banner inteatro festival 24
banner Veleia Teatro Festival 24
banner inteatro festival 24
banner inteatro festival 24
banner Veleia Teatro Festival 24

Il doppio – Drammaturgia del corpo e della mente. #sponsor

IL DOPPIO
DRAMMATURGIA DEL CORPO E DELLA MENTE

DEADLINE: 15 giugno

Dove?
Roma
BIAGIO E CARLO AI CATINARI
Piazzo B. Cairoli, 116

Quando?

VENERDI’ 21 GIUGNO (ore 12 – 18) – 1 ora di pausa pranzo
SABATO 22 GIUGNO (ore 9.30 – 18.30) – 1 ora di pausa pranzo
DOMENICA 23 GIUGNO (9.30 – 17.30) – 1 ora di pausa pranzo
PERFORMANCE (18.00 – 19.00)

Il laboratorio è riservato ad attori/trici, danzatori/trici, performers di ogni genere per un max di 20 partecipanti.

Premessa

Il TEMA è IL DOPPIO: il Bianco e il Nero presenti in ognuno di noi.
Tra razionalità e follia, è là che si trova la forma perfetta dell’Arte.
Il testo diventa solo un pretesto, attraverso il quale si cerca di raggiungere la miglior forma di immedesimazione a livello fisico e interpretativo, lavorando sugli istinti e su come imparare a domarli, tramutandoli in punti di forza per la propria performance.
Un lavoro sul teatro fisico e psicologico.
Un workshop che sconvolgerà il vostro corpo, ma soprattutto la vostra mente.
Il workshop servirà, anche, per la ricerca di interpreti da inserire in nuove produzioni teatrali nella città di Roma.

PROGRAMMA

Tecnica INSTINCTS di Luigi Facchino, trae spunto dalla tecnica Meisner e la tecnica del gesto psicologico di Michail Checov.
Attraverso una combinazione di tecniche (fisiche e interpretative), che comprendono giochi di ruolo, improvvisazioni con l’ausilio della musica, la ricerca dei propri istinti repressi, i partecipanti hanno l’opportunità di accrescere la propria creatività attoriale, esplorando nuove tecniche di recitazione, senza alcun tipo di restrizione o limite. Il testo sarà la base dalla quale partire ma, durante il lavoro in sala, vedrà cambiati i propri connotati per assumere una nuova forma, fino ad un’unica e singolare performance attoriale.

L’obiettivo è quello di promuovere la creatività dell’attore che, spesso, viene limitato da regole rigide che vincolano l’espressività. Questa è l’occasione buona per tirar fuori tutto ciò che il performer trattiene, lasciandosi veicolare dai propri istinti e da alcuni momenti di irrazionalità.

In conclusione si verranno a creare non solo dei monologhi, ma vere e proprie scene condivise con tutti i partecipanti al laboratorio.

CONTENUTO

Si lavorerà su testi tratti da alcuni monologhi e scene teatrali di Stevenson (Dottor Jekyll e Mr. Hyde) G. Orwell (la Fattoria degli Animali), Karel Čapek (R.U.R. – Rossum’s Universal Robots) F. Dürrenmatt (La visita della vecchia signora e Il Minotauro), W. Shakespeare (Re Lear, La Tempesta, Amleto, Romeo e Giulietta), D. Alighieri, Elias Canetti.

Inoltre si lavorerà sui testi di Luigi Facchino: Dinastie Bastarde (tragedia pubblicata nel 2015), Dioniso vs Orfeo, Rune di Sangue, La fiera della falsità e monologhi.
Tali testi verranno inviati ai partecipanti qualche giorno prima del lavoro in sala.

I partecipanti potranno avanzare proposte personali sui testi da preparare.

PERFORMANCE
La performance conclusiva verrà elaborata durante le ore di laboratorio, senza prefissare una struttura iniziale ma, semplicemente, combinando le diverse soluzioni che, di volta in volta, nasceranno dalla creatività attoriale. Il compito del conduttore sarà quello di mettere insieme queste soluzioni e produrne un taglio registico.

LUIGI FACCHINO è regista, drammaturgo, attore, docente di lettere, speaker radiofonico e acting coach di attori. Inoltre riveste il ruolo di direttore artistico di FITA PUGLIA e del Festival Dantesco pugliese, in collaborazione con l’Ass.ne cult. XENIA di Roma, con la quale sta collaborando, come regista, per nuove produzioni teatrali che debutteranno, nella capitale, nel corso dei prossimi mesi.
Laureato in Lettere moderne e, successivamente, in Scienze dello spettacolo.
La sua formazione vede lo studio con diversi maestri: Daniele Salvo, Melania Giglio, Laura Pasetti, Eugenio Barba, Ivana Chubbuck, Christian Ginepro.
Ha studiato teatro fisico con i maestri di fama internazionale Jan Fabre, Hal Yamanouchi e Chris Channing. Con il maestro e attore Eugenio Allegri ha studiato le tecniche della Commedia dell’Arte e del combattimento scenico. Con l’attore Massimo Cimaglia ha studiato scherma scenica e con il maestro d’armi, Alberto De Candia, spada medievale. Ha approfondito lo studio del canto con la cantante Gianna Montecalvo.
Ha frequentato un seminario intensivo di regia teatrale, tenuto dal regista Riccardo Mallus, presso la Civica Scuola Paolo Grassi di Milano.
Creatore del metodo “Instincts”, il suo genere teatrale spazia dal teatro contemporaneo, innovativo e assurdo al teatro fisico.
Nel 2022 è stato finalista del Premio Internazionale di Regia “Fantasio” con Animal Farm.
Nel 2022 e 2023 ha partecipato come attore, adattatore e regista al Fringe Festival di Edimburgo con Cain di Byron e Animal Farm di Orwell.
Sempre nel 2022 ha presentato il suo cortometraggio “Damned passion” a Findhorn (Scozia), durante l’evento In the Spotlight.
Ha preso parte, come acting coach, alla trasmissione THE COACH, in onda su la SevenGold.
Nel 2015 ha pubblicato la tragedia “Dinastie Bastarde” per la Wip Edizioni.

Questo contenuto è stato inserito da un utente attraverso il servizio I TUOI COMUNICATI. Inserisci anche tu un annuncio

Pubblica i tuoi comunicati

ULTIMI ARTICOLI

L’amore come caduta per i 30 anni di Spellbound

Il programma di danza di Amat per Pesaro Capitale della Cultura 2023/2024 si è chiuso con una importante celebrazione: il trentennale della compagnia romana...