Il Teatro Valle, l’Assessore e il Teatro di Roma: l’incontro

I comunicati stampa del Teatro Valle e del Teatro di Roma a seguito dell’incontro del 28 luglio 2014

 

teatro argentina teatro valle occupato incontroNel pomeriggio di ieri (28 luglio) una delegazione del Teatro Valle ha incontrato presso il Teatro di Roma l’assessore alla Cultura di Roma Capitale Giovanna Marinelli, il Presidente del TdR Marino sinibaldi e il direttore Antonio Calbi. Pubblichiamo qui i due comunicati diffusi dal Teatro di Roma e dal Valle Occupato al termine dell’incontro.

 

Teatro di Roma (pubblicato sulla pagina Facebook il 28/07/2014)

Teatro Valle. Marinelli: “Valorizzare esperienza e consegnare immediatamente il teatro alla Soprintendenza per i lavori”

L’assessore alla Cultura di Roma Capitale Giovanna Marinelli ha chiesto al Teatro di Roma di incontrare la Fondazione Teatro Valle Bene Comune per verificare la possibilità di una soluzione positiva che preveda la valorizzazione del lavoro svolto e l’immediata consegna del Teatro Valle alla Soprintendenza nazionale per i necessari improcrastinabili lavori di messa a norma. Tale incontro si è svolto presso il Teatro Argentina lo scorso mercoledì 23 luglio con la partecipazione di una delegazione degli artisti del Teatro Valle.In data odierna si è svolto un nuovo incontro tra il presidente Marino Sinibaldi, il direttore del Teatro di Roma Antonio Calbi, alla presenza dell’assessore alla Cultura Giovanna Marinelli e del presidente della commissione cultura Michela De Biase, durante il quale l’Assessore ha sottolineato che l’affidamento del Teatro Valle al Teatro di Roma ne garantisce una gestione “pubblica” sventando ogni passata e futura ipotesi di privatizzazione.Inoltre Roma Capitale e il Teatro di Roma hanno riconosciuto il percorso culturale e artistico compiuto dagli artisti della Fondazione dal 2011 e assicurato l’avvio di un progetto condiviso che ne salvaguardi i migliori risultati e le esperienze realizzate nella logica di un teatro partecipato anche dalle associazioni e dagli artisti attivi nella città di Roma.Infine, il Teatro di Roma, in collaborazione con Roma Capitale, ha assicurato il proprio impegno nella individuazione di spazi che consentano la conclusione di quelle iniziative artistiche attualmente in corso presso il Teatro Valle.A conclusione dell’incontro al quale ha partecipato un’ampia delegazione degli artisti del Teatro Valle, l’Assessore, ha ribadito la contestualità tra questi impegni assunti e la consegna del Teatro Valle alla Soprintendenza per i lavori entro la data del 31 luglio 2014.

 
Teatro Valle (pubblicato sul sito il 28/07/2014)

IL TEATRO VALLE BENE COMUNE È IN PERICOLO!

Roma, 28 luglio 2014

Oggi, al Teatro Argentina, la Fondazione Teatro Valle Bene Comune è stata convocata dal Teatro di Roma nelle figure del suo presidente Marino Sinibaldi e del direttore artistico Antonio Calbi, alla presenza del Presidente della Commissione Cultura, Michela Di Biase, e del neo Assessore alla Cultura di Roma, Giovanna Marinelli.

Abbiamo accolto l’invito – che auspicavamo dal 18 settembre 2013, giorno della costituzione della Fondazione – con assoluta disponibilità ad aprire un dialogo fondato sul confronto partecipato e a uscire dallo stato di illegalità in cui ancora versa la Fondazione Teatro Valle Bene Comune.

Nella piena disponibilità ad avviare da subito un momento di transizione che porti all’uscita dall’attuale stato di occupazione, abbiamo proposto l’apertura di un percorso pubblico per il conseguimento di un nuovo modello partecipato che raccolga le sperimentazioni elaborate nel corso di questi tre anni, presentando le seguenti proposte:

- un percorso di dialogo e interlocuzione pubblico e trasparente a livello cittadino che sia garanzia per i 5600 soci, con l’obiettivo di gestire la delicata fase di transizione verso un modello di teatro partecipato;

- che in ogni fase del processo di transizione siano presenti le istituzioni competenti, la Fondazione Teatro Valle Bene Comune e il Teatro di Roma;

- un accordo programmatico scritto che preveda nella futura collaborazione tra Teatro di Roma e Fondazione Teatro Valle Bene Comune la realizzazione di un nuovo modello di gestione partecipata del Teatro Valle che recepisca i seguenti principi:

  • Principi artistici:

◦       direzione artistica a chiamata pubblica su progetto

◦       salvaguardia dei principi che animano la vocazione artistica di questa esperienza basati su: formazione, drammaturgia contemporanea, relazioni nazionali e internazionali, interdisciplinarietà, teatro aperto alla cittadinanza.

  • Principi di natura gestionale-economica

◦        tutela dei diritti dei lavoratori

◦        rapporti di lavoro basati su un equilibrio tra paghe minime e massime e ispirati a un principio di equità

◦        una politica dei prezzi che garantisca l’accesso a tutti

  • Principi di governo del teatro

◦        cariche esecutive turnarie

◦        partecipazione democratica nei processi decisionali

Accogliendo la preoccupazione espressa da più parti sullo stato dello stabile, la Fondazione si è detta immediatamente pronta a farsi garante dell’accesso al Teatro Valle per l’esecuzione di ogni necessario sopralluogo e valutazione da parte delle istituzioni competenti.

Ha proposto per la fase di transizione, visto il valore storico-artistico dell’edificio del Teatro Valle, la formazione di una commissione di garanti di alto profilo scientifico – Tomaso Montanari, Salvatore Settis, Paolo Maddalena, Massimo Bray, Ugo Mattei, Paolo Berdini – che hanno dato la loro disponibilità a fornire supporto e garantire trasparenza sulle opere da eseguire, i tempi e i costi delle stesse, si veda la lettera allegata.

In risposta, ci è stata presentata come conditio sine qua non a ogni tipo di interlocuzione, l’imprescindibile e immediata uscita degli occupanti dal Teatro Valle e la sua consegna al Teatro di Roma e alla Soprintendenza Nazionale per lavori di restauro e messa a norma.

Alla nostra richiesta di apertura del tavolo, di garanzie scritte, di concordare tempi e modalità necessari alla risoluzione di quanto proposto è stato risposto con un diniego assoluto e una chiusura totale da parte di tutti i rappresentanti delle istituzioni presenti.

La convocazione si è rivelata di fatto un ultimatum senza margini per ogni possibile dialogo.

Troviamo preoccupanti le dichiarazioni espresse dall’assessore Marinelli che sembrano ridurre l’esperienza di questi tre anni esclusivamente a un problema da risolvere in modo sbrigativo e non come un’opportunità per la città e per il Paese.

Continuiamo a credere nella possibilità di una risoluzione che passi attraverso il dialogo e che sia pacifica e non violenta.

Abbiamo convocato per domani alle ore 12.00 una conferenza stampa e per le ore 17.00 un’assemblea pubblica.

Fondazione Teatro Valle Bene Comune

 

Tutti gli articoli sul TEATRO VALLE OCCUPATO

Tutti gli articoli sulle POLITICHE CULTURALI A ROMA