Il consumo elettrico che richiede un allestimento medio della durata di un'ora, con l'utilizzo delle luci teatrali tradizionali, corrisponde al consumo elettrico di una famiglia per circa dieci giorni. Il concetto del Granara Teatro Festival vuole ribaltare questa visione andando nella direzione di una riduzione del consumo e di un'auto produzione energetica. L'energia elettrica utilizzata durante il festival è la stessa prodotta dai due Impianti fotovoltaici a Granara.
Tra gli artisti: Alma Rosè, Giorgio Sangati, Babilonia Teatri, Gli Omini, Fabio Monti.

Il calendario della manifestazione toscana diretta da Manfredi Rutelli, con tra le altre cose, un debutto de Gli Omini

Visioni - paesaggi d'arte con vedute di teatro. La decima edizione della rassegna inserita nella rete Link Festival propone contaminazioni tra le arti circensi, quelle musicali e quelle più propriamente teatrali. Stasera si inizia con Gli Omini che propongono 7 Novembre 2008.

Ed è proprio con il ricordo di uno dei più importanti critici teatrali italiani, Nico Garrone, che il festival si svilupperà per 11 giorni con un programma fitto e composto da numerosi e interessanti spettacoli. Artisti di primo piano animeranno il paese in provincia di Siena, tra i più importanti troviamo: Teatro delle Albe, Marco Baliani, Andrea Cosentino, Compagnia della Fortezza, Motus, Kinkaleri, I Sacchi di sabbia, Teatro delle Briciole, EgumTeatro (con la prima nazionale di Confessioni di una vita finita) e poi la musica di Sinenomie/Spartenza e la danza internazionale con l’Ensemble Micha van Hoecke.

Dopo il blitz dello scorso marzo che costò al Rialto la chiusura di alcuni locali, ecco i sigilli anche al teatro e al giardino. Dalla notizia battuta dall Agi apprendiamo le motivazioni: l'organizzazione di "feste e spettacoli a cui accedono numerosissime persone senza che ricorrano i requisiti di sicurezza dei locali adibiti prescritti dalla legge", aggiungendo che "quanto sopra a tacere degli innumerevoli interventi operati dagli organi di pubblica sicurezza ed ai molteplici episodi di violenza fisica occorsi fra avventori od anche persone occasionalmente presenti ed il personale addetto alla disciplina dell'accesso al locale" e concludendo "e' evidente il pericolo per la pubblica incolumita' ed il disturbo arrecato alle persone". Ovvero: quando la cultura libera fa paura e intralcia le speculazioni immobiliari.

Al via la prima edizione della rassegna nata grazie all'impegno dell'associazione Santi Teatri Primitivi alla Regione Puglia e al comune di Leverano. Tre delle quattro compagnie selezionatre hanno preparato i nuovi lavori in residenza creativa nel mese di luglio, dal 6 al 9 agosto mostreranno i risultati delle ricerche.

Debutta il 30 luglio il nuovo spettacolo de Gli Omini all'interno della rassegna toscana. Uno spettacolo che parte dalla raccolta di notizie dai giornali in un giorno qualunque, quando "forse non è successo niente." Dopo la presentazione di Gabbato lo Sound a Volterra questo è il secondo debutto estivo per i quattro artisti. Dalle note di accompagnamento dello spettacolo: Strappare a viva forza un giorno all’oblio. Un giorno solo, uno a caso. Sottrarlo dal finire nell’ingrato mucchio dei tanti giorni passati, per renderlo un giorno eternamente presente. Un giorno uguale a tutti gli altri, e per questo un unico, irripetibile giorno qualsiasi. Prendere un giorno e renderlo inutilmente, vanamente importante. Solitamente serve qualcosa di grosso ad un giorno per rendersi riconoscibile

Dal 25 al 28 luglio. Dalle parole del direttore artistico: "E’ questa una rassegna che vuole anche essere, in prospettiva sempre di più, luogo vero di incontro in cui il teatro contemporaneo e una piccola comunità (famiglie, anziani e bambini) possano entrare in relazione, condividere la piccola piazza e l’osteria, la chiesetta sconsacrata, la via maestra e il parco del castello. Benvenuti!"

Dal 13 al 26 luglio 2009 assisteremo alla rassegna organizzata dall' Associazione Carte Bianche con la direzione di Armando Punzo. La manifestazione è promossa dal Comune di Volterra, Regione Toscana, Provincia di Pisa, Comuni di Pomarance, Castelnuovo V.C., Montecatini V.C., Monteverdi M.mo, Comunità Montana Alta Val di Cecina con il sostegno della Cassa di Risparmio di Volterra e della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra. Non solo spettacoli: laboratori, conferenze, convegni, video, presentazioni libri e documentri; al centro l'esperienza di teatro e carcere della Compagnia della Fortezza

La rassegna si terrà dal 24 luglio al 1° agosto nei comuni di Sansepolcro, Anghiari, Pieve Santo Stefano, in provincia di Arezzo. Per creare il programma del festival, fatto da nomi più o meno noti delle nuove generazioni teatrali italiane, l'organizzazione ha creato anche una selezione Visionari. Sono 6 spettacoli scelti da 13 spettatori comuni che si sono riuniti almeno 2 volte a settimana per visionare quasi 200 dvd. Tra i nomi più o meno noti ci sono i Babilonia Teatri con Pornobboy, Andrea Cosentino con il suo ultimo spettacolo, Vincenzo Schino dell'Officina Valdoca, Capotrave, i Termini, Circo Bordeaux e Daniele Timpano, Caterina Moroni e gli Omini.

Cosa rimane del teatro nella storica manifestazione? L'estate romana del teatro si profila dura e triste, almeno da quello che si legge sul programma. Quest'anno gli appuntamenti sono pochi e quelli che ci sono sicuramente non stupiscono per novità. Vengono privilegiati gli attori solisti e il cabaret quasi a voler appiattire una cultura teatrale invece molto eterogenea e vitale.

VolterraTeatro , come ogni anno, non è solo Festival, ma anche attività laboratoriale. Anche quest’anno l’offerta didattica è molto interessante, non solo per i nomi in campo, ma anche per la possibilità che i partecipanti avranno di "condividere con alcuni degli artisti presenti al festival il loro percorso artistico e di vita". L’offerta formativa si articola su 5 laboratori prendendo spunto anche dai temi che verranno affrontati nel festival

Poco più di una settimana all'inizio del primo festival teatrale italiano. Santarcangelo infatti fu la prima città a creare una manifestazione teatrale di questo tipo, a portare grandi artisti internazionali nella provincia. Quest'anno l'evento avrà la direzione artistica di Chiara Guidi e partirà da due concetti: il "Teatro in Piazza" e "il suono" in tutte le sue possibili declinazioni, dal rumore alla voce umana.

E' partita la rassegna di dieci giorni diretta da Andrea Porcheddu. Dall'Odin Teatret di Barba al Workcenter Grotowski, fino ai giovani protagonisti del teatro italiano di oggi. Dieci giorni di teatro a Padova.

BANDI e NEWS

La compagnia teatrale FLORENCE LIVE THEATRE organizza una giornata di provini per la ricerca di attori e attrici con ottima conoscenza della lingua inglese...

ULTIMI ARTICOLI

Al Teatro Metastasio di Prato abbiamo visto La bisbetica domata di Shakespeare diretto da Andrea Chiodi, un adattamento crudele e intelligente per un cast di soli...

MEDIA PARTNERSHIP

Armando Punzo e Andrea Salvadori presentano, in anteprima regionale, il 28 febbraio e 1 marzo, Il figlio della tempesta, progetto musicale-performativo in occasione dei...

Pubblicizza su TeC workshop, spettacoli, scuole, festival, rassegne, campagne abbonamenti…

per te 2 opzioni:

➤ La tua pubblicità attraverso banner e social

➤ Inserisci i tuoi comunicati sulle nostre pagine