Sponsor: Compagnia di arti e mestieri

Teatri Di Vetro 2010: il diario della 4° edizione

Il Festival organizzato da Triangolo Scaleno nello storico quartiere romano raccontato nelle intense narrazioni di Simone Nebbia...

Il motel del Gruppo Nanou è la stanza della nostra mente

E' proprio da qui che dobbiamo partire per analizzare e valutare un' opera come quella del giovane gruppo emiliano (autori e performer: Marco Valerio Amico e Rhuena Bacci), dal movimento tellurico che ha creato tra gli spettatori, tra quelli che al termine della seconda stanza urlavano “bravi” e quelli che accennavano solo a un più timido applauso. Partiamo da qui proprio perché Motel sembra innescare un meccanismo che lavora a più livelli nello spettatore, ma tutto nasce dal piano visivo...

Shen Wei Dance Arts education project. Quando il brand fa lo...

L’energia vitale della terra, dei muschi, dei funghi e di ogni piccola creatura che abita il sottobosco terrestre, riempie la scena di Mycelial Sketches, lo spettacolo nato dal progetto educativo della Shen Wei Dance Arts in collaborazione con la Scuola di Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano. Ideato e promosso da Marinella Guatterini e supervisionato dallo stesso Shen Wei...

Il coraggio struggente di César Brie al festival Fabbrica Europa

La recensione dell'Albero senza ombra vista a Fabbrica Europa 2010 L’Albero senza ombra, ultima fatica di César Brie, è un documento feroce, un atto di accusa ma anche un momento di informazione per un occidente accecato da se stesso. «L’11 Settembre 2008 nel Pando, regione della giungla boliviana, si è consumato un massacro di contadini...

Zorro è morto: il teatro in appartamento di Les Enfants Terribles

La recensione dell'ultimo lavoro della compagnia diretta da Francesco Marino. Mi prende una sottile meraviglia quando mi presento all’ultimo piano di un condominio residenziale, sul pianerottolo qualche pianta d’interni finge un giardino improbabile, suono il campanello e si apre la porta su un salone a giorno, per l’occasione più ampio ancora: questa sera, qui, si recita teatro, mi dico guardando il sorriso di chi mi accoglie...

Vita di una santa umana: Marcido Marcidorjs tra biografia e agiografia,...

La recensione dello spettacolo in scena al Teatro Arvalia. Nella nettezza del bianco uniforme, soltanto sfiorato dall’elemento umano, la santità di Maria Maddalena de’Pazzi, la sua vita esemplare, il suo martirio. Quando però lo spettacolo prosegue mi accorgo di qualcosa cui non avevo badato: non è il bianco a dire la santità, ma l’esatto contrario, tutto ciò che bianco non è...

Io non conosco sembra: l’ Amleto/Pinocchio di Fortunato Cerlino

La recensione dello spettacolo in scena alla Casa delle Culture fino al 5 maggio. E un lavoro quello di Fortunato Cerlino che si muove su stratificazioni multiple: sia dal punto di vista drammaturgico, per la sovrapposizione con la vicenda collodiana, sia per i diversi cromatismi dialettali con cui nell'ispirata traduzione di Valentina Rapetti Urbinati il testo viene enunciato e sia per le differenti recitazioni che gli attori adottano...

Sospiro d’anima di e con Aida Talliente

Fabio Massimo Franceschelli autore di spettacoli come Appunti per un teatro politico e il recente Terzo millennio ci regala, qui in veste di critico, la recensione dello spettacolo andato in scena al Forte Prenestino. In un periodo storico in cui le contingenze economiche invadono prepotentemente gli spazi della scrittura scenica spianando la strada al minimalismo più triste, da cosa può trarre vita e volare in alto un monologo? Semplice: dal testo e dall’interpretazione...

Per un teatro post-beuysiano. Ragionamenti intorno a Dies Irae.

Matteo Antonaci approfondisce il discorso sulle nuove arti sceniche a partire da Dies irae di Teatro Sotterraneo. Dunque non una recensione ma un vero e proprio saggio. E’ il 1982. Chiamato a partecipare alla settima edizione dell’esposizione Documenta in Germania, l’artista tedesco Joseph Beuys riassume, in un’unica azione artistica, tutta la sua poetica maturata dall’inizio del dopoguerra fino all’ingresso nel movimento Fluxus. Dinanzi al Museo Fidericiano della città di Kassel, Beuys accatasta 7000 monoliti di basalto ...

Come spiegare la storia del comunismo ai malati di mente: Visniec...

La recensione dello spettacolo prodotto dallo Stabile di Catania. Se avete in programma di andare al Teatro Valle per assistere a Come spiegare la storia del comunismo ai malati di mente, in scena fino al 9 maggio all'interno della monografia dedicata allo Stabile di Catania, non fatevi ingannare dal titolo che Matei Visniec ha dato a questo testo scritto nel. La pièce quanto poi la sua traduzione scenica a opera di Gianpiero Borgia affronta il tema in modo "leggero", ma non superficiale...

L’esperienza come prima creazione: postilla sui Muta Imago

Solo pochi giorni fa ho rivisto il loro Madeleine, lavoro presentato in anteprima a Romaeuropa in novembre, ora completo e spogliato di quello che – a sentire la regista Claudia Sorace parlarne – sembra una sorta di cartonato drammaturgico, quello che si usava nella pittura classica per la preparazione delle opere: ho sentito la sostanza di questo spettacolo fluttuare attorno e così, come non farlo, ho tentato di afferrarla...

Kin Keen King: ecco le creature mostruose dei visionari Dewey Dell

La recensione dello spettacolo del gruppo nato nel 2007 dall'unione di Teodora, Agata, Demetrio Castellucci ed Eugenio Resta. Dopo il fresco, esuberante ed energetico à elle vide, Dewey Dell ritorna in scena trasformando il teatro in un mondo destinato alla più innocente immaginazione, una dimensione sognante in cui veri e propri organismi possano prendere vita. Eppure, al contrario del precedente spettacolo, la visionarietà dei membri del gruppo sembra rimanere amputata da una scenografia imponente ...

Pink me & the Roses: al Teatro Palladium la rivincita di...

La recensione dello spettacolo vincitore del Premio Scenario 2009 Lo spettacolo Pink me & the roses vuole farsi portavoce di tali dicotomie incarnate nei meccanismi della rappresentazione teatrale e dunque distruggibili, almeno quanto basta per mostrare la vera natura del teatro stesso. Passato sotto forma di studio nei più importanti festival italiani, da Drodesera a Short Theatre, Pink me & the roses, vincitore dell’ultima edizione del Premio Scenario...

Pathosformel e La prima periferia dove l’artificiale diventa umano

La recensione dell'ultima ricerca del gruppo fondato da Daniel Blanga Gubbay e Paola Villani. Ne La prima periferia, presentato al Teatro Palladium nelle serate dedicate agli artisti di Fies Factory, l'umano torna totalmente visibile in scena seppur rinchiuso in un'ambiguità narrativa e formale che è a mio avviso uno dei temi più interessanti della ricerca. Qual'è il suo ruolo? Qual'è il compito di questi infermieri/burattinai che in jeans e felpa grigia ridanno vita alle articolazioni artificiali di codesti modelli?

BANDI e NEWS

Teatro e Critica LAB torna a Todi Festival! Dal 24 agosto...

Teatro e Critica LAB torna in Umbria! Un workshop intensivo di visione e scrittura critica guiderà i partecipanti nell'ideazione e nella realizzazione di un...

ULTIMI ARTICOLI

Focus Gérard Watkins. La violenza non fa Storia

Recensione e quinta di copertina in occasione delle due opere di Gèrard Watkins, Non mi ricordo più tanto bene e Scene di violenza coniugale,...

MEDIA PARTNERSHIP

Lettere dalla notte agli spettatori. Chiara Guidi al Teatro Biblioteca Quarticciolo

Chiara Guidi (Socìetas) è ospite del Teatro Biblioteca Quarticciolo di Roma con un incontro, un laboratorio e lo spettacolo Lettere dalla notte, sulla poesia...