Bando Premio Riccione 2015

Bando Premio Riccione 2015: è il 29 giugno la data ultima per partecipare al più importante concorso di drammaturgia del paese. 5000 euro all’autore vincitore e 10.000 euro per coprire parte delle spese di produzione

 

È online il bando del 53° Premio Riccione per il Teatro, attribuito all’autore di un’opera originale in lingua italiana o in dialetto, non rappresentata in pubblico, come contributo allo sviluppo della drammaturgia contemporanea. Il concorso assegna anche il Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli” al miglior autore under-30 e la menzione speciale “Franco Quadri” all’opera che meglio coniuga scrittura teatrale e ricerca letteraria. Scadenza di consegna: lunedì 29 giugno 2013.

Regolamento ufficiale

Il presente bando di concorso disciplina la 53ª edizione del Premio Riccione per il Teatro, promosso dall’Associazione Riccione Teatro, con il sostegno di: Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, Regione Emilia-Romagna, ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna, Comune di Riccione.

Art. 1 – Finalità e riconoscimenti
Il Premio Riccione per il Teatro viene attribuito a cadenza biennale all’autore di un’opera originale in lingua italiana o in dialetto, non rappresentata in pubblico, come contributo allo sviluppo e alla valorizzazione della drammaturgia contemporanea.
Per sostenere la creatività giovanile, incentivare i nuovi talenti e favorire il ricambio generazionale, il concorso assegna inoltre l’11° Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”, riconoscimento speciale under-30 attribuito al testo più meritevole tra quelli presentati da autori nati dopo il 29 aprile 1985.

Art. 2 – Opere ammesse
Il Premio è aperto a tutte le forme della scrittura per la scena. Opere tradotte da altre lingue, trasposizioni da testi narrativi e adattamenti drammaturgici sono ammessi solo se in grado di distinguersi per capacità di sperimentazione e autonomia creativa. La partecipazione è aperta anche agli autori che abbiano già conseguito il Premio in precedenti edizioni. Ogni autore può concorrere con l’invio di una o più opere.

Art. 3 – Cause di esclusione
a) Le opere dialettali devono essere accompagnate da traduzione italiana a fronte o da una versione semplificata del testo dialettale in lingua italiana, pena l’esclusione dal concorso.
b) Traduzioni, trasposizioni da testi narrativi e adattamenti drammaturgici devono indicare chiaramente la fonte del testo riportando nel frontespizio: titolo dell’opera originaria; autore; in caso di fonti moderne anche anno di prima pubblicazione/rappresentazione.
c) Prima della cerimonia di premiazione, le opere inviate non possono essere rappresentate in pubblico; fanno eccezione la lettura del testo, la mise en espace e messe in scena parziali o in forma di studio.
d) Restano escluse dalla selezione le opere già inviate a precedenti edizioni del Premio.
e) Non sono ammessi testi anonimi ovvero sotto pseudonimo.

Art. 4 – Giuria
La giuria del 53° Premio Riccione per il Teatro è formata da nove componenti, scelti fra le personalità del mondo teatrale e culturale: Fausto Paravidino (presidente), Michela Cescon, Arturo Cirillo, Maddalena Crippa, Graziano Graziani, Laurent Mulheisen, Silvio Orlando, Christian Raimo e Serena Sinigaglia. La giuria si avvale della collaborazione di una commissione di selezione preliminare, i membri della quale saranno scelti dal presidente e dai singoli giurati. L’operato della giuria e della commissione di selezione verrà supportato per le pratiche organizzative dalla segreteria operativa di Riccione Teatro.

Art. 5 – Premi e cerimonia di consegna
All’autore del testo vincitore del 53° Premio Riccione per il Teatro sarà assegnato un premio indivisibile di € 5.000,00 (cinquemila/00); sono dunque esclusi gli ex-aequo. La giuria inoltre attribuirà il Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli” di € 3.000,00 (tremila/00) al testo di un giovane autore nato dopo il 29 aprile 1985 e la menzione speciale “Franco Quadri” di € 1.000,00 (mille/00) all’opera che meglio coniuga scrittura teatrale e ricerca letteraria. La giuria ha infine facoltà di segnalare, con apposite motivazioni, altre opere ritenute particolarmente meritevoli.

Art. 6 – Selezioni e cerimonia di premiazione
Gli autori delle opere finaliste saranno invitati alla cerimonia di premiazione, che si terrà nel mese di novembre 2015 a Riccione. La proclamazione dei vincitori avverrà durante la cerimonia.

Art. 7 – Sostegno alla produzione (Premio Riccione per il Teatro)
I finalisti del 53° Premio Riccione per il Teatro concorrono all’assegnazione di un premio di produzione indivisibile di € 15.000,00 (quindicimila/00) a parziale copertura delle spese di allestimento del testo presentato in concorso. Entro il 29 febbraio 2016 dovranno presentare un progetto di produzione che verrà valutato da una commissione formata dal presidente di giuria, dal presidente di Riccione Teatro e dal direttore di Riccione Teatro. La commissione sceglierà il progetto migliore valutando i requisiti artistici delle proposte, la loro realizzabilità, le possibilità di distribuzione e promozione dello spettacolo. Ogni eventuale modifica apportata al progetto vincitore del premio di produzione andrà preventivamente comunicata a Riccione Teatro, che si riserverà la facoltà di ritirare e ridestinare il premio di produzione qualora le modifiche apportate al progetto lo rendessero troppo discosto da quello approvato.

Art. 8 – Sostegno alla produzione (Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli”)
I finalisti dell’11° Premio Riccione “Pier Vittorio Tondelli” concorrono all’assegnazione di un premio di produzione indivisibile di € 10.000,00 (diecimila/00) a parziale copertura delle spese di allestimento del testo presentato in concorso. Entro il 29 febbraio 2016 dovranno presentare un progetto di produzione che verrà valutato da una commissione formata dal presidente di giuria, dal presidente di Riccione Teatro, dal direttore di Riccione Teatro e dal direttore di ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna. La commissione sceglierà il progetto migliore valutando i requisiti artistici delle proposte, la loro realizzabilità, le possibilità di distribuzione e promozione dello spettacolo. Ogni eventuale modifica apportata al progetto vincitore del premio di produzione andrà preventivamente comunicata a Riccione Teatro che si riserverà la facoltà di ritirare e ridestinare il premio di produzione qualora le modifiche apportate al progetto lo rendessero troppo discosto da quello approvato.
ATER – Associazione Teatrale Emilia Romagna si impegna a favorire la rappresentazione e la circuitazione sul territorio regionale.

Art. 9 – Promozione
Su tutto il materiale di pubblicità e informazione, sia a stampa che su altri media, vincitori e finalisti sono tenuti a comunicare il riconoscimento ottenuto. Per i progetti vincitori del premio di produzione dovranno inoltre comparire l’indicazione “In coproduzione con Riccione Teatro” e il logo di Riccione Teatro. In accordo con l’autore e nel rispetto della legislazione vigente sul diritto d’autore, Riccione Teatro provvederà alla massima diffusione dei testi vincitori e finalisti in Italia e all’estero.

Art. 10 – Quota di iscrizione
La partecipazione al concorso prevede il versamento di una quota di iscrizione pari a € 50,00 (cinquanta/00) per ogni testo inviato, a parziale copertura delle spese di segreteria. La quota di iscrizione dovrà essere versata, tramite bonifico bancario, sul conto corrente intestato ad Associazione Riccione Teatro presso Banca Carim, codice IBAN: IT 70 O 06285 24120 CC0205052541. Nella causale andranno indicati il nome dell’autore e il titolo dell’opera (o delle opere, in caso di iscrizione con più testi).

Art. 11 – Termine di iscrizione
L’edizione 2015 del Premio Riccione per il Teatro è aperta ai testi spediti o consegnati direttamente a Riccione Teatro entro lunedì 29 giugno 2015. In caso di spedizione farà fede il timbro postale. I testi inviati dopo tale data non verranno ammessi al concorso.

Art. 12 – Invio dei testi
Per partecipare è necessario spedire o consegnare la seguente documentazione all’indirizzo postale “Riccione Teatro c/o Villa Lodi Fè, viale delle Magnolie, 2 – 47838 Riccione (RN)”:
a) tre copie del testo dattiloscritte, numerate e unite nelle pagine;
b) ricevuta del pagamento della quota di iscrizione;
c) scheda di partecipazione compilata in stampatello, in maniera leggibile e firmata; la scheda è allegata al bando e potrà inoltre essere scaricata dal sito www.riccioneteatro.it.
Il pacco dovrà riportare l’indicazione “53° PREMIO RICCIONE PER IL TEATRO 2015”. L’organizzazione del Premio declina ogni responsabilità in caso di smarrimento del pacco durante la spedizione. Si consiglia di utilizzare un metodo di spedizione tracciabile.

Art. 13 – Copia digitale
Entro il 29 giugno 2015, pena l’esclusione dal concorso, andrà inoltre inviata una copia digitale del testo, in formato .pdf o .rtf, all’indirizzo email premio@riccioneteatro.it. L’email dovrà indicare nell’oggetto “53° PREMIO RICCIONE PER IL TEATRO 2015”.

Art. 14 – Privacy
I partecipanti con la sottoscrizione della scheda di partecipazione dichiarano di accettare integralmente le sopradescritte condizioni del bando e autorizzano l’utilizzo dei dati personali ai sensi del Codice della privacy (d.lgs. n. 196/2003). I testi inviati non verranno restituiti: gli autori autorizzano Riccione Teatro a conservare presso i propri archivi copia del testo inviato ai fini di conservazione, consultazione, conoscenza e studio, senza scopo di lucro.

info e scheda di partecipazione

Leggi altri BANDI E OPPORTUNITÀ

Ogni giorno Teatro e Critica seleziona le migliori news, opportunità lavorative e di formazione e le propone ai suoi lettori in forma totalmente gratuita e immediata. È un lavoro quotidiano che svolgiamo da più di 10 anni grazie al quale tanti professionisti hanno partecipato a importanti provini, bandi o percorsi di formazione.
Se pensi che tutto questo sia utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo che ci permetta di mantenere gratuita e aperta la sezione Opportunità!?

1 COMMENT

  1. LA GIURIA E’ OPINABILE ED ESPRESSIONE DELLE SOLITE LOBBY , 50 EURO PER SUPPOSTE SPESE DI SEGRETERIA E’ DA RIFIUTARE IN TRONCO.NON CREDO CHE SI ADDIVENGA A PREMI BASATI SUL MERITO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here