Festival Pontedera 2009: al Teatro Era un incontro tra culture

ll programma colpisce in questa edizione per la grande varietà capace di mettere insieme due dei massimi esponenti del teatro di narrazione come Ascanio Celestini e Marco Paolini con compagnie come Dewey Dell (alla quale il Festival dedica tre interi giorni di spettacoli incontri e proiezioni), e poi l'ultimo lavoro Di Fortebraccio teatro su Iago, Desdemona e Otello, lo studio di Claudio Morganti su Woyzeck, la Compagnia Laboratorio di Pontedera con Mutando Riposa, l' Associazione Teatro di Buti. Non manca lo spazio per la danza (Virgilio Sieni, Roberto Castello, Raffaella Giordano) e una serie di incontri e seminari. Dal 20 ottobre al 21 novembre al Teatro Era (Pontedera). All'interno il programma completo.

Dialoghi e ragionamenti critici su “Framerate 0” – SPECIALE

Cos'è Framerate 0? E' teatro' ? Con quale atteggiamento il pubblico deve porsi di fronte a un'arte che prende in prestito un fenomeno scientifico per esprimersi? I ragionamenti di Simone Nebbia, Andrea Pocosgnich e Matteo Antonaci, non recensioni, ma pensieri intorno alla concettualità emozionale di Santasangre. Dite la vostra su www.teatroecritica.net scrivendo un commento o mandando via mail un vostro ragionamento. All'interno le foto dello spettacolo e il link a una video intervista.

Dialoghi e ragionamenti critici su “Framerate 0” – 2-

Cos'è Framerate 0? E' teatro'? Con quale atteggiamento il pubblico deve porsi di fronte a un'arte che prende in prestito un fenomeno scientifico per esprimersi? I ragionamenti di Simone Nebbia e Andrea Pocosgnich, non recensioni, ma pensieri intorno alla concettualità emozionale di Santasangre. Dite la vostra su www.teatroecritica.net scrivendo un commento o mandando via mail un vostro ragionamento. All'interno le foto dello spettacolo e il link a una video intervista.

Dialoghi e ragionamenti critici su “Framerate 0” -1-

Cos'è Framerate 0? E' teatro'? Con quale atteggiamento il pubblico deve porsi di fronte a un'arte che prende in prestito un fenomeno scientifico per esprimersi? I ragionamenti di Simone Nebbia e Andrea Pocosgnich, non recensioni, ma pensieri intorno alla concettualità emozionale di Santasangre. Dite la vostra su www.teatroecritica.net scrivendo un commento o mandando via mail un vostro ragionamento. All'interno le foto dello spettacolo e il link a una video intervista.

An oak tree: l’Accademia degli Artefatti al Teatro in Scatola

La recensione dello spettacolo diretto da Fabrizio Arcuri. In scena fino all'11 ottobre al Teatroinscatola di Roma. La struttura è questa: un attore conosce il testo, un altro, ospite ignaro della serata, non ne sa nulla. I due parleranno come danzare su un filo, con il rischio ogni volta di cadere. Pertanto, sul palco, si realizza l’impossibile: mentre di solito la convenzione teatrale vuole l’accordo tra gli attori in scena che si misura sulla comprensione degli spettatori, questa volta è il pubblico ad essere segreto complice di un abuso (come recita il titolo del progetto), ed invece è uno degli attori a non sapere nulla, lasciandosi dileggiare e coinvolgere nei meandri – stavolta è giusto dirlo perché è come essere per loro nella giungla – del testo.

Programma Festival Pontedera 2009: Teatro Era (20 ottobre – 21 novembre)

Tutti gli spettacoli in calendario al Festival della Fondazione Pontedera Teatro.

Un bando per il Festival Pubblica Irruzione

Pubblicato il bando che darà la possibilità a talentuosi artisti teatrali pugliesi di avere un proprio spazio all'interno del festival. Nell'articolo: regolamento completo e scheda da scaricare. Una ricognizione sullo stato della creatività pugliese, un'occhiata tanto importante quanto fugace, soli tre giorni, al giovane teatro della puglia.  Dietro questo progetto c'è una struttura stabile ed affermata, ormai anche fuori dai confini regionali, avrà infatti un suo spazio nel programma del Teatro Valle, il Teatro Kismet OperA. Ma insieme a questa realtà ce ne sono altre due più giovani, due compagnie che recentemente si sono ritagliate ruoli di primo piano nel panorama del teatro italiano: Fibre Parallele e Reggimento Carri.

“Possidenti di antico stampo”: al Valle un successo del Teatro d’Arte...

La recensione dello spettacolo in scena fino al 2 ottobre in occasione del bicentenario dalla nascita di Gogol'. Un aspetto determinante dell'estetica di Kaurbaskis è quello di saper creare una teatralità disadorna, un minimalismo necessario. Dunque nonostante sia una produzione importante, al bando la scenografia fissa che in questo caso dovrebbe riprodurre la grande casa dove i due vecchi possidenti trascorrono la propria vecchiaia, ed ecco un uso dinamico, mobili e suppellettili che entrano ed escono velocemente dalla scena: antiche cassapanche, bauli, cassettiere e comò diventano parte stessa della scrittura scenica e come gli attori cambiano spesso posizione.Lo stesso vale per la resa verbale del discorso scenico...

Programma Festa dei Teatri 2009: 3 – 4 ottobre

Il calendario completo dei due giorni. Prezzi da 0 a 2 euro per spettacoli, readings, visite guidate, accesso alle prove...

“Il premio Dostoevskij” di G. Ventriglia e S. Garbuggino: la finzione...

La recensione dell'ultimo lavoro di Gaetano Ventriglia e Silvia Garbuggino. In scena fino al 26 settembre 2009 al Teatro Argot. Almeno tre binari contenutistici e formali contraddistinguono questo nuovo lavoro prodotto da Malasemenza, Armunia e Nevski Prospèkt, che ha il compito di aprire la stagione 2009/2010 dell'Argot, e a mio avviso, ci riesce in maniera positiva...

Elvira Frosini e Daniele Timpano in “Sì l’ammore no”

La recensione dell'ultimo lavoro della coppia Frosini/Timpano, ovvero amnesiA vivacE/Kataklisma. L’ammore, due emme. Perché è il loro, pronunciato alla maniera che preferiscono, forse scorretto di grammatica, ma perfettamente corretto nel loro sentimento. L’ammore è quel che li lega anche nella vita, sposati per metterlo in scena verrebbe da dire sorridendo, ma cosa c’è di più vero che prendersi gioco della propria felicità diversità e poi nevrosi ora anche di coppia? Questo teatro, che appartiene più al percorso di Daniele Timpano e in cui Elvira Frosini si inserisce alla perfezione, è l’arte di sbeffeggiare sé stessi, le proprie paure, ansie, tradimenti dell’individualità in questo caso, e di non sentirsene affatto gravati.

Flatlandia: Chiara Guidi con la sua creazione vocale al Quirino

La recensione della lettura Drammatica dell'artista della Società Raffaello Sanzio. Andiamo sul palcoscenico dove ci attende una platea di legno con sedie di plastica. La scrivania da dove Chiara Guidi recita è a due metri dal pubblico, in una nicchia nel retropalco, dietro di noi c'è il sipario, è una sensazione strana, poi solo l'abbandono alla voce della Guidi. Nei 55 minuti che seguono, il pubblico è fatalmente rapito dalla maestria di questa esile donna che indossando un vestito marrone ottocentesco legge le pagine di Flatlandia, di Edwin Abbot.

Camera a Due e Lùisa: Frammenti Teatro 2009

Manuela Cherubini cuce sul corpo di Lùisa Merloni un vestito perfetto, l'attrice è a suo agio e si diverte nei panni del personaggio creato da Daniel Veronese. La regia della Cherubini è accurata quanto la sua traduzione, ma allo stesso tempo è praticamente invisibile, concentra tutto il lavoro sull' ironica ed efficace Luisa Merloni. La fa recitare prima seduta e poi in piedi, ma sempre immobile, quasi sempre con le mani in tasca. E' un'immobilità piena di tensione che, grazie alla vocalità della Merloni, fatta di paradossali pianti, ironici singhiozzi, repentini cambi di ritmo e di toni, trasmette al meglio il testo. Lo spettacolo in concorso, Camera a Due, non convince, Francesco Laterza e Serena Noto, portano sul palco dello Spazio Zip un'idea ancora troppo acerba e ingenua. Scenicamente troviamo un corpo in canottiera e mutande, è quello di Laterza, sempre in scena, si muove su un tappeto di frammenti di carta, musiche accattivanti e testi poetici di stampo tardoadolescienziale fanno il resto.

Codice Ivan e Odemà: la Generazione Scenario ha chiuso Short Theatre...

Le recensioni di A tua immagine, di Odemà, segnalazione speciale al Premio Scenario e dello spettacolo vincitore, Pink Me & The Roses. Erano numerosi gli spettatori ieri sera al Teatro India, e non vi erano solamente i soliti addetti ai lavori, non erano solo critici, artisti e direttori di teatri a fare la fila per assistere agli spettacoli della Generazione Scenario, anche tanti semplici appassionati si accalcavano per trovare un posto nell’ex-fabbrica della Mira Lanza. Il pubblico rimane coinvolto dalll'ironia filosofica di Odemà, perplessità invece sul lavoro di Codice Ivan, coraggioso, ma avaro di emozioni.

BANDI e NEWS

Compagnia Garbuggino Ventriglia cerca figura per distribuzione

Compagnia Garbuggino Ventriglia cerca una collaboratrice o un collaboratore per la distribuzione La Compagnia Garbuggino Ventriglia cerca una figura professionale sulla distribuzione degli spettacoli. per contatti:...

ULTIMI ARTICOLI

Teatrosofia #103. Filosseno di Citera: conflitti drammatici tra arte e potere

IN TEATROSOFIA, RUBRICA CURATA DA ENRICO PIERGIACOMI – collaboratore di ricerca post-doc e cultore di storia della filosofia antica presso l'Università degli Studi di...

Media Partnership

Ascolta, Israele. “Per riflettere sulle nostre coscienze”.

Ascolta, Israele è uno spettacolo dell'Associazione Ariadne – Compagnia Teatro A, nato a partire dalle testimonianze dei prigionieri del campo...