Finisce la direzione artistica di Mario Martone a Torino

Mario Martone, attualmente direttore artistico del Teatro Stabile di Torino – ormai Teatro Nazionale – non rinnoverà il contratto decennale. Abbiamo raggiunto telefonicamente Filippo Fonsatti, direttore del Teatro Stabile.

Mario Martone
Mario Martone

«Sarà rispettata la scadenza a conclusione del decennale di direzione artistica e, a partire dal 1 Gennaio 2018, Mario Martone passerà il testimone a un consulente artistico non ancora designato. Dal prossimo anno sarà infatti impiegato in un importante progetto cinematografico internazionale di cui, per scaramanzia, non dice nulla.
Anche se siamo dispiaciuti – dice Fonsatti – si tratta semplicemente di una dinamica fisiologica che però in Italia, visti gli esempi del passato e del presente, finisce per apparire una mossa inconsueta». Fonsatti potrebbe riferirsi ad alcune gestioni che hanno mantenuto l’incarico di direzione artistica per decenni interi.

Il direttore del Teatro Stabile di Torino ci tiene a ribadire che non si tratta dunque di un abbandono, ma di un “distacco progressivo prolungato”, che vede la firma di Martone sulla stagione 2017/2018 dello stabile torinese, oltre a una nuova produzione e ai lavori già rodati Morte di Danton e Il Sindaco del Rione Sanità. Ma invece, dal momento che nel DM del 1/07/2014 si delinea una figura di direttore tout court con incarichi gestionali, sarà rinnovata la mansione di direzione artistica?

«È una mansione di cui il teatro torinese non si vuole privare, ma sono in tanti a farne a meno, come ad esempio il Teatro di Roma. L’idea è di dotarsi di una persona con un’anima e un’identità specificatamente artistica; si tratterà infatti di raccogliere un’eredità importante, dato che Martone ha un profilo di regista a tutto tondo – teatrale, cinematografico, lirico (non a caso aprirà la stagione operistica del Teatro alla Scala di Milano). Siccome il teatro stabile di Torino è una partecipata, insieme ai soci – Comune, Regione, Fondazioni – nei prossimi mesi capiremo a chi destinare l’incarico di consulente artistico e quale sarà la modalità di reclutamento, se ad esempio avvalerci della procedura del bando. Nei prossimi mesi individueremo una modalità coerente che possa garantire una sostituzione di livello, con una personalità artistica forte».

Giulia Muroni

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
SHARE
Previous articleGifuni e il suo doppio: un certo Cortázar
Next articleFuori dalle barriere l’anarchia bellissima. The brig dal Living a Parma
Dottoressa magistrale in Filosofia con una tesi sul rapporto tra Walter Benjamin e Bertolt Brecht, collabora con Teatro e Critica da gennaio 2017. Dal 2015 frequenta il Seminario di Filosofia delle Arti Dinamiche, presieduto da Carlo Sini e Antonio Attisani. Ha coperto un ruolo di docenza in scrittura nelle scuole superiori, nell’ambito del progetto della Regione Autonoma della Sardegna, Tutti a Iscol@ nelle annualità 2016/2017 e 2015/2016. Ha svolto attività di consulenza drammaturgica in progetti promossi da Piemonte Live dal Vivo. Negli anni 2011-2013 ha partecipato a Siena al seminario di studi di genere “Presenti Differenti”, fondato da Maria Luisa Boccia e Michela Pereira. Dal giugno 2013 al dicembre 2016 ha collaborato con la webzine Pane Acqua Culture. Una recensione del 2014 è stata pubblicata nell’ambito del progetto RIC.CI (Reconstruction Italian Contemporary Choreography anni Ottanta-Novanta) ideato da Marinella Guatterini, realizzato con la Fondazione Paolo Grassi. Ha seguito una formazione di danza classica e danza contemporanea e ha partecipato ad alcune produzioni presentate a festival e rassegne nazionali.