Laboratorio di recitazione con Elena Arvigo – MILANO, Teatro OUT OFF. #sponsor

Laboratorio di recitazione con Elena Arvigo

Da giovedì 29 a domenica 31 marzo 2018
presso Teatro OUT OFF – Milano
via Mac Mahon, 16 | Tel. 0234532140

Orari:
giovedì 29 marzo – dalle 10 alle 20

venerdì 30 marzo – dalle 10 alle 20

sabato 31 marzo – dalle 10 alle 18

Il laboratorio si concentrerà sull’analisi del monologo inteso come flusso di coscienza .
Il corso è per attori ma sono benvenuti registi e drammaturghi che vogliano indagare il processo di creazione e distrazione del pensiero nell’invenzione del flusso interiore del monologo.

Le questioni sulle quali si articolerà il lavoro sono :
Come rendere vivo il flusso di dis/attenzione.
Come rendere la paura un’amica.
Come dominare il pensiero attraverso la distrazione e il gioco.

Il personaggio da costruire prima di tutto è quello dell’attore “vivo” e pensante in grado di scegliere i suoi pensieri, condurli e farsi attraversare da essi, nello stesso istante. “Pensare bene” porterà a “sentire bene” e ogni azione sarà organica.
Il lavoro consiste nel trovare il “gate “ – la porta d’accesso – che ci permette di entrare in quel particolare “nuovo mondo” e offrire quelle parti di noi che possono essere utili per raccontare la storia che abbiamo scelto di regalare al pubblico . Il personaggio sarà cosi tutt’uno con il corpo e il pensiero dell’attore “libero”. Trovare una nuova pelle.
Questo lavoro creativo dell’attore non è un lavoro registico in senso stretto, ma può aiutare il regista e contribuire poeticamente alla costruzione dello spettacolo nella sua interezza. L’attore è libero nella misura in cui si prende la responsabilità dello stare in scena. Anche la disobbedienza ha le sue regole e presuppone una presa di responsabilità .
L’obiettivo è aiutare l’attore a comprendere il suo approccio alla recitazione – alla rappresentazione di se’ – e renderlo completamente libero di fluttuare tra i propri pensieri e quelli del personaggio attraverso il testo – in un gioco di equilibrio continuo tra l’attenzione e la distrazione, la paura e lo slancio verso.
Con un buon allenamento si può imparare a non difendersi dall’imprevedibile e il teatro è un luogo sicuro per poterlo sperimentare .
*** I testi di riferimento per questo laboratorio saranno: 4:48 Psychosis di Sarah Kane e i monologhi dell’Amleto.
Il lavoro procederà dall’analisi del testo alla creazione delle immagini necessarie per inventare il proprio “racconto” e renderlo unico e specifico.
Nell’affrontare il lavoro, avere una buona memoria dei brani è condizione importante, ma non fondamentale per poter lavorare sul testo. Avere a memoria un testo crea solo l’illusione ottica di proteggere dal “non avere nulla da dire”. Tuttavia ognuno è maestro di se stesso, dunque ognuno si senta libero di approcciarsi al testo compiendo delle scelte fin dal principio. Niente deve rappresentare un ostacolo.
Fin da ora. Il lavoro deve iniziare fin da ora.***

E’ consentito portare tutto ciò che potrebbe aiutare il personale svolgimento dello studio: ogni sorta di costume, oggetto e musica. Possibilmente da evitare le tute da ginnastica.

Ben accette le proposte avanzate dai partecipanti. Per chi avesse già lavorato su questi testi e sentisse la necessità di confrontarsi con altre storie è possibile concordare altre letture.

Take care of the sense the sounds will take care of themselves (Alice in WonderLand – L. Carroll )

Buon divertimento !

Modalità di iscrizione :
Mandare entro il 25 marzo cv e foto all’indirizzo: lestaffette@gmail.com
Per informazioni : arvix@mac.com o contattare il numero 3408150053
Costo : 150 euro a persona, richiesto acconto di 30 euro per bloccare la propria candidatura

Elena Arvigo: attrice e regista, nata a Genova. Si e’ formata come ballerina con Giannina Censi e poi al London Studio Centre /Laban Centre di Londra. Diplomata alla Scuola del Piccolo Teatro di Milano diretta da Giorgio Strehler ( 96/99). In teatro ha lavorato intensamente come attrice diretta fra gli altri da Alvis Hermanis, Eimuntas Nekrosius, Valerio Binasco, Jacques Lassalle. Dal 2009 ha iniziato a occuparsi di progetti di teatro indipendente curando la regia e la produzione di diversi spettacoli – tra i quali : “4: 48 Psychosis” di Sarah Kane ( diretto e prodotto da Valentina Calvani ) ,”Il Bosco” di David Mamet,”Maternity Blues” di Grazia Verasani. Del progetto “Le imperdonabili” fanno invece parte gli spettacoli : “Donna non rieducabile” di Stefano Massini, “I Monologhi dell’atomica” di Svetlana Aleksievich, “Etty Hillesum ovvero la resistenza del pensiero” di Damiano D’ Innocenzo, “Elena di Sparta ovvero il ritorno a casa” di Elena Arvigo e Alessandra Salamida . Nell’ultima stagione e’ stata impegnata nella turneé di “Edipo re” e “Edipo a Colono” diretti da Andrea Baracco e Glauco Mauri. In cinema e Televisione ha lavorato in diverse produzioni italiane, tra le quali e’ stata protagonista della Piovra, e straniere, come la serie americana “Mental” e il film ” Eat Pray Love”.

--------------------
Questo contenuto è stato creato da un utente. La redazione non ha nessuna responsabilità.   CLICCA QUI per sapere come pubblicare i tuoi annunci e comunicati su Teatro e Critica

Leggi tutti i comunicati pubblicati dagli utenti
--------------------

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here