Il topo nel cortile familiare. Falleri colpisce nel segno

Recensione dello spettacolo Il topo nel cortile in scena al Teatro Belli

 

Foto Ufficio Stampa
Foto Ufficio Stampa

C’è una scenografia completamente rossa il cui fondale è rappresentato da una lunga cassettiera che occupa gran parte del palco, un tavolo con un paio di sedie e sulla sinistra un divano, al centro una finestra, scena calda come le luci, ambiente mentale più che reale, da incubo borghese; ci sono dei colpi di pistola all’inizio e alla fine dello spettacolo, quasi dei flash che spengono e accendono il palco improvvisamente, ma soprattutto al Teatro Belli c’è uno di quei testi che vorremmo trovare più spesso nei palcoscenici romani che abitualmente si riconoscono nella nuova drammaturgia. Il topo nel cortile scritto e diretto da Daniele Falleri ha la capacità di pungolare lo spettatore innescandone la messa in crisi, forzandolo a prendere una posizione. Come nel dramma borghese al centro del discorso vi sono le scelte degli individui rispetto alla società; ma questo meccanismo si moltiplica all’interno di quel microcosmo che è la famiglia, in questo caso organizzato secondo un disegno matriarcale: madre al comando (fenomenale interprete Elena Russo), marito succube e dalla personalità mite (Emanuele Salce credibile e quasi mai forzato), figlio adolescente avventato e istintivo (Andrea Standardi), figlia sordomuta di sedici anni (Laura Adriani).

Foto Ufficio stampa
Foto Ufficio Stampa

La scena si apre con i genitori che hanno da poco scoperto la futura maternità della figlia; la ragazza è incinta e la madre da subito comincia a dettare le regole del gioco, lo farà fino alla fine, anche quando le carte in tavola cambieranno rivelando un disegno doloroso e inaspettato. Il testo è infatti innervato di una divertente comicità che però da un certo momento cammina di pari passo con un senso del tragico decisamente contemporaneo, fatto di silenzi, bugie, ipocrisie e sottomissioni. E allora anche la scenografia con quella grande cassettiera – che sembra fatta appositamente per nascondere segreti – e la spinta cromatica della luce acquisiscono valore simbolico, quasi un presagio rispetto alla scansione cronologica degli eventi.
La ragazza – ottima la giovane Adriani in un personaggio silente, ma capace di urlare con il proprio linguaggio gestuale – si scoprirà incinta, ma non del proprio fidanzato; le mani del fratello si macchieranno di sangue, mentre quelle della madre saranno intente a proteggere l’onore familiare a tutti i costi finanche alla scoperta di una morbosità tutta interna alla famiglia stessa. La negazione dei fatti come unica salvazione possibile e il ribaltamento ipocrita dei valori diventano strumenti necessari.

Ché non è insomma il valore della vita a predominare, ma un cieco e bigotto perbenismo capace di passare sopra tutto. È nel mezzo di questi fatti che deve trovarsi la drammaturgia contemporanea – e il testo di Falleri ci riesce con disinvoltura – facendo del teatro un laboratorio politico ed etico espanso che non cerchi risposte, ma produca domande.

Andrea Pocosgnich
Twitter @andreapox

visto al Teatro Belli in marzo 2014

Teatro Roma programmazioneVuoi qualche consiglio sugli spettacoli da vedere a Roma?

 

Teatro Roma – Spettacoli in Agenda

Ogni settimana gli spettacoli da non perdere, una guida per orientarsi fra i numerosi teatri di Roma

IL TOPO NEL CORTILE
scritto e diretto da Daniele Felleri
con Elena Russo, Emanuele Salce, Laura Adriani
e Andrea Standardi
Costumi Alexandra Toesca
Musiche Marco Schiavoni
scene Valerio Cappelletti e Costantino Pellegrino
Aiuto Regia Antonella Ricchiuti
una produzione LDM Comunicazione
Organizzazione Fabrizio Perrone ITS Italia Spettacoli

Gli articoli di Teatro e Critica, che sono frutto di un lavoro quotidiano di ricerca, scrittura e discussione approfondita, sono gratuiti da 8 anni.
Se ti piace ciò che leggi e lo trovi utile, che ne dici di sostenerci con un piccolo contributo?
SHARE
Previous articleIl Teatro Potlach sogna Fellini
Next articleTestimonianze ricerca azioni 2014 ( Genova 1 aprile – 4 maggio)
Laureato in Storia del Teatro presso l’Università Tor Vergata di Roma con una tesi su Tadeusz Kantor, ha frequentato il master dell’Accademia Silvio D’Amico dedicato alla critica giornalistica, ha fondato nel 2009 Teatro e Critica di cui attualmente è uno degli animatori. Come critico teatrale e redattore culturale ha collaborato anche con Quaderni del Teatro di Roma, Metromorfosi, To be (free press dedicata al teatro), Hystrio, Il Garantista. Da alcuni anni insieme agli altri componenti della redazione di Teatro e Critica organizza una serie di attività formative rivolte al pubblico del teatro. Dal 2013 al 2014 è stato uno degli insegnanti di Storia del Teatro del progetto Lazio in Scena. Nel 2013 ha ideato e progettato (insieme agli altri componenti di Teatro e Critica) la app Teatro Pocket.