Cantare l’enciclopedia. L’ordine del discorso di Joris Lacoste

promo

Al Kunstefestivaldsarts di Bruxelles abbiamo visto Suite N°3 ‘Europe’ di Joris Lacoste, terza tappa dell’imponente progetto Encyclopédie de la parole. Recensione

Joris Lacoste
Ph. Frédéric Iovino

Se la frammentarietà caratterizza il ritmo della modernità, la post-post-modernità in cui navighiamo si può raccontare con tracce sincopate, con frammenti di realtà che riflettano – come tasselli di un mosaico in costante formazione – i colorati riflessi dell’amalgama complessa in cui l’umanità, chiassosa, si avvicenda. Così l’ultima grande opera del critico tedesco Walter Benjamin – Passagenwerk – è un montaggio di impressioni, idee, riferimenti, frammenti, “stracci”, che nel loro accostarsi fanno emergere significati inediti.
Così – seguendo un tracciato di senso altrettanto discontinuo – appare la drammaturgia composta da Joris Lacoste per il più recente appuntamento della Encyclopedie de la parole, progetto artistico collettivo che riunisce diverse personalità dall’arte e dalla sociolinguistica intorno al tema dell’oralità, nelle sue varie forme, con l’intento di costruire un inventario di parole registrate.

Il terzo raccordo di questo prospetto si chiama Suite N°3 ‘Europe’ e lo abbiamo visto al KVS Box, in occasione del Kunstenfestivaldasarts, a Bruxelles. Lo spazio scenico è stagliato da morbide stoffe candide, drappeggi che disegnano un luogo abitato da Bianca Iannuzzi, Laurent Deleluil e dal pianoforte a coda, suonato da Denis Chouillet. Mentre Suite N°1 ha impresso lo sguardo sull’evoluzione del parlato, tra vagiti neonatali e articolazione del discorso, Suite N°2 (visto a Oporto nel 2016) – attraverso le armonie di un coro di cinque performer – ha intrapreso lo studio dei frammenti, restituiti con una polifonia vocale, indagando gli effetti – in particolare quelli non desiderati – delle parole. Questo esperimento costituisce il passo preliminare al più ambizioso Suite N°3 – Europe, dove due cantanti e un pianista articolano una composizione cantata di estratti in ventiquattro lingue. Il repertorio è vasto e varia di registro e coloritura: dai sermoni paternalistici e omofobici di un imam, al linguaggio neutro e pulito di un europarlamentare danese, passi di opera in italiano, canzoni squisitamente pop, recriminazioni xenofobe, istruzioni di salvataggio, chiacchiericcio di una youtuber così fino a costruire un tappeto vocale intarsiato e contraltato dalla composizione sonora e musicale firmata di Pierre-Yves Macé, dove trovano spazio – tra gli altri – Lieder tedeschi, melodie francesi, fados portoghesi. Questo mélange musicale proviene da un’analisi e trascrizione delle parole, estratte dai documenti sonori, che ha fornito un’impalcatura a partire dalla quale capire e interpretare il mondo.

Joris Lacoste
Ph. Frédéric Iovino

Le 24 lingue parlate provengono dall’Unione Europea e compongono il ritratto di una mescolanza di tracce reali del mondo che, giustapposte secondo l’acuta logica drammaturgica e estetica di Joris Lacoste, si illuminano reciprocamente di senso, dando di volta in volta una gradazione differente: all’orrore della xenofobia più esplicita cede il passo il divertimento per il vociare disordinato di una youtuber, riproducendo da un punto di vista formale lo stilema, a tutti noto, del musical ma creando un attrito fertile tra la forma e il contenuto.
Sconquassando l’ordine dei discorso, Joris Lacoste con sguardo penetrante e sarcastico – che non diventa mai sardonico o giudicante – propone uno spettacolo elegante ed efficace. A tratti duro, capace com’è di tenere insieme schegge di passato e presente, da cui intravedere minacciosi i frammenti di futuro.

Giulia Muroni

Tournée
04/07/2018 > 07/07/2018 — Rakvere — Baltoscandal

ENCYCLOPÈDIE DE LA PAROLE – Suite n°3 Europe
Conception Encyclopédie de la parole
Composition et mise en scène Joris Lacoste
Composition et création musicale Pierre-Yves Macé
Interprétation Bianca Iannuzzi, Laurent Deleuil et Denis Chouillet (piano)
Collaboration artistique Elise Simonet
Chorégraphie Lenio Kaklea
Scénographie et lumière Florian Leduc
Son Stéphane Leclercq
Costumes Ling Zhu
Chef de chant Vincent Leterme
Coaching vocal Valérie Philippin
Stagiaire à la mise en scène François Bourrier
Traduction – gestion de projet Marie Trincaretto
Relecture et corrections Julie Etienne

Langues anglais, français, néerlandais, allemand, portugais, hongrois, polonais, roumain, croate, danois, maltais, italien, gaélique, tchèque, slovaque, espagnol, finnois, bulgare, grec, estonien, letton, lituanien, suédois, slovène, flamand

Coordinateurs de collecte, Joris Lacoste, Valérie Louys, Marion Siéfert, Elise Simonet

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
SHARE
Previous articleSeminario per attori e danzatori condotto da Vincenzo del Prete. #sponsor
Next articleTodi Off. Il teatro al Futuro Anteriore
Dottoressa magistrale in Filosofia con una tesi sul rapporto tra Walter Benjamin e Bertolt Brecht, collabora con Teatro e Critica da gennaio 2017. Dal 2015 frequenta il Seminario di Filosofia delle Arti Dinamiche, presieduto da Carlo Sini e Antonio Attisani. Ha coperto un ruolo di docenza in scrittura nelle scuole superiori, nell’ambito del progetto della Regione Autonoma della Sardegna, Tutti a Iscol@ nelle annualità 2016/2017 e 2015/2016. Ha svolto attività di consulenza drammaturgica in progetti promossi da Piemonte Live dal Vivo. Negli anni 2011-2013 ha partecipato a Siena al seminario di studi di genere “Presenti Differenti”, fondato da Maria Luisa Boccia e Michela Pereira. Dal giugno 2013 al dicembre 2016 ha collaborato con la webzine Pane Acqua Culture. Una recensione del 2014 è stata pubblicata nell’ambito del progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography anni Ottanta-Novanta) ideato da Marinella Guatterini, realizzato con la Fondazione Paolo Grassi. Ha seguito una formazione di danza classica e danza contemporanea e ha partecipato ad alcune produzioni presentate a festival e rassegne nazionali.