Napoli Teatro Festival 2017: tutti i laboratori gratuiti

Napoli Teatro Festival 2017. Raccogliamo in questa pagina tutte le opportunità gratuite di formazione. La manifestazione diretta da Ruggero Cappuccio presenta percorsi formativi, laboratori e workshop con Peter Brook e Marie-Hélène Estienne, Francesco Sframeli e Spiro Scimone, Eimuntas Nekrosius, Elena Bucci, Laura Curino, Tomi Janežič, Andrea Renzi e tanti altri. Scadono il 28 aprile

Aggiornamento

Domande prorogate al 28 aprile!
Musica, scrittura, recitazione in senso stretto e perfino la tradizione delle guarattelle. Ottime notizie per artisti e “animali da palcoscenico”: sono aperte le iscrizioni ai laboratori del Napoli Teatro Festival, imperdibili opportunità di crescita e confronto con personalità della cultura internazionale.

In particolare, è stato prorogato al 28 aprile (e uniformato alla maggior parte delle attività previste) il termine ultimo per presentare la richiesta di partecipazione alla due giorni intitolata Atelier / Laboratorio di Creazione – con Peter Brook e Marie Hélène Estienne – e al percorso Theatre Bridges a cura di Eimuntas Nekrosius.

Brook e la Estienne proporranno un itinerario di ricerca teatrale – per giovani registi e drammaturghi dai 18 ai 30 anni – a partire dal saggio neurologico di Oliver Sacks L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello (Foyer Teatro di San Carlo, 10 e 11 giugno).

Nekrosius, invece, guiderà un’attività basata su diversi testi teatrali, in particolare sul Don Chisciotte di Cervantes (Teatro Trianon, dal 14 al 23 giugno).

Oltre a questi laboratori, il Napoli Teatro Festival propone Principles in Acting, a cura di Tomi Janežič, sulla tecnica dello psicodramma; Il Segreto delle Guarattelle del maestro Bruno Leone sull’antica arte delle guarattelle napoletane; Leggende d’Oro – Le vite dei Santi, di Laura Curino, sull’agiografia di personaggi storici e leggendari; Il corpo teatrale dalla scrittura alla rappresentazione, di Spiro Scimone e Francesco Sframeli, sulla pratica e l’attività relative alle drammaturgie internazionali; La regola del gioco, di Andrea Renzi, per approfondire le consapevolezze dell’attore nella relazione con i suoi strumenti di espressione; Il mare suona, di Elena Bucci, il cui tema di base è il mare, ispiratore di immagini tra cui quella del naufrago; Mozzarella NIGGA LAB, di Maurizio Capone Bungt e Bangt, su come costruire e suonare strumenti realizzati con materiali riciclati; Uomo Terra, di Enzo Marangelo, progetto di Hypokritès-Teatro Studio per rievocare il ritmo ancestrale della dinamica uomo-terra.

Tutti i laboratori sono gratuiti, il che significa che i partecipanti – una volta selezionati dai curatori – non saranno tenuti a versare alcuna quota di iscrizione. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 28 aprile.

Solamente i laboratori Mozzarella NIGGA LAB di Maurizio Capone e Uomo Terra, a cura di Enzo Marangelo, scadono il 15 aprile.

TUTTI I LABORATORI

Mozzarella _N_I_G_G_A_ LAB
dal 27 aprile al 20 maggio
Precipitato scenico il 30 giugno
Laboratorio a cura di Maurizio Capone
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Sala Assoli (Napoli)
Precipitato scenico il 30 giugno
Mozzarella _N_I_G_G_A_ LAB è un laboratorio sulla costruzione e l’utilizzo di strumenti fatti con materiali riciclati. Durante il percorso verranno stimolate anche tecniche di movimento legate al suono, cioè azioni sceniche e di movimento che scaturiscono dall’utilizzo stesso di questi strumenti.
Verranno scelti una quindicina di giovani musicisti, professionisti e non, che abbiano superato dei provini durante i quali saranno valutati per le loro qualità musicali e di coordinazione fisica. Il laboratorio condotto da Maurizio Capone, fondatore e guida di Capone & BungtBangt, sarà propedeutico per lo spettacolo che si terrà il 30 giugno in piazza del Gesù a Napoli.

UOMOTERRA
Solofra (AV)
6, 13, 20, 28, 29 maggio, 10 e 11 giugno
Prova aperta al pubblico il 18 giugno (da definire)
Laboratorio a cura di Enzo Marangelo
Hypokritès Teatro Studio
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Solofra (AV
Il progetto si sviluppa attraverso cinque incontri laboratoriali condotti in otto luoghi del territorio solofrano diversi per morfologia. Al termine dei cinque incontri, comincerà la fase di creazione e allestimento di un lavoro conclusivo in cinque incontri/prove che raccolgano, selezionino, coordinino e sviluppino tutto quanto prodotto dai partecipanti al laboratorio.

LABORATORIO IRREGOLARE
Chiesa Santa Maria della Misericordia ai Vergini
Dal 5 giugno al 10 luglio
Laboratorio a cura di Antonio Biasiucci
Nel dicembre 2014, a seguito di una selezione tenuta da Antonio Biasiucci, ha preso forma il gruppo della seconda edizione del “laboratorio irregolare”. Ogni fotografo ha dedicato due anni e mezzo a una ricerca volta alla creazione di una visione personale. L’artista ha condiviso con i partecipanti la sua esperienza creando le basi per un loro sviluppo professionale nel mondo dell’arte.
Il risultato del laboratorio viene presentato ogni volta in un posto emblematico della città; nel 2014 la sala delle prigioni del Castel dell’Ovo, quest’anno la chiesa di Santa Maria della Misericordia ai Vergini.

IL SEGRETO DELLE GUARATTELLE
Santa Fede
6, 7, 8, 9, 12, 13, 14, 15, 16, 19 giugno
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Il maestro di guarattelle Brunello Leone terrà a Napoli un laboratorio rivolto a un massimo di venti partecipanti che desiderano approfondire questa antica arte. Il percorso si articolerà in diverse tappe.[…]

IL CORPO TEATRALE DALLA SCRITTURA ALLA RAPPRESENTAZIONE
Dal 7 al 24 giugno
Piccolo Bellini
Laboratorio a cura di Francesco Sframeli e Spiro Scimone
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Il laboratorio condotto da Francesco Sframeli e Spiro Scimone «sarà un laboratorio sulla pratica e l’attività teatrale contemporanea con riferimenti ai contesti dei teatri e delle altre drammaturgie internazionali.
Partendo dallo studio di alcuni testi del nostro repertorio, svilupperemo insieme ai partecipanti un lavoro di creazione che nasce dalla ricerca del corpo dei personaggi, creati dall’autore, ma che prende vita, durante la rappresentazione, attraverso il corpo dell’attore, con la presenza del corpo dello spettatore.

LABORATORIO DI PETER BROOK E MARIE-HÉLÈNE ESTIENNE
Foyer Teatro di San Carlo
10, 11 giugno
Incontro con il pubblico 11 giugno
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua francese.
Il laboratorio condotto da Peter Brook e Marie-Hélène Estienne è destinato a giovani registi e drammaturghi dai 18 ai 30 anni. La ricerca teatrale si baserà sul testo L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello, un saggio neurologico di Oliver Sacks, pubblicato per la prima volta a New York nel 1985.
«Se un uomo può scambiare la propria moglie per un cappello, allora tutto è possibile. È matto? Nel momento in cui escludiamo questa ipotesi, ci troviamo davanti a un vero e proprio mistero. Il libro del neurologo Olivier Sacks apriva la strada a un mondo completamente sconosciuto e non sorprende che quest’opera sia divenuta un best-seller in tutto il mondo, non solo a causa del titolo, ma soprattutto perché il lettore si sentiva incuriosito, affascinato e sconvolto dalla ricchezza del materiale descritto.

THEATRE BRIDGES
Madre o Trianon
Dal 14 al 23 giugno
Prova aperta al pubblico 24, 25 giugno
Laboratorio a cura di Eimuntas Nekrosius
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Il regista lituano Eimuntas Nekrosius curerà un laboratorio destinato ad attori professionisti di età compresa tra i 23 e i 36 anni. L’attività si baserà su diversi testi teatrali ma in particolare sul Don Chisciotte di Cervantes. Si procederà a un’analisi teorica e pratica riguardo alla possibilità di interpretazioni sceniche differenti dei testi, soffermandosi sui profili dei personaggi, sulle soluzioni registiche e attoriali dei singoli monologhi e delle scene. Agli attori saranno assegnati compiti concreti che richiederanno un lavoro individuale e la capacità di improvvisare.

LEGGENDE D’ORO: LE VITE DEI SANTI
Teatro De Simone (Benevento)
Dal 16 al 24 giugno
Prova aperta al pubblico 24 giugno
Laboratorio a cura di Laura Curino
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
L’agiografia, sia essa documento storico, sociale o spirituale, sarà il terreno di un laboratorio di teatro della narrazione che affinerà la capacità di restituire le figure umane e spirituali di alcuni personaggi storici o leggendari, lo spazio ed il tempo in cui si sono mosse le loro vicende, gli intrecci, il loro linguaggio ed anche il portato poetico di tante storie che ci sono state consegnate dalla letteratura specifica e da secoli di storia dell’arte.
Prendendo spunto da testi narrativi che riguardano le vite dei santi (Passiones, Vite, Raccolte di miracoli, Martirologi, Relazioni su traslazioni di reliquie, Flores santorum, Biografie mistiche, Produzioni poetiche, Leggende, Inni e relativa Iconografia) gli allievi si cimenteranno nella scrittura di brevi testi destinati al teatro.
È prevista una presentazione finale aperta al pubblico, che potrà essere una lettura dei testi costruiti insieme ad opera degli allievi che desiderano farlo, o a cura della docente stessa.

PRINCIPLES IN ACTING
Teatro Sannazaro
Dal 19 al 25 giugno
Laboratorio a cura di Tomi Janežič
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Il workshop tenuto da Tomi Janežič, una delle voci più interessanti della nuova generazione di artisti dei Balcani, si basa sulla tecnica dello psicodramma quale piattaforma per le diverse tecniche creative dell’attore (e i diversi princìpi sui quali si basano). I partecipanti selezionati potranno esplorare le proprie specificità e potenzialità nei/dei processi creativi. Dall’altra parte il workshop esplora l’applicazione di tecniche psico-drammatiche al lavoro sul testo e sul personaggio teatrale.
Si porrà l’accento sull’uso dello psicodramma quale strumento per superare le barriere personali e relazionali, e le resistenze che si possono presentare quando ci confrontiamo con compiti creativi e quando esploriamo i princìpi basilari della recitazione in diversi sistemi recitativi che sono percepiti come opposti; il focus si basa su esempi tratti dal metodo di Strasberg e di Cechov, introducendo l’applicazione delle tecniche dello psicodramma al processo creativo della recitazione (uso creativo della teoria del ruolo, analisi attiva e creativa per esplorare la vita di un personaggio, le sue relazioni, le situazioni gli eventi, le circostanze date).

IL MARE SUONA. il naufragio
Chiesta di Sant’Eustachio (Salerno)
Dal 22 giugno al 2 luglio
Prova aperta al pubblico 2 luglio
Laboratorio a cura di Elena Bucci
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Prova aperta al pubblico 2 luglio
L’attrice e regista Elena Bucci torna nei luoghi conosciuti all’inizio del suo viaggio teatrale al fianco del maestro Leo De Berardinis, per partecipare al Napoli Teatro Festival con un laboratorio indirizzato ad allievi attori o attori professionisti, che prevede dieci giorni di lavoro e una prova aperta alla fine del percorso di ricerca teatrale. Ad ispirare il laboratorio sarà il tema del mare, che evoca innumerevoli immagini, tra le quali il motivo del naufragio: «Sullo sfondo del grande mito di Ulisse e dell’Odissea, che evoca le memorie orali più antiche, si affacciano molti altri naufraghi e naufragi, reali, immaginari, allegorici, presi dalla storia, dalla letteratura, dalla propria biografia. Il naufragio è perdita e rinnovamento, chiede di confrontarsi con le proprie forze e le necessità fondamentali, forse avvicina a nuove culture e nuovi linguaggi. Cosa salveremmo se dovessimo abbandonare la nave sulla quale siamo sempre stati? Come inventeremmo la vita in una nuova terra?».

LA REGOLA DEL GIOCO
Teatro Civico 14 (Caserta)
Dal 23 giugno al 4 luglio
Prova aperta al pubblico 5 luglio
Laboratorio a cura di Andrea Renzi
Il laboratorio è a titolo gratuito e sarà svolto in lingua italiana.
Il lavoro con i partecipanti al laboratorio tenuto da Andrea Renzi è indirizzato ad approfondire le consapevolezze dell’attore nella relazione con i suoi strumenti di espressione. Raramente si offrono occasioni d’incontro e di studio svincolate dalla preparazione di uno spettacolo, dove gli attori possano interrogarsi su ogni aspetto del loro mestiere e sul loro linguaggio. Intorno al tema d’indagine proposto dalla direzione artistica, l’architettura della Reggia di Caserta, verranno individuate questioni tecniche, poetiche, artigianali che possano stimolare il gruppo di lavoro composto da giovani attori.

QUI i singoli avvisi con le modalità di partecipazione e i link all’iscrizione

Info napoli Teatro festival 2017 e programma completo: www.napoliteatrofestival.it/edizione-2017/

Leggi altri BANDI e OPPORTUNITÀ