2 e 3 marzo | DOT504 Dance Company alla Tenuta Dello Scompiglio. #sponsor

You Are not the One Who Shall Live Long è lo spettacolo di danza in scena sabato 2 (ore 19.30) e domenica 3 marzo(ore 18.00), nello SPE – Spazio Performatico ed Espositivo della Tenuta Dello Scompiglio di Vorno (Lucca), frutto della collaborazione tra la compagnia ceca DOT504 Dance Company, diretta da Lenka Ottová e il duo artistico greco-slovacco RootlessRoot(Jozef Fruček e Linda Kapetanea), al quale sono affidate l’ideazione e la coreografia.Un lavoro, interpretato da un cast internazionale, sul tema dell’abbandono e della perdita, una riflessione sulla vita e sulle sue contraddizioni irrisolvibili.

L’appuntamento fa parte della manifestazione Della morte e del morirepresentata dall’Associazione Culturale Dello Scompiglio, diretta dalla regista e artista Cecilia Bertoni, con un fitto cartellone di mostre, performance, concerti, workshop, residenze, incontri e attività per bambini, incentrati sull’individualità in relazione alla morte e alle sue tre dimensioni: socio-politica, ideologica e celebrativa. La manifestazione comprende i vincitori di un bando internazionale rivolto ad artisti in ogni declinazione delle arti – che ha visto la partecipazione di oltre cinquecento progetti – accanto alle creazioni e alle produzioni della Compagnia Dello Scompiglio, a incontri, mostre e spettacoli ospiti.

In You Are not the One Who Shall Live Longla danza oscilla tra un senso di immortalità e il suo opposto. I movimenti dei performerNathan Jardin (BE), Aya Toraiwa (J), Pavel Mašek (CZ), Knut Vikstrøm Precht (SE) si sviluppano e si evolvono in una scena minimale, quasi metafisica, intorno a flussi di pensiero apparentemente astratti, che dialogano con il vuoto interiore evocato dall’ambiente esterno. CosìJozef Fruček e Linda Kapetanea:“Ci si chiede di spiegare / di indicare un obiettivo, affermare un intento, dare un’idea. / Ma niente. / Tutto nasce dal niente. / E non c’è niente da spiegare. / Tranne accettare il fatto che / ciò che facciamo / ciò che esiste / ciò che siamo / È  un flusso che cambia continuamente. / Ciò che facciamo non siamo noi / Arriva a noi / uscendo da un posto qualunque, da nessuna parte / Nessuno sa cos’è. / Che cos’è?”

 

Lo spettacolo, vincitore del Bando, è consigliato a un pubblico adulto.

crediti immagine:

You Are not the One Who Shall Live Long
DOT504 Dance Company | created by RootLessRoot
Credits all photo © Petr Otta 2016

Il Progetto Dello Scompiglio ideato e diretto da Cecilia Bertoni, prende vita nella omonima Tenuta, situata alle porte di Lucca, sulle colline di Vorno; una realtà in cui le attività legate alle arti visive e performatiche negli spazi interni ed esterni e il dialogo e le attività con la terra, con il bosco, con la fauna, con l’elemento architettonico contribuiscono a una ricerca di cultura. Ogni scelta relativa al Progetto è perciò valutata in relazione alla propria sostenibilità ambientale, attraverso forme di interazione e di responsabilità. All’interno della Tenuta Dello Scompiglio, accanto all’Azienda Agricola e alla Cucina Dello Scompiglio, opera l’omonima Associazione Culturale. L’Associazione dal 2007 crea, produce e ospita spettacoli, concerti, mostre, installazioni; realizza residenze di artisti, laboratori, corsi e workshop; organizza e propone itinerari performatici all’aperto, visite guidate, lezioni Metodo Feldenkrais®; gestisce lo Spazio Performatico ed Espositivo (SPE). Una particolare attenzione è dedicata infine alle attività culturali per bambini e ragazzi, con rassegne teatrali, laboratori e campi estivi.  www.delloscompiglio.org

 

Biglietti: intero € 15,00 – ridotto € 10,00

Biglietteria SPE  Via di Vorno, 67 – Vorno (LU) | giovedì-domenica ore 14.00-18.00 | 0583 971125 | biglietteria@delloscompiglio.org