Teatro in video. Angels in America di Tony Kushner

Pubblicità: Campagna abbonamenti Teatro biondo di Palermo

Teatro in video 42° appuntamento. Parliamo del capolavoro di Tony Kushner, Angels in America, qui un video raro di una messinscena del 1993

Tra le controversie e i plausi che ne accompagnarono l’uscita, nel 1994, il saggio di Harold Bloom Il canone occidentale. I libri e le scuole delle età stupì i suoi lettori anche per l’inclusione di un recente testo teatrale, il cui debutto sui palcoscenici di Broadway risaliva soltanto all’anno precedente. In questa vertiginosa lista di opere considerate fondamentali per la definizione di una cultura occidentale, il decano della critica letteraria statunitense aveva inserito una creazione di assoluta contemporaneità, che tuttavia sembrava meritoria di una menzione accanto a titoli come Amleto, Guerra e pace o Ulisse già per i suoi soli aspetti formali: quasi sette ore di spettacolo divise in due capitoli dai titoli enigmatici ‑ Si avvicina il millennio e Perestroika ‑, un’azione scenica che si dipana dall’ottobre 1985 al gennaio 1990, circa trenta personaggi. Ma è nella densità di suggestioni e nella monumentale ricchezza tematica che Angels in America si rivelò immediatamente come un’odierna epopea: ritratto della società reaganiana, il capolavoro di Tony Kushner ne condensava lo Zeitgeist e al contempo delineava l’approssimarsi di nuove, sconosciute angosce.

Nella New York livida e sontuosa in cui Kushner muove una piccola folla di straordinarie figure ‑ gay e mormoni, ebrei e afroamericani, gli esponenti di minoranze lontane da quel paradiso wasp che il rampantismo dominante sembrava voler edificare ‑, è il virus dell’HIV a rivelare lo spirito del tempo e il suo orrore. Su una tela volta a illustrare le conseguenze del deflagrare della pandemia di AIDS, l’estro creativo di Kushner dipinge però un universo di simboli e metafore, accumulando con ironia yiddish riferimenti al maccartismo e accenni alla questione ecologica, riflessioni sul senso della storia e excursus sull’emigrazione europea. Epocale come opera letteraria, Angels in America lo fu anche come evento teatrale: l’opera vinse il premio Pulitzer, e l’allestimento al Walter Kerr Theatre ‑ di cui vediamo alcuni estratti ‑ riuscì ad aggiudicarsi il premio Tony. Diretta da George C. Wolfe, questa storica edizione del 1993 vede nel ruolo della dolente Harper un’ancora poco nota Marcia Gay Harden, premio Oscar nel 2001 per Pollock. In Italia furono Ferdinando Bruni ed Elio De Capitani a firmarne una versione indimenticabile (qui la recensione), insignita di tre premi UBU. E a ventiquattro anni di distanza dalla prima londinese diretta da Declan Donnellan, quei comici angeli che, affetti da una surreale ninfomania, profetizzano al sieropositivo Prior la vicina apocalisse di un mondo al collasso, stanno in questi giorni calcando il palco ‑ e fendendo l’aria ‑ del Royal National Theatre, in un allestimento diretto da Marianne Elliott.

Alessandro Iachino

Altri contenuti di TEATRO IN VIDEO

Teatro in video. Grazie alla collaborazione di utenti e studiosi di tutto il mondo, YouTube sta diventando un grande archivio anche per le arti performative. Ogni domenica anticiperemo la visione di un filmato storico con un nostro breve testo di presentazione o accompagnamento. Lasciate i vostri commenti su questa nuova iniziativa e aiutateci a scovare preziose rarità.

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
SHARE
Previous articleCompagnia regionale di Bolzano cerca attori per le regia di Serena Sinigaglia
Next articleGiancarlo Sepe. Il presente è una questione di classici
Alessandro Iachino dopo la maturità scientifica si laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Firenze. Dal 2007 lavora stabilmente per fondazioni lirico-sinfoniche e centri di produzione teatrale, occupandosi di promozione e comunicazione. Nel novembre 2014 partecipa al workshop di visione e scrittura critica TeatroeCriticaLAB tenuto da Simone Nebbia e Andrea Pocosgnich nell’ambito della IX edizione di ZOOM Festival, al termine del quale inizia la sua collaborazione con Teatro e Critica. Ha partecipato inoltre al laboratorio Social Media Strategies for Drama Review, diretto da Andrea Porcheddu e Anna Pérez Pagès per Biennale College ‑ Teatro 2015, e ha collaborato con Roberta Ferraresi alla conduzione del workshop di critica della Biennale College ‑ Teatro 2017. È stato membro della commissione di esperti del progetto (In)Generazione promosso da Fondazione Fabbrica Europa, ed è tutor del progetto Casateatro a cura di Murmuris e Unicoop Firenze.