma anche un volto riconoscibile. Intorno alla carta stampata del Corriere della Sera – dove “risiede” come editorialista dal 1995 – c’è il suo seguitissimo blog Italians, ospitato dallo stesso quotidiano, ci sono decine di collaborazioni con programmi televisivi e radiofonici, corrispondenze dall’estero tra est-Europa, Russia, Cina, Stati Uniti e Inghilterra (collaborando con The New York Times, The Economist e BBC). Questi ultimi due paesi, in particolare, lo apprezzano molto, conferendogli posti in classifica nei New York Times Bestsellers, un’ottima popolarità e addirittura un’onorificenza della Regina Elisabetta. Non è una novità che figure simili, dopo lunga navigazione in arcipelaghi affini, sbarchino a teatro. Severgnini lo ha fatto debuttando un anno fa con La vita è un viaggio, una vera e propria drammaturgia tratta dall’omonimo romanzo (Rizzoli, 2014) che lo vede in scena come “attore di se stesso”.

foto di Armando Rotoletti
foto di Armando Rotoletti

Aeroporto di Lisbona, notte. Uno sciopero lascia a terra tutti i passeggeri. In un salottino si incontrano uno scrittore di mezza età (Severgnini) e un’attrice ventottenne (Marta Isabella Rizi). In viaggio verso un convegno a Boston lui, lei in procinto di trasferirsi in Brasile per aprire un bar sulla spiaggia con il ragazzo surfista: dopo qualche resistenza data dalle classiche distanze generazionali, finiranno per intavolare una ricca chiacchierata sul senso della vita e dell’essere in viaggio.
Severgnini sceglie una via non facile e questo è apprezzabile: quella che avrebbe potuto essere l’ennesima comparsata dell’opinionista che usa il palco teatrale come una delle tante agorà per una presa di parola diventa invece uno studiato tentativo di innesto artistico. Il suo nome e cognome non vengono mai nominati, dettaglio onirico che ci fa leggere l’intera vicenda come una proiezione dei ragionamenti di un padre che parla al figlio. E infatti – ce lo confessa lo stesso attore/autore in qualche a parte consegnato al pubblico – quel figlio c’è davvero, è una creatura di questi tempi, nato e cresciuto in quest’epoca frenetica, alle prese con le stesse fuggevolezze emotive di Marta. Il trasfert tra vita reale e finzione scorre nel dialogo con ritmo e fluidità solo a volte spezzati dall’emergere incontrollato di quella vena sardonica e un po’ pedante, à la Woody Allen primo periodo, propria del Severgnini giornalista.

foto ufficio stampa
foto ufficio stampa

Si parla del viaggio come dimensione dell’io, delle regole che impone e delle porte che spalanca, si parla della possibilità, tenendosi sempre in movimento, di misurare meglio le distanze tra conquiste e aspettative, si parla del nostro “essere italiani” e di come questo sia insieme croce e delizia di un popolo che resta a galla quando potrebbe nuotare o affonda quando potrebbe aggrapparsi a qualche zattera di buon senso e di umiltà. Si parla, si parla, si parla forse troppo. La regia di Francesco Brandi è timida e pulita, lascia spazio alle voci microfonate, distribuendo solo poltrone da terminal e un aeroplano di carta gigante che pende dal soffitto, illuminato da tenui gelatine colorate. Il commento musicale offerto dal vivo dalla voce e dalle corde di Kiss&Drive (al secolo Elisabetta Spada) – sulla scena come fosse una terza viaggiatrice e insieme aedo – è luminoso e affascinante e aiuta il pubblico a prendere fiato. Tuttavia un tale fiume di parole (pur se ben stemperato dall’ironia di lui e dal lavoro d’attrice di lei) non riesce a non scivolare, talvolta, in canali di retorica e in qualche stereotipo. Come le parole chiave che dovrebbero portare alla fiducia interiore e alla soddisfazione in ogni campo del vivere sociale.

Per quanto emerga l’intenzione di mostrare tenerezza nel dialogo tra i padri e i figli, la scrittura di Severgnini si lascia trascinare in metafore saporite, dialoghi ben architettati e divertenti ma che espongono ragionamenti poco critici, togliendo spazio a qualsiasi reazione che non sia un sorriso di condiscendenza e di adesione. A questo esperimento nel complesso sincero e gradevole manca forse una più fine consapevolezza del mezzo teatrale, che – a differenza di saggistica, letteratura e giornalismo – deve sempre considerare il pubblico come parte attiva che condivide spazio e tempo con la storia e i suoi interpreti. Una comunità di cui va conservato il lusso di dubitare, più che il conforto dell’essere d’accordo.

Sergio Lo Gatto

Teatro Vittoria, Roma – gennaio 2016

LA VITA È UN VIAGGIO
di Beppe Severgnini
con Beppe Severgnini e Marta Isabella Rizi
Musiche originali eseguite dal vivo di Kiss & Drive
regia Francesco Brandi
produzione Mismaonda

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da più di 10 anni anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
Previous articleCall for artists bando perAspera 2016
Next articleTeatro gratis per un giorno. Grazie, Ministro, ma permette due parole?
Avatar
Sergio Lo Gatto è giornalista, critico teatrale, ricercatore e dramaturg. Attualmente ricopre il ruolo di Responsabile delle Attività Culturali per Emilia Romagna Teatro Fondazione. È dottore di ricerca in Spettacolo, con una ricerca su critica teatrale e filosofie digitali e docente a contratto di Metodologie della Critica del Teatro e dello Spettacolo alla Sapienza Università di Roma. Si occupa di arti performative su Teatro e Critica. Ha fatto parte della redazione del mensile Quaderni del Teatro di Roma, ha scritto per Il Fatto Quotidiano e Pubblico Giornale, ha collaborato con Hystrio (IT), Critical Stages (Internazionale), Tanz (DE), collabora con il settimanale Left, con Plays International & Europe (UK) e Exeunt Magazine (UK). Ha collaborato nelle attività culturali e di formazione del Teatro di Roma, partecipato a diversi progetti europei di networking e mobilità sulla critica delle arti performative, è co-fondatore del progetto transnazionale di scrittura collettiva WritingShop. Ha partecipato al progetto triennale Conflict Zones promosso dall'Union des Théâtres de l'Europe, dove cura la rivista online Conflict Zones Reviews. Tra le pubblicazioni, con Matteo Antonaci ha curato il volume Iperscene 3, Editoria&Spettacolo 2017. con Graziano Graziani La scena contemporanea a Roma (Provincia di Roma, 2013).

2 COMMENTS

  1. La condiscendenza è l’atto di acconsentire a qualcosa per compiacere gli altri. Mi sembra il sentimento perfetto per raccontarsi mentre si va a vedere Severgnini, il geografo dei luoghi comuni.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here