CHAOS-Humanoid B12 di Mulino ad Arte al Torino Fringe Festival. #sponsor

Quando il teatro attraverso la fantascienza invita a riflettere sul presente.

“CHAOS-Humanoid B12” di Mulino ad Arte vincitore del premio di drammaturgia

‘Le strade degli altri 2017’ Al Torino Fringe Festival dal 3-13 maggio

Allo Spazio De Amicis Corso Casale,134

Siamo nel 2026, in un mondo in cui il progresso tecnologico è talmente avanzato che l’uomo si è dimenticato di sé stesso. Agli inizi del XXI secolo si auspicava un mondo in cui le differenze non sarebbero più state causa di divisioni. La perdita di valori, un feroce relativismo unito allo smarrimento di rapporti umani veri, hanno alimentato falsi ideali e modelli pericolosi. L’integrazione rimane un problema irrisolto, con la nascita di forme di intolleranza nostalgiche di un passato che ritorna. In questo contesto si intreccia la storia di due personaggi opposti, un biancaliano e una verdiana, costretti a convivere in un campo di sterminio costruito dagli Humanoid B12, i robot di ultima generazione, che dichiarano guerra all’umanità intera. Uno spettacolo per riflettere sulla guerra, sulla migrazione e sull’integrazione. Uno spettacolo che sogna la Pace.

 

durata 55’

 

di Daniele Ronco

regia Daniele Ronco

con Jacopo Trebbi/ Daniele Ronco e Costanza Frola

elementi di scena Lorenzo Rota

musiche di  Mattia Floris

 

 

 

 

Biglietti:                                                                          Per info e prenotazioni:

Intero 10€                                                                       tel: 388.3425483-366.9354219

Ridotto: 8€                                                                biglietteria@tofringe.it

 

--------------------
Questo contenuto è stato creato da un utente. La redazione non ha nessuna responsabilità.   CLICCA QUI per sapere come pubblicare i tuoi annunci e comunicati su Teatro e Critica

Leggi tutti i comunicati pubblicati dagli utenti
--------------------

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here