Nella giungla delle città. L’irruzione del reale. #sponsor

promo

CIRCA CINQUANTA IMMIGRATI DI I E II GENERAZIONE IN SCENA IN TRE DEI PIÙ SUGGESTIVI LUOGHI DELLA PROVINCIA DI ANCONA A CONCLUSIONE DEL PROGETTO “NELLA GIUNGLA DELLE CITTÀ. L’IRRUZIONE DEL REALE” IDEATO DA SONIA ANTINORI CON L’ASSOCIAZIONE MALTE, UNICO VINCITORE NELLE MARCHE DEL BANDO MIGRARTI SPETTACOLO DEL MIBACT. 

UN VIAGGIO TEATRALE MULTICULTURALEIN TRE TAPPE CHE PARTE IL 10 LUGLIO ALLA ROCCA ROVERESCA DI SENIGALLIA, PROSEGUE IL 14 LUGLIO IN PIAZZA FEDERICO II DI JESI E TERMINA IL 19 LUGLIO ALLA MOLE VANVITELLIANA DI ANCONA, CON LA PARTECIPAZIONE STRAORDINARIA DI CARLA MANZON, ATTRICE DIRETTA, TRA GLI ALTRI, DA REGISTI QUALI TADEUSZ KANTOR E PETER STEIN.

Il progetto vincitore nelle Marche del Bando MigrArti Spettacolo 2018 “Nella Giungla delle città. L’irruzione del reale” ideato da Sonia Antinori con l’Associazione Malte volge alla sua conclusione proponendo tre spettacoli finali nelle location più suggestive della provincia, la Rocca Roveresca di Senigallia (10 luglio), Piazza Federico II di Jesi (14 luglio) e la Corte della Mole Vanvitelliana di Ancona (19 luglio).

Gli immigrati dei nostri territori vivono una condizione di separazione. Pur abitando nei nostri quartieri, essi vengono guardati con sospetto: nelle città crescono muri invisibili. Il loro desiderio di raccontarsi trova raramente spazio. Isolamento e ghettizzazione ostacolano naturali processi di conoscenza reciproca, alla base di ogni politica di inclusione. È per questo che le azioni sceniche sono state espressamente ideate per siti di alto valore estetico e simbolico, così da articolare una drammaturgia spaziale che, nel presentare tre elementi architettonici classici (il castello, la piazza e la porta), connota l’azione intrapresa come paradigmatica di una nuova città ideale, aperta, accogliente.

Anche nell’era della rivoluzione mediatica, l’arte continua a indagare il mondo reale, e il teatro permette di rappresentare la complessità umana attraverso la moltiplicazione dei punti di vista. “Il destino dell’uomo è l’uomo” sosteneva Brecht, nell’intento di capire e far capire azioni umane, pulsioni e istanze a esse sottese.

È con questi presupposti che sono partiti lo scorso marzo tre gruppi teatrali “Jungle People”, esperimenti laboratoriali con immigrati e migranti, impegnati in una vera e propria palestra di democrazia attraverso lo studio de Nella giungla delle città, un lavoro di Bertolt Brecht sulla natura antagonista dell’essere umano.

A partire dal 10 luglio andranno in scena i tre spettacoli finali di questo percorso formativo, sviluppato dalla Compagnia Malte in collaborazione con cooperative sociali e associazioni culturali italiane e straniere, che ha visto la partecipazione di oltre settanta laboratoristi immigrati di I e II generazione di diverse provenienze geografiche, tra cui Bangladesh, Pakistan, Russia, Venezuela, Costa d’Avorio, Guinea, Nigeria, Camerun, Mali, Senegal, Liberia. Il lavoro vedrà in scena una cinquantina dei performer che hanno partecipato ai laboratori di Senigallia, Jesi e Ancona e i tre momenti pubblici potranno essere fruiti singolarmente e/o in sequenza.

Dal 10 luglio quindi attori e pubblico si confronteranno su convivenza civile, accoglienza e diritti, in tre serate nelle quali un tema sovraesposto come quello delle migrazioni e dei suoi soggetti verrà trattato con un approccio meno mediato e mediatico: i conflitti verranno messi a nudo e le conclusioni sommarie superate da una contronarrazione sulla mutazione sociale in atto dalla viva voce dei testimoni.

Il 10 luglio alle 21.00 debutta nella Rocca Roveresca di Senigallia la prima performance NELLA GIUNGLA DELLE CITTÀ. L’IRRUZIONE DEL REALE / IL CASTELLO (doppia replica alle 21.00 e 22.00 – ingresso libero – Prenotazione obbligatoria: senigallia@beniculturali.it – 071/63258) un lavoro site specific e itinerante espressamente concepito nelle stanze della Rocca, con le sue suggestive atmosfere. Le voci dei testimoni racconteranno le loro storie intrecciandosi a modelli narrativi classici in un’esperienza immersiva ambientata in uno spazio labirintico che allude al grande meccanismo della Storia e al suo rapporto perverso con il singolo.

Il 14 luglio alle 21.30 ci si sposta a Jesi nella magnifica cornice di Piazza Federico II per NELLA GIUNGLA DELLE CITTÀ. L’IRRUZIONE DEL REALE / LA PIAZZA (ingresso libero) uno spettacolo popolare che prende a prestito le forme e i colori del mercato, della piazza, della festa e del carnevale, in una rappresentazione del mondo esagerata e pulsante, vitalistica e disperata che affronta il tema urgentissimo della tolleranza.

Il viaggio si conclude il 19 luglio alle 21.30 nella Corte della Mole Vanvitelliana di Ancona, nell’ambito della Rassegna “Sensi d’estate” del Museo Tattile Statale Omero con lo spettacolo finale NELLA GIUNGLA DELLE CITTÀ. L’IRRUZIONE DEL REALE / LA PORTA (ingresso libero) con la partecipazione straordinaria di Carla Manzon, attrice diretta, tra gli altri, da registi quali Tadeusz Kantor e Peter Stein, e gli attori Desirée Domenici e Giacomo Lilliù.

Quest’ultimo appuntamento ha trovato collocazione all’interno della struttura del lazzaretto, spazio ampio e circoscritto al tempo stesso, una sorta di castello sotto il cielo, che ben esprime l’idea sintetica di questo viaggio attorno al tema di una società rinnovata. E in questo spettacolo da palco termina l’avventura di questi attori non attori alla ricerca di un teatro della realtà, di una nuova forma d’arte che possa mettere insieme piano estetico e contenuto, restituendo il teatro al suo primato: quello dell’immediatezza.

NELLA GIUNGLA DELLE CITTÀ. L’IRRUZIONE DEL REALE è un progetto tra i vincitori del Bando MigrArti Spettacolo 2018 prodotto dall’Associazione Malte (Musica Arte Letteratura Teatro Etc.) in partenariato con Acads (Associazione Culturale Arancia Donna Subsahariana), Casa delle Culture di Ancona, Free Woman Onlus, La Gemma Onlus, Irs l’Aurora Cooperativa Sociale, Vivere Verde Onluse con il sostegno di Comune di Ancona, Comune di Jesi, Comune di Senigallia, Regione Marche, Assemblea Legislativa delle Marche, Cpia Ancona, Anpi Comitato Provinciale Ancona, Museo Tattile Statale Omero, Ambasciata dei Diritti delle Marche, Istituto Comprensivo “Federico II” di Jesi, Odòs Società Cooperativa Sociale, Ya Basta Marche, Spazio Comune Autogestito Tnt, Comunità Bengalese di Jesi.

NELLA GIUNGLA DELLE CITTÀ. L’IRRUZIONE DEL REALE / IL CASTELLO– LA PIAZZA – LA PORTA è il trittico di spettacoli finali frutto dei tre laboratori multiculturali – Testo e regia di Sonia Antinori, con le Compagnie Jungle People di Senigallia, Jesi, Ancona, con la partecipazione straordinaria di Carla Manzon e con Desirée Domenici e Giacomo Lilliù, training attori Fausto Caroli e Giacomo Lilliù, coreografie e movimenti scenici Stefania Zepponi, luci e spazio scenico Francesco Dell’Elba, musica e suono Slate, video Matteo Lorenzini, costumi Stefania Cempini, sarto di scena Amadou Cissé, ufficio stampa Irene Pezzella, organizzazione Michela Cavaterra, progetto grafico Helene Lageder, fotografo Lorenzo Pavani.

 

Ufficio stampa Associazione Malte
Irene Pezzella
irenepezzella@gmail.com T. 347.3098799
email: info@maltezoo.eu- www.maltezoo.eu/it-IT

--------------------
Questo contenuto è stato creato da un utente. La redazione non ha nessuna responsabilità.   CLICCA QUI per sapere come pubblicare i tuoi annunci e comunicati su Teatro e Critica

Leggi tutti i comunicati pubblicati dagli utenti
--------------------