Festa di Teatro EcoLogico 2014 (21- 29 giugno Stromboli)

FESTA DI TEATRO ECOLOGICO
PROGRAMMA
Isola di Stromboli 21-29 giugno 2014

 

Sabato 21 giugno 2014 ore 19:30 Spazio antistante il Ristorante “Osservatorio”
con Nadia Fusini, Laura Mazzi e Antonia Harper
IL SOLE SOPRA IL VULCANO
Performance di Musica e Poesia

Vulcani non ne aveva mai visti, Emily Dickinson, nata e vissuta ad Amherst, Massachusetts. Ma vulcanica lei sentiva la vita. Ai vulcani e al sole dedicò molte poesie. Nada Fusini, davanti alle eruzioni dello Stromboli e di fronte al sole che tramonta, ci guiderà all’ascolto di una voce abbagliante che, da un cantuccio del mondo, con la sua poesia, ce lo ha svelato.

Domenica 22 giugno 2014 ore 17:30
Lunedì 23 giugno 2014 ore 17:30
Martedì 24 giugno 2014 ore 17:30 Libreria sull’isola
con Marie Ohrn e Sneska Vucetic Bohm
PLANTING PERFORMANCE

Performance interattiva per bambini dai 3 ai 93 anni
Vi piacerebbe sapere cosa prova un fiore? Vi sentite persi o sradicati e vorreste riprendere contatto con la terra? Lasciatevi piantare! E’ l’invito di Marie Öhrn, attrice e performance artist svedese. Per tre pomeriggi, per circa tre ore, Marie ci aspetta in un giardino per provare l’ebbrezza di essere piantati e sentire le nostre radici. Si può semplicemente guardare o partecipare al processo (di quattro minuti) di venir piantati in un grande vaso. Un’esperienza, assicura Marie, durante la quale la maggior parte delle persone cresce di qualche centimetro… Alla fine i piedi vengono lavati e, chi vuole, può disegnare o scrivere qualcosa della sua esperienza su un cartone da appendere a un albero. Secondo e terzo incontro il 23 e il 24 giugno alla stessa ora.

Domenica 22 giugno 2014 ore 19:00 Spazio antistante il ristorante Zurro
con Guido Giordano e Laura Mazzi
e i pittori Elvira Maresca Pirozzi, Paola Saffiotti, Colapesce, Maurizio Aghemo, Karin Melbi, Agata Monti
STORIE DI VULCANI
Conferenza-Spettacolo

Guido Giordano, vulcanologo ricercatore presso il Dipartimento di Scienze dell’Università di Roma Tre, racconta il fenomeno del vulcanismo confrontando il linguaggio del sapere scientifico con quello di storie e leggende generate dai vulcani in varie epoche e parti del mondo.Laura Mazzi legge storie e leggende provenienti da Costa Rica, Hawaii, Filippine: storie che ci aiuteranno a comprendere meglio il rapporto profondo tra comunità umane e fenomeni naturali e in quanti modi si sia costruito rispetto e resilienza di fronte agli eventi vulcanici. A queste storie e leggende sono ispirate le opere originali realizzate da alcuni pittori di Stromboli.

Domenica 22 giugno 2014 ore 18.00 Piazza San Vincenzo
Mario Cusolito
INCONTRO CON MARIO CUSOLITO

L’ormeggiatore più famoso dell’isola, pescatore, panettiere e pittore indigeno, ci parla del dipinto che ha donato alla Chiesa di San Vincenzo e della leggenda di San Bartolo.

Domenica 22 giugno 2014 ore 22:00
Hossein Taheri e gli archeologi degli scavi
CIRCE, LA MAGA
Mise en espace

Chissà se gli antichi abitanti di Stromboli videro le navi di Ulisse che veleggiavano verso l’incontro con Circe, la maga, figlia del Sole… Chissà se il Palazzo di Eolo Ippotade lo immaginassero proprio alle isole Eolie…
Hossein Taheri legge il X canto dell’Odissea e gli archeologi ci parlano degli scavi che stanno riscoprendo il villaggio di quei tempi.

Lunedì 23 giugno 2014 ore 18:30 Casa Bergman, Stromboli
Nadia Fusini
DI VITA SI MUORE: INCONTRO CON AMLETO
conferenza-spettacolo

Quando il Re Claudio, usurpatore del trono di Danimarca, chiede a suo nipote Amleto (di cui ha ucciso il padre) perché si mostri ancora tanto “rannuvolato”, Amleto risponde: “Non è così, mio signore. Sono fin troppo al sole.” Ma l’inglese “too much i’ the sun”, all’orecchio che senta pronunciar la battuta, rivela l’ omofonia tra “sun” (“sole”) e “son” (figlio). Troppo figlio e troppo al sole. Nadia Fusini ci accompagnerà ad un incontro ravvicinato con il più celebre principe del teatro di tutti i tempi, di cui ha scritto pagine dense nel suo libro “Di Vita Si Muore”.

Martedì 24 giugno 2014 ore 21:00 in luogo da definire
4.45 Porto “Il sole non s’era ancora levato…”
6.30 Davanti al Malandrino “Il sole salì più in alto.”
8.30 Spazio Antistante Canneto “Il sole si levò.”
10.30 Piazza S. Vincenzo “Il sole, levatosi…”
12.30 Campo Sportivo “Il sole s’era levato al suo colmo.”
17.00 Libreria dell’Isola “Il sole non era più nel mezzo del cielo.”
20.00 Molo Vecchio “Il sole era ora calato più basso nel cielo.”
20.30 Anfiteatro Eos “Il sole calava.”
21.00 Luogo da definire “9 PRELUDI AL SOLE”
Laura Mazzi e Guido Giordano
9 PRELUDI AL SOLE
Site-specific performace

Nel suo capolavoro “Le Onde” Virginia Woolf cadenza lo svolgersi della vita dei suoi 6 personaggi con dei brevi poemi in prosa in cui descrive gli effetti della luce del sole sulla natura e sulle cose a seconda della posizione dell’astro in cielo nell’arco di una giornata, da quando “il sole non s’era ancora levato” a quando “il sole era tramontato”. Laura Mazzi, accompagnata dal clarinetto di Guido Giordano, li leggerà in 9 diversi luoghi dell’isola e alla corrispondente ora del giorno, per poi legarli in un unico flusso quando il sole ha terminato il suo corso da questa parte dell’emisfero (h.21.00).

Mercoledì 25 giugno 2014 ore 19:30 Anfiteatro EOS
regia di Alessandro Fabrizi
con Le Cardamomò e i partecipanti al laboratorio “Ovidio & co”
TOO MUCH IN THE SUN: FETONTE

La mise en espace dei materiali elaborati nel corso del seminario per voce e testo tenuto quest’anno da Alessandro Fabrizi e Merry Conway con la partecipazione di Nadia Fusini. Il laboratorio per voce e testo si apre al pubblico presentando i materiali elaborati nel corso delle settimane trascorse sull’isola
Al centro dell’esplorazione è il mito di Fetonte per come è raccontato da Ovidio nelle Metamorfosi, dove si narra appunto come il giovane Fetonte, figlio di Elio (il Sole) e di Climene, esponendosi troppo al sole (il padre) e pretendendo di guidare il suo carro, dopo aver creato uncosmico disastro venga ucciso da Giove e precipiti nel fiume Eridano, dove viene pianto dalle sorelle Eliadi che si trasformano in pioppi, piangendo lacrime di ambra. A questo personaggio e a i temi che evoca sono state accostate figure altrettanto “colpite dal sole”, da una luce che illumina e scalda e dall’altra abbaglia, rende folli, dilania, come Atteone, Amleto, Ofelia…

Giovedì 26 giugno 2014 ore 19:30 Megà
con Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi
IL COPERNICO
Mise en espace

La Prima Ora del Giorno dice al Sole: Eccellenza, bisogna andare a far giorno! Ma al Sole, quel giorno, non va. Comincia così una delle più divertenti “Operette Morali” di Leopardi, “Il Copernico”, che vede inoltre tra i suoi interlocutori l’Ora Ultima e, appunto, il noto astronomo. L’ascolteremo da Giuseppe Carullo (il Sole) e Cristiana Minasi (L’Ora Prima e l’Ora Ultima). Un’anteprima esclusiva per Stromboli.

Venerdì 27 giugno 2014 ore 18:00 Spiaggia di Scari
Valentina Musolino e Eugenio Di Vito
ILOBATIDI (GIBBONI)
Danza

I gibboni, ossia le scimmie della famiglia Hylobatidae, vivono in coppie monogame che duettano vocalmente ogni mattina al sorgere del sole danzando tra i rami. Due umani danzanti e cantanti, Valentina Musolino e Eugenio Di Vito, si incontrano su una spiaggia dell’isola per celebrare il tramonto e giocare con il legame che ancora ci unisce alle nostre antenate scimmie.

Venerdì 27 giugno 2014 ore 19:00 Spazio antistante Zurro (Spiaggia di Scari)
con Rosario Gugliotta presidente di Slow Food Eolie
a cura di Leonardo Gambardella e la condotta Isole Slow siciliane
TEATRO DEL GUSTO – APERITIVO SLOW FOOD
Enogastronomia

Una serata dedicata alla degustazione dei sapori siciliani ed eoliani in particolare. Una delizia per il palato, per le orecchie, per il cuore: agli spettatori verrà offerta una degustazione mentre ascoltano il racconto di quei sapori negli immortali brani della letteratura siciliana.

Venerdì 27 giugno 2014 ore 21.00
Prima parte ore 21.00, Medea dalle Argonautiche ore 22.15, Seconda Parte ore 23.00 Parco Parco
con Mita Medici e altri lettori in flusso
a cura di Tommaso Capodanno e Alice Bologna
LA DANZA DELLE STREGHE
Maratona di letture

Maratona di lettura (con sonorizzazioni musicali e danze e altre sorprese) di brani dal libro di Macrina Marilena Maffei. Una “notte delle streghe” per ricordare tutte quelle cose “in cielo e in terra” che non conosce la nostra filosofia… Alle 22.00 Mita Medici ricorda i magici poteri di Medea, nipote del Sole, con le parole di Apollonio Rodio dalle “Argonautiche”.

Sabato 28 giugno 2014 ore 20:00 Libreria sull’Isola
Patrizia Zappa Mulas
IL DIARIO DI OFELIA
Monologo Teatrale

“Povera me!” dice Ofelia al termine di un intenso incontro/scontro con Amleto, “che ho visto quel che ho visto, che vedo quel che vedo” (Atto III, scena 1). Anche lei è rimasta toccata dal “troppo sole” a cui si è esposto il Principe. Di lei ci parla Patrizia Zappa Mulas, condividendo il suo percorso di prove per una celebre messa in scena del testo di Shakespeare, con la regia di Carlo Cecchi, al Festival di Spoleto del 1989.

Domenica 29 giugno 2014 ore 12:00 Ginostra
Artisti vari
GINOSTRA: EVENTO A SORPRESA
Performance

Nel piccolo porticciolo di Ginostra una performance a sorpresa. Il luogo dell’evento è raggiungibile in barca in convenzione con la Festa di Teatro Eco Logico

Domenica 29 giugno, ore 23:30 Sagrato di San Bartolo
Nada Malanima (voce)
Francesco Motta (chitarra)
NADA: STORIE E CANZONI
Concerto Acustico Voce e Chitarra

“Sono stata illuminata a giorno…” canta Nada nella sua “Inganno” del 1999. Agli abbagli del sole e della luna (in piena), alle Madri, agli Angeli caduti dal cielo, al teatro del Cambalèo e passando per la Maremma amara, è dedicato questo incontro, di storie e canzoni, con un’artista che ama le stelle e alla luce delle stelle ci offre un evento esclusivo, rigorosamente acustico, voce e chitarra senza alcuna amplificazione elettrica.

Tutte le info sul sito Festa di teatro EcoLogico