Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
Colpi di scena 2024. Biennale di teatro ragazzi
banner inteatro festival 24
banner per acquisto pubblicità

La resistenza dell’Arte a Musikè. Cinzia Spanò al Teatro Balzan di Badia Polesine. #sponsor

“Viva l’Italia Antifascista”. Una scritta bianca su sfondo nero ha accompagnato gli applausi scroscianti del pubblico a conclusione dello spettacolo Palma Bucarelli e l’altra Resistenza portato in scena dall’attrice, autrice e attivista Cinzia Spanò.

Lo spettacolo è stato portato in prima regionale, mercoledì 15 maggio 2024, al Teatro Balzan di Badia Polesine (RO), da Musikè la rassegna di musica, teatro, danza promossa e organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Cinzia Spanò ha portato sul palco la testimonianza di una Resistenza altra, diversa e complementare rispetto a quella combattuta con le armi. Quella di Palma Bucarelli, storica direttrice della Galleria d’Arte Moderna di Roma, che nascose le opere d’arte nei sotterranei di Palazzo Farnese a Caprarola, in provincia di Viterbo.

Se l’Italia e il mondo intero possono ancora godere dei capolavori d’arte, lo si deve al coraggio della Bucarelli e di altri sopraintendenti e direttori di musei e gallerie: Pasquale Rotondi, Emilio Lavagnino, Fernanda Wittgens, evocati in scena dall’attrice, in un racconto corale di uomini e donne che rischiando in prima persona, in nome dell’Arte, si opposero alla violenza distruttiva dei bombardamenti, agli ordini del regime fascista e alle razzie dei nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale.

«Mi piaceva l’idea di recuperare e narrare figure spesso trascurate, perché vedo in esse non solo racconti con un valore universale, ma anche un’opportunità per sostenere il mio impegno personale e politico nel valorizzare le donne del passato – ha dichiarato l’attrice in una recente intervista a Laregione, quotidiano della Svizzera Italiana. – Trovo che attraverso queste storie possiamo trovare strumenti e spunti per contrastare stereotipi e disuguaglianze, unendo così passato e presente in un dialogo significativo».

Cinzia Spanò ricostruisce questa impresa attraverso il racconto della vita privata, ma al contempo pubblica e politica, di Palma Bucarelli, portandola sul palco con pochi oggetti di scena e attraverso l’uso di video proiezioni. Una drammaturgia ricca di testimonianze dell’epoca, in cui centrali risultano i diari e la corrispondenza di Palma con Paolo Monelli, giornalista del Corriere della Sera.

Ne emerge la biografia di una donna, colta, elegante e con un grande intuito per l’arte, che apre uno scorcio anche sull’occupazione di Roma, sulla persecuzione degli ebrei e sull’eccidio delle Fosse Ardeatine.

Una figura storica, ma contemporaneamente simbolica, che ha conquistato il folto pubblico presente in teatro a Badia.

Questo contenuto è stato inserito da un utente attraverso il servizio I TUOI COMUNICATI. Inserisci anche tu un annuncio

Pubblica i tuoi comunicati

ULTIMI ARTICOLI

Estasi e dismisura nella trilogia di Zappalà al Maggio Fiorentino

Al Maggio Musicale Fiorentino è andato in scena con grande successo di pubblico un trittico musicale tutto modernista ma catturato nella rete di una...